AREA RISERVATA - CAF MCL

NELLE PIEGHE DI REDDITI C’E’ IL SEGRETO PER LA CONTRAZIONE DEI TERMINI PER L’ACCERTAMENTO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
NELLE PIEGHE DI REDDITI C’E’ IL SEGRETO PER LA CONTRAZIONE DEI TERMINI PER L’ACCERTAMENTO 3830 0

Solo per i titolari di partita iva, il quadro RS di redditi è la porta per accedere alla contrazione dei termini di accertamento

articolo di Stefano Ceci

L’art. 3, D.Lgs. n. 127/2015 introduce un importante principio utile a ridurre di due anni degli ordinari termini di accertamento delle imposte sui redditi e dell’imposta sul valore aggiunto.

Prima di commentare le condizioni necessarie per poter accedere allo specifico beneficio, ritornerei sull’annosa questione dei termini di accertamento.

I termini di accertamento delle imposte sui redditi e dell’IVA scadono il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione.

Es: Redditi 2022 (periodo d’imposta 2021) termine accertamento 31 dicembre 2027.

La richiamata agevolazione, permette, al rispetto di determinate condizioni, di contrarre il periodo di accertamento di due anni, il che porta a dire che l’esempio sopra riportato vedrebbe il termine di accertamento spirare non al 31 dicembre 2027, ma piuttosto al 31 dicembre 2025.

Alla mia vegliarda età ho smesso di sorprendermi, e sempre con riferimento all’acqua copiosamente passata sotto i ponti non mi desta più stupore l’applicazione distonica di norme tributarie all’interno del medesimo documento.

Infatti, per effetto del richiamato valore della norma agevolativa con riferimento ai soli redditi d’impresa o professionali, potrà accadere (e garantisco che accade … eccome se accade) che se all’interno della stessa dichiarazione convivano redditi di natura diversa, ad esempio oltre al reddito d’impresa anche un reddito da lavoro dipendente, piuttosto che un reddito fondiario, da capitali o reddito diverso, cosa accade? Direte voi, miei curiosi lettori….. accade, che avremo termini decadenziali differenti in ragione della natura del reddito, i redditi rientranti fra quelli d’impresa e professionali (sempre nel rispetto delle condizioni di cui si dirà) decadranno due anni prima degli altri redditi … anche se poi l’irpef liquidata è una sola!

  

Venendo (finalmente direte, appassionati lettori) alle condizioni da attuare, dal momento che ci riferiamo a redditi professionali o d’impresa sarà necessario:

  1. che le operazioni attive siano documentate esclusivamente tramite fattura elettronica e/o memorizzazione elettronica ed invio telematico dei corrispettivi;
  2. i pagamenti e gli incassi siano eseguiti solo tramite mezzi tracciati (contante bandito);
  3. sia data comunicazione della sussistenza dei predetti requisiti nella dichiarazione dei redditi.

Riguardo l’obbligo della fatturazione elettronica è un requisito essenziale, perciò anche coloro che non vi fossero obbligati, se la adottassero opzionalmente ne sarebbero interessati altrimenti no. Di converso non rileva che si abbiano ricevute passive di tipo cartaceo.

Chiarisco l’ulteriore condizione, cioé la segnalazione della sussistenza dei requisiti previsti nella dichiarazione dei redditi. In particolare, nei modelli Redditi 2022 PF e SP deve essere barrata la casella riportata al rigo RS136.

Per quanto riguarda i soggetti IRES, nel modello Redditi SC l’indicazione deve essere fornita tramite la barratura della casella al rigo RS269.

C’è chi si è interrogato se l’omessa compilazione del quadro RS nei specifici campi relativi alle condizioni per fruire del beneficio sia integrabile.

Al riguardo pareri autorevoli reputano possibile una dichiarazione integrativa, ovvio che questa laddove fosse presentata entro lo spirare dei termini per l’accertamento “lungo” perderebbe di significato, a parte questa ipotesi, si ritiene che sia possibile integrare il dato in dichiarazione, fermo restando che la contrazione dei termini avrebbe effetto dal momento in cui si presenta l’integrazione.

Esemplificando: termine 31 dicembre 2027, integrativa presentata entro il 2025 in questo caso il termine viene fissato al 31 dicembre 2025, integrativa presentata entro il 2026 in questo caso il termine sarebbe fissato al 31 dicembre 2026.

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *