AREA RISERVATA - CAF MCL

NELLA MANOVRA DI BILANCIO UN’IMPORTANTE IPOTESI DI ESENZIONE IMU

Caf News 24
NELLA MANOVRA DI BILANCIO UN’IMPORTANTE IPOTESI DI ESENZIONE IMU 781 0

Niente IMU se la casa è occupata

articolo di Stefano Ceci

Nella Legge di Bilancio viene prevista l’esenzione dall’IMU per compensare (parzialmente) coloro che non riescono ad ottenere la piena disponibilità dell’immobile su cui grava l’IMU.

Siamo ancora agli albori del provvedimento, per questo saranno possibili integrazioni e modifiche di ogni genere, però ho ritenuto utile presentare una bozza della norma che, se andasse in porto, sarebbe destinata a lenire ancorché parzialmente i disagi sofferti da coloro che pur avendone la proprietà, non riescono a venire in possesso di un immobile occupato.

La prima circostanza che occorrerà dimostrare sarà, l’occupazione dell’immobile soggetto ad IMU da parte di altro, tale circostanza sarà opponibile al Comune solo dopo aver denunciato tale evento presso le competenti autorità.

Vediamo nel concreto a cosa ci si riferisce.

Si potranno attuare una delle azioni di seguito riportate oppure anche più di una, in quanto l’una non esclude l’altra.

  1. querela per il reato di invasione di terreni o di edifici
  2. promuovere in tribunale l’azione per la reintegra del possesso presso il tribunale
  3. un’azione di rivendicazione.

La querela per invasione è fondamentale per permettere di avviare le indagini da parte delle stesse autorità e, quindi, procedere all’eventuale rinvio a giudizio dell’occupante, a cui il giudice potrà poi comminare una pena o una sanzione, a seconda dei casi. Però bisogna sapere che, la querela non permette al giudice di ordinare all’occupante di rilasciare l’immobile in favore del legittimo proprietario.

Da questo deduciamo che la querela permetterà di non pagare l’IMU ma non ci permetterà di avere in dietro il nostro immobile.  Se dunque il procedimento che abbiamo ora anticipato sembra essere sufficiente per ottenere l’esenzione IMU per gli immobili occupati, ciò non vale per consentire di rientrare in possesso dell’immobile in questione.

Per ottenere la restituzione dell’immobile bisogna infatti avviare un’azione di reintegrazione, da avviarsi entro un anno dalla data dell’occupazione. 

Una volta ottenuta la sentenza di reintegra del possesso, nel caso in cui l’occupante si rifiuti ancora di rilasciare l’immobile si dovrà procedere con l’esecuzione forzata.

Può capitare che sia spirato il termine per esercitare l’azione possessoria, in questo caso, si potrà procedere comunque con un’azione di rivendica della proprietà.

Ricordo che l’azione di rivendicazione non è soggetta a prescrizione e contrariamente all’azione di reintegrazione ( a cui può accedere anche il possessore del bene immobile) può essere avanzata solamente da colui che dimostra di essere il proprietario del bene.

Concludendo, nelle more dell’iter parlamentare della norma agevolativa, sarà bene, per chi fosse incorso nella sventurata ipotesi di aver l’immobile di proprietà abusivamente occupato, valutare nel la migliore strategia, utile ad ottenere sicuramente i benefici fiscali ma, soprattutto nel più breve tempo possibile il rilascio dell’immobile.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

QUANDO PER UN CONDOMINIO IL 110% E’ AMMESSO PER IL 2023

Per il 110% dei condomini occhio alla data di adozione della delibera

CESSIONE CREDITI DOPO TANTE STRETTE UN ALLENTAMENTO!

Un meccanismo complesso ed articolato, franato dall’atavica paura che qualcuno ne approfitti, forse ad un punto di svolta.

IL CASO DELLA CILAS DEL 2022 REVOCATA

Attenzione alla CILAS revocata e ripresentata


L'approfondimento

I nuovi appuntamenti previsti dalla legge di bilancio possono rappresentare opportunità da cogliere

Tantissimi auguri di Buon Natale e Buon 2023 da parte della redazione di CAFNEWS24 ed un arrivederci al nove gennaio 2023

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

In aumento il peso sui cittadini relativo ai recuperi da parte delle PA

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021