AREA RISERVATA - CAF MCL

VADEMECUM PER ASSEGNO UNICO QUANDO IL FIGLIO DIVENTA MAGGIORENNE

Caf News 24
VADEMECUM PER ASSEGNO UNICO QUANDO IL FIGLIO DIVENTA MAGGIORENNE 1209 0

La percezione dell’assegno può proseguire fino al compimento dei 21 anni di età, vediamo cosa succede quando il figlio diviene maggiorenne dopo che la domanda è stata già presentata.

articolo di cafnews24

È in vigore dal mese di marzo 2022 l’assegno unico e universale per i figli a carico. La misura é erogata direttamente dall’INPS su domanda dei soggetti interessati.

L'assegno spetta in parti uguali a chi esercita la responsabilità genitoriale, salvo quanto previsto, con riguardo all'ipotesi di affidamento esclusivo, nomina di tutore e presentazione della domanda da parte dei figli maggiorenni.

In aggiunta al “carico” dei figli, viene richiesto al richiedente, al momento della presentazione della domanda e fermo restando il perdurare per tutta durata del beneficio, il rispetto congiuntamente dei seguenti requisiti:

  1. cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell'Unione Europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero sia cittadino di uno Stato non appartenente all'Unione Europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o sia titolare di permesso unico di lavoro autorizzato a svolgere un'attività lavorativa per un periodo superiore a 6 mesi o sia titolare di permesso di soggiorno per motivi di ricerca autorizzato a soggiornare in Italia per un periodo superiore a 6 mesi; 
  2. assoggettamento al pagamento dell'imposta sul reddito in Italia;
  3. residenza e domicilio in Italia;
  4. residenza in Italia da almeno 2 anni, anche non continuativi, o titolarità di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno pari a 6 mesi.
  5. presenza di almeno un figlio fiscalmente a carico.
  6. Limiti anagrafici dei figli

Il messaggio INPS n.1714 del 20/04/22 chiarisce che le condizioni mutano nel momento in cui i figli divengono maggiorenni.

L’importo mensile, che va da un minimo di 50 euro a un massimo di 175 euro, considerando solo la cifra base, si riceve per i tre anni successivi al compimento della maggiore età solo in presenza di uno dei seguenti requisiti:

  1. frequenza di un corso di formazione scolastica o professionale, ovvero un corso di laurea;
  2. svolgimento di un tirocinio ovvero un’attività lavorativa con un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui;
  3. registrazione come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego;
  4. svolgimento del servizio civile universale.

Però anche queste condizioni non garantiscono il beneficio in capo ai soggetti che detengono la podestà genitoriale, ad esempio può accadere che:

- i ragazzi o le ragazze presentino una nuova domanda autonoma che fa decadere quella presentata dai genitori in precedenza: in questo caso i pagamenti sono effettuati direttamente a beneficio dei giovani interessati;

- i figli non procedono in autonomia, e la richiesta inoltrata all’INPS in principio viene posta in stato di “Evidenza”: per continuare a ricevere gli importi previsti è necessaria una integrazione per dichiarare di essere in regola con i nuovi requisiti richiesti.

Per ciascun figlio maggiorenne, fino al compimento dei 21 anni, l’importo dell’assegno unico previsto è pari a:

  1. 85 euro mensili in caso di ISEE uguale o inferiore a 15.000 euro;
  2. decresce gradualmente all’aumentare del valore ISEE, 25 euro in corrispondenza di un ISEE pari a 40.000 euro o quando non sia presentato alcun ISEE.
  3. In caso di figlio in condizione di disabilità, non sussistono limiti di età ed è prevista una maggiorazione fino al compimento dei 21 anni pari ad 80 euro mensili sull’assegno riconosciuto.

Nel caso in cui sia necessario variare i dati dichiarati per la percezione dell’assegno, all’interno della domanda già presentata, attraverso il tasto funzione “Modifica”, è possibile variare i seguenti campi delle schede figlio:

  1. variazione o inserimento della condizione di disabilità del figlio;
  2. variazioni della dichiarazione relativa alla frequenza scolastica/corso di formazione per il figlio divenuto maggiorenne (18-21 anni);
  3. modifiche attinenti all’eventuale separazione o coniugio dei genitori;
  4. criterio di ripartizione dell’assegno tra i due genitori sulla base di apposito provvedimento del giudice o dell’accordo tra i genitori;
  5. spettanza delle maggiorazioni previste;
  6. variazioni attinenti alle modalità di pagamento prescelte dal richiedente e dall’eventuale altro genitore.

N.B.: È necessario presentare tempestivamente la domanda di variazione, poichè le modifiche hanno effetto dal momento in cui sono inserite in procedura e, pertanto, non generano il diritto a conguagli per importi arretrati. Unica eccezione a questa regola è costituita dalla dichiarazione relativa alla condizione di disabilità del figlio laddove preesistente alla modifica in domanda che ha effetto retroattivo dalla data di decorrenza della disabilità.

All’interno della sezione “Consulta e gestisci le domande che hai presentato”, nella visualizzazione di riepilogo è presente un campo denominato “Evidenze”, in cui sono mostrate le eventuali criticità emerse durante la fase istruttoria e che ne impediscono il completamento. Se le evidenze sono più di due, la lista può essere visualizzata accedendo al dettaglio della domanda e selezionando il tab “Evidenze”.

Print
Rate this article:
1.3

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

CESSIONE INCAGLIATA VEDIAMO LA SOLUZIONE

Piccola guida per risolvere l’empasse delle cessioni bloccate

IMPORTANTE NOVITA’ SULLA SOLIDARIETA’ IN RELAZIONE ALLE RESPONSABILITA’ PER CESSIONE CREDITI

Il decreto aiuti ridisegna i limiti della responsabilità solidale nel caso di cessione fraudolenta di crediti

ANCORA SUL RAGGIUNGIMENTO DELLA SOGLIA DEL 30%

La Commissione consultiva per il monitoraggio dell’applicazione del D.M. 28/02/2017, n. 58 interviene con indicazioni precise …. ma...

L'approfondimento

Analisi termini per: spedizione, modifica ed integrazione dei modelli 730/22

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un’analisi della questione relativa al permanere del beneficio alla luce del recente giudicato da parte della Cassazione e dell’evoluzione normativa.

Commenti

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Nella Legge di Bilancio, al netto degli effetti legati agli esiti delle elezioni, potrebbe trovare spazio una nuova pace fiscale.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021