AREA RISERVATA - CAF MCL

UNA RIFLESSIONE SULLE CESSIONI SUCCESSIVE ALLA PRIMA E SUI SOGGETTI ABILITATI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
UNA RIFLESSIONE SULLE CESSIONI SUCCESSIVE ALLA PRIMA E SUI SOGGETTI ABILITATI 1308 0

L’obbligo di detenere un reddito imponibile ai fini della cessione del credito spetta solo al committente e non già al primo acquirente soggetto privato.

articolo di CAF News 24

La possibilità della quarta cessione dopo il “Decreto Aiuti” sappiamo essere esclusivamente riservata alle banche e le società facenti parte di gruppi bancari.

Lo scopo è quello di aumentare la circolarità “protetta” dei crediti e non ingolfare gli istituti bancari, i quali potranno effettuare un’ulteriore cessione dei crediti originati dai bonus edilizi a favore di clienti professionali privati, individuati con regolamento Consob, a condizione di intrattenere con gli stessi un rapporto di conto corrente.

La conversione del DL 4/22 ha previsto che l’ulteriore ed “ultima” cessione, non necessariamente deve essere preceduta da altre tre dello stesso tenore ma può intervenire in qualsiasi momento e come tale interrompere anche prima del quarto passaggio la circolazione del credito, perché sappiamo che il privato così definito non potrà poi a sua volta cedere ulteriormente il credito acquisito.

Solo la prima cessione potrà essere effettuata in favore di qualsiasi soggetto, quindi anche nei confronti di terzi anche completamente estranei rispetto al contratto di appalto, le ulteriori due cessioni sono valide solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari iscritti all’albo previsto dall’art. 106 di cui al D.lgs. n. 385/1993, di società appartenenti ad un gruppo bancario, ovvero di imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia e perciò se la quarta ipotesi prima richiamata intervenisse ad esempio come terza è ovvio che il cerchio delle cessioni si ferma perché il privato è abilitato a fare solo la prima. 

Chiarito questo aspetto occorre ragione su di un ulteriore questione, e cioè, il primo soggetto che procede alla cessione / sconto cioè il committente dei lavori, per usufruire dei benefici così come specificato con la circolare n. 24/E del 2020 deve essere titolare di un reddito imponibile.

Diversamente non potrà effettuare né la cessione del credito, né beneficiare dello sconto in fattura. Secondo l’Amministrazione finanziaria, perciò, come presupposto alla cessione vi debbono essere le condizioni che consentirebbero al soggetto in questione (committente dei lavori) di poter beneficiare della comunque detrazione.

Tale precisazione ed arrivo alle conclusioni, non deve indurci a ritenere che il primo acquirente (perciò non il committente) debba necessariamente essere un soggetto che abbia reddito imponibile, infatti quest’ultimo come primo acquirente non solo potrà anche successivamente cedere alle banche il credito ma potrà utilizzare quel credito in compensazione, in quanto acquirente di un credito che potrà/dovrà spendere nelle more dell’attività esercitata, ad esempio portandolo in compensazione per ritenute di acconto pur non essendo esso stesso titolare di reddito imponibile.

L’unica regola applicabile, da qui la valutazione di opportunità in capo all’acquirente, e cioè, il credito di imposta dovrà essere utilizzato in compensazione con le stesse modalità previste per il cedente. Se, ad esempio, la spesa è stata sostenuta dal 1° gennaio 2022 in avanti, la compensazione dovrà essere effettuata in quattro quote annuali di pari importo e potrà avere ad oggetto debiti contributivi dei lavoratori dipendenti o dei collaboratori, oppure ancora con le ritenute Irpef ma l’acquirente dovrà sapere che le eventuali quote di credito non utilizzate nell’anno saranno definitivamente perse.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

Bonus Edilizi

IL CASO DELL’IMMOBILE ACQUISTATO PRIMA DELLA CONCLUSIONE DEI LAVORI

Decorrenza della detrazione nel caso di ristrutturazione dell’intero immobile

IN GAZZETTA LE NOVITA’ DEL DECRETO AIUTI QUATER

I cambiamenti: detrazioni bonus, utilizzo crediti ed edifici

LA CORREZIONE DEGLI ERRORI DELLE COMUNICAZIONI DI CESSIONE/SCONTO SONO SEMPRE POSSIBILI?

GLI ERRORI SOSTANZIALI IMPONGONO ATTENTE VALUTAZIONI IN RELAZIONE ALLA POSSIBILITA’ DI CORREGGERLI


L'approfondimento

Modalità di calcolo e versamento con l’eterno dilemma del ricalcolo

Scadenza contributi INPS Gestione Separata ed Artigiani e Commercianti

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Commenti

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021