AREA RISERVATA - CAF MCL

Per il pagamento elettronico quale data fra il pagamento e l’addebito in c/c?

Caf News 24
/ Pubblicato in: Detrazioni
Per il pagamento elettronico quale data fra il pagamento e l’addebito in c/c? 2825 0

Soluzione per la detraibilità delle spese pagate con moneta elettronica

articolo di Stefano Ceci

Uno dei dubbi più frequenti è il caso dello scollamento fra la data di pagamento di una spesa mediante carta di credito e l’addebito della stessa spesa sul c/c del titolare.

Si faccia il caso di una spesa pagata con carta di credito nel mese di dicembre e dell’addebito della stessa sul c/c del titolare, nel mese di gennaio dell’anno successivo.

Per fornire una risposta al quesito ci viene in aiuto la norma che vede soggiacere al principio di cassa il criterio di detrazione delle spese.

La detrazione è dunque correlata al momento di effettuazione delle stesse, conseguentemente in quell’anno sorgerà il diritto alla detrazione.

Orbene, nel caso prima prospettato prevarrà la volontà al sostenimento della spesa, manifestatasi nel dicembre, perciò nel momento in cui si è presentata la carta all’esercente il servizio? Oppure, come potrebbe altrettanto ragionevolmente osservarsi, il momento in cui viene addebitata la spesa sul c/c del cittadino?

Portandoci a far coincidere il diritto alla detrazione con il momento in cui si potrà asserire che il soggetto abbia effettivamente sostenuto la spesa.

Complicando ancor di più l’esempio, immaginiamo che la nostra “vittima” abbia avuto traslata la data di pagamento per mancanza di fondi sul c/c di addebito, ad esempio facendo slittare l’effettivo addebito di oltre due mesi.

Il dubbio ce lo dirime la risoluzione 77 del 2007, anche se datata, il documento di prassi dirime la questione attingendo alle norme del codice civile, in particolare la disciplina della delegazione passiva di pagamento allo scoperto, prevista agli artt. 1269 e segg.

In particolare si sofferma sul ruolo del delegante (cittadino) che ordina al delegato (banca) di assumere ed estinguere il debito nei confronti del delegatario (società finanziaria che emette la carta di credito).

In buona sostanza se la banca (delegato) riporta sull’estratto conto della carta di credito (delegatario) le spese addebitate al cliente (delegante), si presuppone che il pagamento essendo stato ordinato dal cliente si concretizza nella volontà di effettuarlo e nel conseguente possesso della ricevuta a prescindere dal momento in cui questo si definisce e si concretizza economicamente.

Ancor più verosimilmente e per analogia, allo stesso modo le spese detraibili, laddove intervenisse una finanziaria, si presuppongono sostenute a prescindere dalla cadenza delle restituzioni che possono intervenire anche in anni successivi, il tutto in base al principio prima espresso e che trova collocazione all’interno dell’interpello 77 del 2007.  

Print
Rate this article:
1.5

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *