AREA RISERVATA - CAF MCL

QUALI SONO LE SPESE MEDICHE CHE SE PUR PAGATE IN CONTANTI POSSONO ESSERE DETRATTE ?

Caf News 24
/ Pubblicato in: Detrazioni
QUALI SONO LE SPESE MEDICHE CHE SE PUR PAGATE IN CONTANTI POSSONO ESSERE DETRATTE ? 6409 0

Non sempre è obbligatorio garantire la tracciabilità delle spese mediche

articolo di Stefano Ceci

Abbiamo ormai compreso che ancor prima della natura della spesa medica, ai fini della detraibilità, sarà necessario verificarne le corrette modalità di pagamento.

Per prima cosa, chiariamo che non sempre sarà obbligatorio utilizzare strumenti di pagamento tracciabili, quali ad esempio quelli elettronici; anzi a ben guardare, le spese mediche da tracciare obbligatoriamente sono nella quotidianità, probabilmente quelle meno frequenti.

Perciò se la legge di Bilancio 2020 segna una profonda linea di demarcazione fra spese detraibili in quanto tracciate e non detraibili in quanto non tracciate, va rilevato come il comma 680, articolo 1, della Legge numero 160 del 2019 (ex legge di Bilancio 2020), prevede la possibilità di derogare ai principi di tracciabilità, lo fa, prevedendo la non obbligatorietà ai fini della detrazione del pagamento tracciato per le spese che seguono:

  1. acquisto di medicinali;
  2. dispositivi medici;
  3. prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche;
  4. prestazioni sanitarie rese da strutture private accreditate al Servizio Sanitario Nazionale.

Da questo elenco pare evidente che la certezza del pagamento non viene immolata in favore di procedure alternative di certificazione, piuttosto viene riconosciuta una specifica esenzione al concorrere di due fattori: il primo attiene alla tipologia del bene acquistato, perciò medicinali e dispositivi medici, il secondo invece, individua la tipologia di soggetti che i predetti beni o servizi li erogano, strutture pubbliche o strutture accreditate presso il Servizio Sanitario Nazionale (es: lab. di analisi, farmacie ecc..ecc..).

Proviamo a fare ancora più chiarezza, taluni sostengono che l’essere una prestazione resa in convenzione sia requisito essenziale per poter permetterne la detrazione anche se pagata in contanti. Personalmente nutro qualche perplessità, illuminante a questo riguardo è la risposta all’interpello 158 del 05/03/21.

Nel documento di prassi, correttamente si chiarisce che l’eccezione disposta dal richiamato comma 680, non esplicita come elemento essenziale che la prestazione sia resa in convenzione con il SSN, ma piuttosto , si limita ad individuare le caratteristiche del soggetto erogatore del servizio e cioè di soggetto economico privato accreditato al SSN.

Quella che potrebbe essere percepita come una questione di lana caprina, in realtà stabilisce l’ampiezza del perimetro entro il quale muoversi. Per esonerare da strumenti di pagamento quali assegni bancari o postali oppure moneta elettronica di cui all'articolo 23 del d.lgs. n. 241 del 1997 é essenziale che il soggetto risulti fra quelli accreditati al SSN a nulla rilevando la tipologia di bene ceduto o prestazione resa.

Tale convinzione torna a farci comprendere quanto sia ampio l’ambito entro il quale le spese sostenute in contanti, proprio per effetto del richiamato comma 680, possano essere considerate detraibili.

Prova ne è che tutte le spese che confluiscono al Sistema Tessera Sanitaria sono detraibili vengono riportate sulla precompilata, e che rimangono detraibili anche nel caso il contribuente si fosse rifiutato al loro inserimento in dichiarazione e di come le stesse confluiscono al Sistema Tessera Sanitaria a prescindere dalle modalità di pagamento.

Print
Rate this article:
3.0

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *