AREA RISERVATA - CAF MCL

Sull’edilizia libera s’inceppa l’Agenzia ancora bloccato il sistema

Caf News 24
/ Pubblicato in: Commenti
Sull’edilizia libera s’inceppa l’Agenzia ancora bloccato il sistema 4046 0

Ancora molti sono i nodi da sciogliere sull’esimente al visto ed asseverazione nel caso di edilizia libera

articolo di CAF News 24

A caldo, dopo le apprensioni dovute al riassetto del sistema delle cessioni e sconto in fattura, tutti noi avevamo con entusiasmo salutato l’innalzamento della diga per arginare il ricorso generalizzato al visto,  l’idea che i lavori in edilizia libera non scontassero l’obolo del visto e dell’asseverazione era sembrata oltre che scelta governata dal buon senso anche concreta opportunità per uscire dall’empasse generata dal Decreto Antifrodi.

Ma ben presto i soliti timori hanno messo a nudo l’ormai scontata caducità delle certezze gelosamente serbate in grembo.

Il problema è nella definizione stessa del concetto di edilizia libera, aggettivo che lascia presagire “perimetri sfuggenti” lo stesso potrà dirsi dell’ambito temporale di applicazione delle nuove deroghe.

Problemi questi non secondari e che auspichiamo l’Agenzia possa affrontare nel più breve tempo anche perché vi è l’assoluta necessità di sbloccare il suo applicativo per la cessione dei crediti, in sintesi le semplificazioni previste dall'ultimo manovra per gli interventi di edilizia libera e sotto i 10.000 € a oggi restano ancora pie illusioni.

Ricordiamo che la legge di bilancio ha previsto l’esenzione dall'obbligo del rilascio del visto di conformità e delle relative asseverazioni e/o attestazioni per le opere già classificate come attività di edilizia libera ai sensi dell'articolo 6 del TU dell'edilizia dal il glossario contenente l'elenco non esaustivo delle principali opere edilizie realizzabile in regime di edilizia libera e dalla relativa normativa regionale.

Non serve essere acutissimi osservatori per renderci facilmente conto che dentro questa definizione si nasconde un “mondo” di possibilità, come se non bastasse oltre alle elencazioni del glossario di edilizia libera e del testo unico dell'edilizia, la manovra, richiama la normativa regionale, senza dimenticare che all'interno del testo unico dell'edilizia c'è un'ulteriore riferimento alle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali.

A questo punto, non è facile giungere alla conclusione che il problema è davvero serio, non solo e non tanto per dirimere la strada all’interno delle diverse possibilità, ma soprattutto serve comprendere quale potrà essere il percorso che deciderà di seguire l’Agenzia, perché in siffatto dedalo non è difficile immaginare contenziosi, tutti vertenti sulla definizione di edilizia libera.

E’ dunque chiaro quali sono i problemi che rendono l’applicativo fermo al palo, dal canto nostro abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere che servirà fare riferimento alle normative del TU dell’edilizia, del glossario, dei riferimenti regionali, e delle disposizioni comunali, però dal momento che le norme sono nazionali, serve individuare criteri di certezza ed uniformità, stabilire dunque un “canovaccio” cui riferirsi, che possa essere replicabile in ogni comune del paese, salvo poi per il committente dei lavori autocertificare che trattasi di lavori in edilizia libera con riferimento alle disposizioni appena richiamate. La questione potrebbe complicarsi se pur trattandosi di opere in edilizia libera il Comune possa richiedere specifico titolo abilitativo, qui servirà comprendere se sarà prevalente la normativa nazionale oppure quella comunale. A parere dello scrivente si ritiene ragionevole pur acquisendo lo specifico titolo abilitativo far riferimento al fatto che secondo le norme nazionali il lavoro potrà essere comunque considerato di edilizia libera e per questo scevro da visto ed asseverazione. Il titolo abilitativo da acquisirsi preventivamente servirà esclusivamente con riferimento alle norme edilizie comunali e non già con riferimento agli adempimento per la cessione o sconto in fattura.

Riguardo questi aspetti, un chiarimento da parte delle entrate non solo è opportuno, ma urgente.

Print
Rate this article:
No rating

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *