AREA RISERVATA - CAF MCL

PROROGA ROTTAMAZIONE QUATER

Caf News 24
PROROGA ROTTAMAZIONE QUATER 3436 0

Termine per la rottamazione spostato al 30 giugno, spostata anche la data del primo versamento

articolo di Stefano Ceci

Il 21 aprile, con un comunicato stampa, il Mef ha fatto sapere ai contribuenti interessati, che il termine ultimo per l’adesione alla “rottamazione quater” è stata spostato dal 30 del mese di aprile al 30 giugno 2023.

Nell’attesa del decreto rifacciamo il punto della situazione.

La proroga interessa lo spostamento del termine ultimo per la presentazione dell’istanza; dunque, rimane invariato il periodo interessato dalla definizione.

Continuiamo a riferirci a carichi  affidati agli agenti della riscossione tra il 1° gennaio 2000 ed il 30 giugno 2022, conseguenza di ciò, ora come nel passato, sarà che non rileverà la data di notifica della cartella, ma la data di esecutività del ruolo, ciò significa che anche cartelle notificate successivamente al 30 giugno potrebbero rientrare nel novero dei ruoli definibili, ricordo che, con il solo pagamento delle imposte e delle somme a titolo di rimborso spese per le procedure esecutive e per i diritti di notifica, vengono annullate le sanzioni, gli interessi di mora e l’aggio.

E’ utile sapere che rientrano nel perimetro della definizione, non solo cartelle non ancora notificate alla data del 30 giugno, ma anche precedenti rateizzazioni in corso o decadute, eventuali sospensioni, oppure precedenti rottamazioni decadute a seguito di omessi o tardivi pagamenti, insomma un perimetro decisamente ampio e sicuramente utile a definire in maniera positiva molte posizioni debitorie nei confronti dell’erario, in taluni casi incagliate per il peso di sanzioni ed interessi di mora che nel cumulo non è difficile possano superare anche oltre il 100% delle imposte.

Gli effetti di questo “utile” spostamento non si limitano a procrastinare i termini di adesione ma interessano (per il momento) anche la data relativa al primo o unico pagamento, infatti, il cronoprogramma precedente aveva previsto oltre al termine del 30 di aprile, l’accettazione dell’stanza comunicata entro il 30 di giugno ed il primo od unico pagamento in data 31 luglio, ora invece:

  1. 30 settembre 2023 sarà il termine entro il quale l’Agenzia delle entrate-Riscossione trasmetterà, ai soggetti che hanno presentato le istanze di adesione, la comunicazione delle somme dovute per il perfezionamento della definizione agevolata;
  2. 31 ottobre 2023 sarà la scadenza per il pagamento della prima o unica rata.

Ricordo che l’istanza potrà essere presentata esclusivamente in modalità telematica collegandosi al sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione raggiungibile al seguente indirizzo: https://www.agenziaentrateriscossione.gov.it/it/Per-saperne-di-piu/definizione-agevolata/domanda-di-adesione/

Dopo aver inviato la richiesta, il contribuente:

- se ha presentato la domanda in area riservata, riceverà una e-mail di presa in carico con allegata la ricevuta di presentazione della domanda di adesione (R-DA-2023).

- se ha presentato la domanda in area pubblica, la procedura è più articolata; infatti:

1) riceverà una prima e-mail all’indirizzo che hai indicato, con un link da convalidare entro le successive 72 ore. Decorso tale termine, il link non sarà più valido e la richiesta sarà automaticamente annullata;

2) dopo la convalida della richiesta, una seconda e-mail indicherà la presa in carico, con il numero identificativo della pratica e il riepilogo dei dati inseriti;

3) se la documentazione allegata è corretta, verrà inviata una terza e-mail con allegata la ricevuta di presentazione della domanda di adesione (R-DA-2023).

L'Agente della riscossione, a sua volta, deve comunicare all'interessato, entro il 30 settembre 2023, l'ammontare complessivo delle somme dovute per la definizione e di quello delle singole rate, con le relative scadenze.

Entro la stessa data va comunicato l’eventuale diniego, con l’evidenza delle motivazioni per le quali non è stata accolta la richiesta di definizione agevolata.

Concludendo, con le scadenze di pagamento, rimane invariata la possibilità di scegliere se pagare in un’unica soluzione o 18 rate trimestrali.

Al momento, per effetto della proroga risulta spostata esclusivamente la data del primo od unico pagamento che viene portato dal 31 luglio al 30 novembre 2023, mentre il secondo rimane (per il momento) fermo alla stessa data, cioè sempre il 30 novembre 2023.

Nel caso di pagamento rateale le restanti 16 rate, di pari importo, saranno ripartite nei successivi 4 anni, e saldate il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno a decorrere dal 2024, con l’applicazione degli interessi al tasso del 2% annuo, a decorrere dal 1° agosto 2023.

Non ci resta che attendere la pubblicazione del decreto, con la speranza che possa rivedere anche i termini del secondo pagamento che nell’attuale cronoprogramma si andrebbe a sovrapporre al primo essendo entrambi scadenti in data 30 novembre 2023.

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *