AREA RISERVATA - CAF MCL

Sanzioni per infedele dichiarazione ed omesso versamento, prendi due paghi uno

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
Sanzioni per infedele dichiarazione ed omesso versamento, prendi due paghi uno 1093 0

Finalmente la cassazione chiarisce la non cumulabilita’ della sanzioni

articolo di cafnews24

La Cassazione con sentenza n. 483/2022, è intervenuta sul caso della concorrenza della violazione per dichiarazione infedele e ritardato od omesso versamento di imposte, chiarendo che la violazione più grave è destinata ad assorbire quella meno grave, parere opposto rispetto alla tesi del fisco che considerava le due violazioni del tutto autonome.

Le norme di riferimento prevedono due distinte sanzioni:

gli articoli 1 e 5 del D.Lgs. 471/1997 prevedono sanzioni applicabili nel caso di dichiarazione infedele rispettivamente delle imposte dirette e dell’IVA, disponendo che, se dalla dichiarazione presentata risulta un reddito o un valore della produzione imponibile inferiore a quello accertato, o, comunque, un'imposta inferiore a quella dovuta, un credito superiore a quello spettante, ovvero un’eccedenza detraibile o rimborsabile superiore a quella spettante, si applica la sanzione amministrativa dal 90 al 180 per cento della maggior imposta dovuta o della differenza di credito utilizzato;

sempre nel D.Lgs. 471/97 il successivo art. 13 sanziona invece le fattispecie di ritardato od omesso versamento, affermando, al comma 1, che chi non esegue, in tutto o in parte, alle prescritte scadenze, i versamenti in acconto, i versamenti periodici, il versamento di conguaglio o a saldo dell’imposta risultante dalla dichiarazione, detratto in questi casi l’ammontare dei versamenti periodici e in acconto, ancorché non effettuati, è soggetto a sanzione amministrativa pari al 30% di ogni importo non versato, anche quando, in seguito alla correzione di errori materiali o di calcolo rilevati in sede di controllo della dichiarazione annuale, risulti una maggiore imposta o una minore eccedenza detraibile.

I Supremi giudici hanno richiamato un precedente applicabile a tutte le fattispecie impositive - secondo cui, laddove il mancato versamento dell’imposta sia diretta conseguenza della omessa indicazione in dichiarazione dell’importo effettivamente dovuto, tale comportamento integra dichiarazione infedele, per la quale è prevista la sanzione più grave, il motivo è che la prima conseguenza di una dichiarazione infedele sarà inevitabilmente il mancato versamento dell’imposta effettivamente dovuta.

Conseguenza logica è che l’integrazione del versamento sarebbe esclusivamente conseguente alla rettifica della dichiarazione.

Questo porta i Giudici Supremi a considerare l’omesso versamento come una diretta conseguenza dell’infedeltà dichiarativa, per questo motivo le due sanzioni non sono cumulabili, in quanto, correlate ad un unico comportamento omissivo.

Pertanto, se il contribuente dichiara un imponibile inferiore a quello effettivo, è irrogabile la sola sanzione da dichiarazione infedele, mentre l’omesso versamento se sanzionato autonomamente potrebbe riguardare esclusivamente imposte che risultano correttamente esposte in dichiarazione ma poi non versate.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021