AREA RISERVATA - CAF MCL

QUANDO IL SUPERBONUS E’ NEL MODELLO 730

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello 730
QUANDO IL SUPERBONUS E’ NEL MODELLO 730 1783 0
articolo di cafnews24

Le modifiche al Dl 34/20 prevedono che l'utilizzo del superbonus diretto in dichiarazione non necessiterà dello specifico visto nel caso in cui il contribuente utilizzi la dichiarazione precompilata predisposta dall'Agenzia delle Entrate o che presenti il 730 tramite sostituto d'imposta che presta anche l'assistenza fiscale nonché, nel caso in cui il visto di conformità, debba essere comunque a posto sull'intera dichiarazione.

Soffermiamoci su questa ultima e specifica fattispecie, cioè nel caso il visto sia posto sull’intera dichiarazione si può in tale caso a ragione, ritenere che la nuova disposizione inserita nel comma 11 dell'articolo 119 del DL 34/2020 non trovi applicazione, a queste conclusioni si arriva, sia attraverso l'interpretazione letterale della disposizione, sia avvalendosi di quanto indicato nel paragrafo 1.1.1 della circolare 16 dell'agenzia delle entrate del 29 novembre 2021.

Nel documento di prassi oltre alle due ipotesi di esclusione dal visto di conformità espressamente previste dalla nuova disposizione, l'assorbimento del visto relativo al super bonus dal visto di conformità sulla dichiarazione sembra evidente, infatti tale circostanza si realizza tutte le volte in cui sulla base di una specifica disposizione normativa il contribuente è tenuto a richiedere il visto di conformità sulla dichiarazione dei redditi da presentare al fisco.

Gli esempi sono diversi, per quel che ci interessa sicuramente il modello 730 presentato da parte del CAF oppure nel caso in cui  la dichiarazione chiuda con credito superiore a 5.000 euro e che il contribuente intenda utilizzare in compensazione orizzontale, a tutti è noto che in questi casi occorre apporre il visto di conformità su tutta la dichiarazione, per questo possiamo asserire con certezza che in queste fattispecie e nelle altre in cui vige l'obbligo del visto di conformità sull'intera dichiarazione, il contribuente potrà sfruttare lo stesso anche per la detrazione della quota annuale del superbonus spettante.

Fin qui le buone notizie, però urge un approfondimento, il comma 15 dell'articolo 119 del DL 30/04/2020 prevede che le spese per rilascio il visto di conformità rientrino fra le spese detraibili nella misura pari al 110% del loro importo (fino a capienza della spesa) perciò nel caso in cui il visto di conformità ai fini del superbonus sia utilizzato esclusivamente per la detrazione (es: Redditi)  la detraibilità del relativo costo non darà luogo a particolari problematiche; più complesso invece sarà, il caso in cui il contribuente faccia apporre il visto di conformità su un'intera dichiarazione dei redditi che sulla base di quanto precisato finora andrà ad inglobare anche quello sul superbonus, resta infatti da comprendere se ( nel caso del CAF) il costo del visto possa essere liberamente fatturato, perché se è vero che il visto sulla dichiarazione risulta assorbente di quello specifico per il superbonus e se è altresì vero che l’onere del visto (complessivo) è sostenuto con il compenso erogato dall’Agenzia delle Entrate al CAF, si chiede se sia possibile estrapolare invece un importo solo a titolo di visto per superbonus da fatturare al cliente. Per i professionisti la questione è relativamente più semplice in quanto nella fattura sarà necessario evidenziare i due importi, uno relativo al visto, ad esempio su redditi o per il credito superiore a 5.000,00 euro ed un altro specificatamente riferito al superbonus, oppure alternativamente (da preferire) emettere due fatture distinte. 

A questo si aggiunge un ulteriore problema, uno sfasamento temporale attribuibile alla differenza fra il momento di sostenimento della spesa di ristrutturazione e quello del visto sulla dichiarazione che inevitabilmente interverrà l’anno successivo.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

LA CIRC. 28/E II^ PARTE INTERVIENE SUL VISTO DI CONFORMITA’ E BONUS EDILIZI

Chi rilascia il visto di conformità è tenuto a verificare la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai diversi professionisti

È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI

La mancata indicazione del CCNL di riferimento è sanabile

ANCORA NEWS PER LE CESSIONI ORA TORNANO IN PISTA LE PARTITE IVA

Un emendamento al decreto Aiuti, prevede la possibilità per le banche di cedere il credito a tutti i soggetti diversi da consumatori o utenti...

L'approfondimento

IL SALUTO DI CAFNEWS24 AI LETTORI

Termini di sospensione estiva degli adempimenti tributari, ma per cosa?

Nelle istruzioni operative Vengono tra le altre cose specificate le circostanze e condizioni che rendono inapplicabile la sanzione fissa (30 euro) e percentuale (4%)

ANCHE IL RIFIUTO DI UN’OFFERTA DI IMPIEGO DA PARTE DI UN DATORE DI LAVORO PRIVATO, SE DEFINITA CONGRUA, SARA’ FRA LE POSSIBILI CAUSE DI REVOCA DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021