AREA RISERVATA - CAF MCL

QUARTA CESSIONE MA SOLO DAL PRIMO DI MAGGIO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
QUARTA CESSIONE MA SOLO DAL PRIMO DI MAGGIO 518 0

Per effetto della quarta cessione ai correntisti potrebbero aprirsi inaspettate ed interessanti possibilità di acquisto di credi al di sotto del valore nominale

articolo di cafnews24

La quarta possibilità di cessione prevista dall’art. 29-bis del decreto Energia, nelle intenzioni del legislatore dovrebbe essere foriera di ulteriori possibilità per le banche cessionarie ma anche per i cedenti, ma sarà davvero così? In molti cominciano ad interrogarsi sull’effettiva efficacia del provvedimento, proviamoci anche noi analizzando la situazione ante e post “quarta cessione”.

Prima era possibile effettuare al massimo tre cessioni dei crediti, dopo l’esecuzione dei lavori agevolati. La possibilità era estesa a tutti i bonus.

La prima cessione era incondizionata, nel senso che poteva essere fatta a favore di chiunque ne avesse interesse anche una persona fisica esclusa dal loro edilizio.

La seconda e la terza invece, potevano essere effettuate esclusivamente nei confronti di soggetti “vigilati”, che sono istituti di credito, società appartenenti a gruppi bancari, intermediari finanziari e gruppi assicurativi operanti in Italia.

Fino al 30 di aprile qui finivano le possibilità di cessione, ma ora, dal primo del mese di maggio se ne è aggiunta un’altra, vediamo come funziona.

Dal 1° maggio: “alle banche, in relazione ai crediti per i quali è esaurito il numero delle possibili cessioni, è consentita un’ulteriore cessione esclusivamente a favore dei soggetti con i quali abbiano stipulato un contratto di conto corrente, senza facoltà di un’ulteriore cessione”.

Primo limite, se nel novero dei soggetti che potevano acquistare crediti dal secondo fino al terzo passaggio erano comprese oltre alle banche anche assicurazioni, intermediari finanziari, ora per il quarto entrano in gioco solo le banche!

Il legislatore ha voluto agevolare lo svuotamento dei magazzini solo per le banche e non già per gli altri intermediari vigilati.

Abbiamo evidenziato il primo limite, andiamo ora a comprenderne i motivi; si è voluto aiutare le banche in questo processo di asciugatura, in quanto ci si deve ricordare che l’utilizzo dei crediti da parte dei cessionari dovrà seguire la medesima linea temporale prevista per il cedente.

Comprendiamo meglio: se una banca avesse acquistato un credito da 50.000,00 per superbonus 2021, avrebbe la possibilità di recuperare fino al 2026, 10.000 euro all’anno in compensazione. Ipotizzando che per il 2023 la banca possa compensare solo 5.000 euro piuttosto che i 10.000 previsti, avrebbe una perdita secca di 5.000 euro! Immaginiamo perciò quanta attenzione porranno gli istituti nell’acquisto e quanta pianificazione fiscale sarà stata fatta in funzione delle effettive capacità di smaltimento dei crediti che ogni banca potrà garantire.

Le novità non risolvono questo problema, rimane dunque la questione dei possibili crediti inutilizzabili, ma come ha pensato il legislatore di risolverla? Con la possibilità di procedere alla quarta cessione.

Idea interessante ma con precisi vincoli che a parere di chi scrive ne minano l’efficacia, i crediti per la quarta (ed ultima volta) potranno essere ceduti a correntisti che potrebbero avere l‘occasione di acquistare a condizioni favorevoli tali crediti, utilizzando gli stessi in compensazione con le imposte dovute.

Il vincolo consiste nel fatto che tali possibilità sono operative solo per i crediti maturati dalla data del 01 maggio 2022, il che fa si che i crediti ceduti fino al 30 aprile non possano godere di questa ulteriore possibilità ma continueranno a soffrire il limite delle tre cessioni.

A questo punto è legittimo immaginare che le banche avranno interesse a smaltire prima i crediti vecchi che non presentano la possibilità di essere ulteriormente ceduti collegandoli ad esempio a politiche aggressive sulla fruizione dei servizi offerti dall’istituto bancario ed i crediti nuovi rimarranno con ogni probabilità al palo.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021