AREA RISERVATA - CAF MCL

SANZIONI PER TARDIVA REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Commenti
SANZIONI PER TARDIVA REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE 1160 0

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

articolo di CAF News 24

L'importo della sanzione da irrogare al contribuente per la tardiva registrazione del contratto di locazione va ragguagliato all'imposta dovuta per la prima annualità di contratto. Questa è la precisazione rinvenibile nel dispositivo della Suprema Corte di Cassazione - Sez. VI-T, ord. n. 25784/2022.

Questo è un importante dispositivo che interviene a fronte della tardiva registrazione e conseguente liquidazione, dell’imposta di registro calcolata (opzionalmente) per l’intera durata della locazione.

Nello specifico l’Agenzia delle Entrate commisurava la sanzione all’intero importo dell’imposta di registro, che il contribuente aveva scelto di liquidare sull’intero periodo della locazione. Sappiamo infatti che questa è un’opzione riconosciuta ai proprietari di immobili in ordine al calcolo dell’imposta da liquidare sui canoni di locazione. L’imposta di registro potrà essere versata annualmente oppure come nel caso in questione preventivamente per l’intera durata del contratto.

Orbene l’agenzia disconoscendo la determinazione del pagamento dell’imposta laddove calcolata (per scelta) sull’intero periodo di locazione, sanzionava il contribuente con riferimento a tutte le annualità, a seguito di ciò gli Ermellini riprendendo precedenti orientamenti hanno disposto che la sanzione a prescindere dalla volontà di pagare l’imposta di registro per l’intero periodo, andrà ragguagliata comunque alla sola prima annualità.

La soluzione interpretativa adottata dal Supremo Collegio si fonda sulla base dell'impostazione accolta dalla Corte costituzionale (ord. 28 dicembre 2006 n. 461, richiamata anche da Cass. 21792/2012 e n. 28403/2021) secondo cui la facoltà di cui all'art. 17 T.U.R. di optare per il pagamento del tributo in unica soluzione con riferimento al corrispettivo pattuito per l'intera durata contrattuale «non modifica il carattere annuale del tributo relativo alle indicate locazioni di immobili urbani, perché, come risulta dai lavori preparatori della legge n. 449 del 1997, il legislatore ha introdotto l'opzione di pagamento in unica soluzione solo per consentire all'erario di incamerare anticipatamente gli importi dell'imposta dovuti per ciascun anno e, a questo fine, ha previsto un meccanismo incentivante (...)».

Ulteriore conferma del carattere annuale del tributo è fornita, poi, «dalla previsione della subordinazione del diritto al rimborso dell'imposta di registro alla duplice condizione della risoluzione anticipata del contratto nonché del pagamento del tributo in unica soluzione.

Tale disposizione non avrebbe ragion d'essere se l’assolvimento dell'imposta in più soluzioni fosse una mera dilazione di pagamento e non invece esecuzione di un preciso obbligo annuale di corresponsione dell'imposta di registro.»

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

QUANDO PER UN CONDOMINIO IL 110% E’ AMMESSO PER IL 2023

Per il 110% dei condomini occhio alla data di adozione della delibera

CESSIONE CREDITI DOPO TANTE STRETTE UN ALLENTAMENTO!

Un meccanismo complesso ed articolato, franato dall’atavica paura che qualcuno ne approfitti, forse ad un punto di svolta.

IL CASO DELLA CILAS DEL 2022 REVOCATA

Attenzione alla CILAS revocata e ripresentata


L'approfondimento

I nuovi appuntamenti previsti dalla legge di bilancio possono rappresentare opportunità da cogliere

Tantissimi auguri di Buon Natale e Buon 2023 da parte della redazione di CAFNEWS24 ed un arrivederci al nove gennaio 2023

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

In aumento il peso sui cittadini relativo ai recuperi da parte delle PA

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021