AREA RISERVATA - CAF MCL

SORPRESA…FORSE …. SOTTO L’ALBERO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Novità
SORPRESA…FORSE …. SOTTO L’ALBERO 4907 0
articolo di Massimiliano Mattei

Siamo a registrare un evento realizzato sul filo di lana, che se confermato rappresenterebbe un bel regalo sotto l’albero in quanto consentirebbe di evitare l’apposizione del visto di conformità e l’asseverazione della congruità dei costi, per gli interventi di recupero edilizio o di tipo energetico, per lavori di importo complessivo non superiore a 40.000 euro.

La sensazione che a circa 50 giorni dall’entrata in vigore delle nuove disposizioni previste dal decreto “antifrodi” gli effetti si riverberano soprattutto sull’attività dei cessionari è forte, infatti, poste e Banche hanno rallentato di molto le attività con riferimento alle cessioni ma anche allo sconto, inficiati oltre che dalle novellate disposizioni sul visto anche sui provvedimenti di sospensione che laddove confermati sarebbero destinati a creare enormi problemi soprattutto nel caso degli sconti in fattura.

Però la necessità del visto e dell’asseverazione della congruità dei costi, risulta il vero problema ostativo, questo si ritiene sia stato l’impulso nel corso dell’iter che porterà all’approvazione della legge di Bilancio 2022, al punto da spingere a prevedere un limite al di sotto del quale i nuovi adempimenti non saranno necessari.

Se fino a pochi giorni sembrava che il limite di spesa dovesse attestarsi a 10.000,00 euro, questo perché il MEF ha sostenuto che elevare il limite avrebbe riportato una quota assai rilevante di lavori in un’area di rischiosità con l’ulteriore conseguenza di veder realizzare lavori a prezzi molto superiori rispetto ai valori ritenuti congrui.

Ora, però, nel testo licenziato dalla Commissione finanze del Senato risulta nuovamente previsto un limite più elevato, pari a 40.000 euro.

Questo permette di auspicare che se la disposizione sarà confermata nel testo definitivamente approvato, per gli interventi di importo complessivo non superiore a 40.000 euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio, non sarà necessario né il visto di conformità, né l’asseverazione della congruità dei costi, fermo restando che la novità non si applicherà agli interventi aventi ad oggetto il restauro delle facciate, in quanto ritenuta un intervento ad alta rischiosità di frode.

A fare da contraltare all’inserimento del nuovo limite c’è la previsione di una specifica norma antielusiva mirante ad evitare la suddivisione in lotti contrattuali o comunque frazionamenti dei lavori al solo fine di eludere l’applicazione delle nuove disposizioni.

Altra questione in fieri è se l’importo dei 40.000 debba intendersi al netto oppure al lordo dell’iva, una possibile soluzione potrebbe essere rilevata nella stessa procedura di asseverazione della congruità dei prezzi che sappiamo avere a riferimento i soli valori imponibili, dunque sarebbe 40.000,00 al netto dell’iva.

Ulteriore questione potrebbe essere relativa ai lavori su parti comuni e cioè, se l’importo dei 40.000 debba intendersi per singola unità immobiliare; a parere dello scrivente, vista la richiamata norma antielusiva, il valore dovrà necessariamente intendersi in termini complessivi, nessun visto ed asseverazione solo nel caso in cui , il totale dei lavori condominiali non superi il valore di 40.000,00 euro + iva.

Print
Rate this article:
3.0

Contact author
Altri articoli di Massimiliano Mattei

Massimiliano Mattei

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *