AREA RISERVATA - CAF MCL

MIGLIORATO L’ACCESSO ALLE INFORMAZIONI DEI CONTRIBUENTI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
MIGLIORATO L’ACCESSO ALLE INFORMAZIONI DEI CONTRIBUENTI 2015 0

ORA SARA’ PIU’ FACILE PIGNORARE

articolo di Stefano Ceci

Su queste pagine spesso ho celebrato i capisaldi della legge delega di riforma tributaria, ho cantato delle nuove prospettive dei rapporti fra cittadini e fisco, di un rinnovato intento di reciprocità nei ruoli e finalmente dei principi di equità e trasparenza; tutti elementi che (guarda caso) sono stati (da me) esclusivamente declinati per incontrare le esigenze dei cittadini e degli operatori della fiscalità.

Salvo poi, rendermi conto che vi è una metà del cielo che non avevo osservato, colpevolmente travolto dal fallace entusiasmo di chi soffre delle medesime colpe di coloro che giudica, cioè una visione anch’essa parziale, come dire, esclusivamente pro domo mia.    

Il risveglio è stato sicuramente brusco allorquando la mattina del 22 agosto ho appreso della definitiva operatività, dopo una prima fase di sperimentazione, del sistema informatico di consultazione mediante l’accesso diretto ai dati dell’Agenzia delle Entrate relativi a:

  1. Dichiarazioni dei redditi
  2. Certificazione Unica
  3. atti del Registro
  4. Archivio di tutti i rapporti finanziari

Concretamente, dal 22 agosto gli ufficiali giudiziari potranno avere accesso immediato ai dati di stipendi, redditi del contribuente, proprietà immobiliari e altre proprietà oltre ad informazioni di natura finanziaria relative a conti correnti e movimentazioni di denaro, importante è anche il fatto che i dati assunti avranno pieno valore legale.

I vantaggi per chi curerà i pignoramenti non consisteranno solamente nel poter attingere ad una sola fonte per reperire notizie che originano da rapporti diversi, ma soprattutto, gli ufficiali giudiziari ora sanno di poter procedere al pignoramento senza dovere presentare preventiva istanza all’Agenzia delle Entrate ed ai diversi soggetti per la consultazione dei fascicoli e l’individuazione dei redditi e delle proprietà relative ai cittadini.

La novità è stata comunicata dal Ministero della Giustizia e si inserisce nel percorso di razionalizzazione e semplificazione delle procedure di pignoramento dei conti correnti, considerata centrale nel processo di riorganizzazione delle procedure di riscossione con l’obiettivo di potenziare in termini di efficacia le attività di recupero anche mediante l’utilizzo delle procedure informatizzate e dei dati in possesso dell’Amministrazione finanziaria.

Rileggendo queste poche righe, non v’è dubbio, che la canicola estiva abbia condizionato il mio scrivere, al punto da farmi apparire come difensore dell’indifendibile e cioè della possibilità di sottrarsi all’immanente dovere del cittadino / contribuente al pagamento delle imposte, per questo pur non abbandonandomi all’Inno alla Gioia del Ministro Padoa Schioppa allorquando ebbe a definire le tasse “una cosa bellissima”, chiarisco che il pagamento delle imposte è un dovere sacrosanto ed ineludibile a cui è assolutamente necessario far fronte.

Non solo per i motivi di redistribuzione della ricchezza, oltre questi principi tecnici c’è anche una dimensione etica che la mia esperienza coglie più direttamente, è mostruoso assistere alla riduzione dei servizi di assistenza al reddito per aver favorito anche di chi probabilmente evade.

Per questo non posso mettere sullo stesso piano chi non dichiara redditi rispetto a coloro che, pur dichiarando non riescono a sostenere il peso delle imposte ed ancor meno, successivamente,  il peso degli oneri di recupero e delle sanzioni che sovente arrivano ad essere anche più del doppio delle imposte.

Ironia della sorte, le procedure di pignoramento colpiranno solo questa seconda, residuale categoria e non già gli sconosciuti al fisco: “occhio non vede, cuore non duole”.

Concludo con un auspicio: spero che per taluni “John Rambo” della riscossione coatta, questo sistema che garantisce efficienza ed equità, non finisca per essere invece, l’arma finale.

Print
Rate this article:
3.0

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *