AREA RISERVATA - CAF MCL

MANCA DAVVERO POCO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello 730
MANCA DAVVERO POCO 1963 0

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

articolo di Stefano Ceci

Ogni campagna fiscale è una storia a se, un percorso costellato di speranze, incontri, confronti, delusioni, approfondimenti e vittorie.

Cambiano gli scenari, cambiano gli strumenti, ora più “smart”, più immediati, più efficaci; sciami di bit hanno preso il posto della carta penna e calamaio, all’epoca fedeli (ed unici) compagni delle mie prime notti piegato sui modelli di dichiarazione dei redditi.

Di campagne fiscali ne ho vissute tantissime, tutte protese al raggiungimento del perituro momento in cui l’ultimo allegato veniva con cura chiuso all’interno della busta contenente la dichiarazione dei redditi.

Molto negli anni è cambiato, ho modificato il target dei miei clienti, ho cambiato i luoghi ove ho consumato le energie, ho avuto al mio fianco nuovi e fantastici compagni di viaggio, ho subito un irreversibile incanutimento, beh ….. in tutto questo moto perpetuo ….. solo una cosa non è cambiata: la soddisfazione ed il profondo senso di liberazione che accompagna oggi come allora, la chiusura dell’ultima dichiarazione.

Un gesto all’epoca suggellato da una decisa spennellata di Coccoina, mentre oggi, con un meno romantico e profumato click. Un atto che racchiude mesi di lavoro e li riassume in un’aspettativa prima esclusivamente riconducibile alla reazione (a volte scomposta) dell’assistito al calcolo delle imposte, oggi a questa (che non manca mai), vi è da aggiungere l’assai meno romantico esito dei controlli dell’Agenzia delle Entrate.

Quest’anno, questo momento cadrà lunedì 02 ottobre, infatti la scadenza è ordinariamente prorogata se coincide con sabato o domenica.

Tralasciando la presentazione diretta e quella tramite sostituto d’imposta, ripercorriamo in maniera assai sommaria la strada che porta alla trasmissione della dichiarazione da parte del CAF.

Se si sceglie il CAF, il contribuente deve conferire delega per permettere agli operatori di accedere ai propri documenti.

Solo successivamente il CAF potrà effettuare richieste di download dei documenti relativi a singoli contribuenti, attraverso le funzionalità rese disponibili all’interno dell’area autenticata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Gli uffici del CAF dovranno ricevere dal contribuente:

  1. delega per l'accesso al modello 730 precompilato,
  2. il modello 730-1, in busta chiusa,
  3. la documentazione necessaria per verificare la conformità dei dati riportati nella dichiarazione (nello specifico, i documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione).

Attenzione

I documenti relativi al modello 730/2023 vanno conservati fino al 31 dicembre 2028.

Entro il 2 ottobre 2023, il CAF consegna al contribuente una copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione, modello 730-3, elaborati sulla base dei dati e dei documenti presentati dal contribuente.

È sempre consigliabile, confrontarsi con il contribuente per effettuare un controllo sulla dichiarazione consegnata, al fine di rilevare che i dati inseriti siano corretti e coerenti con la situazione di quest’ultimo.

Abbiamo idealmente superato il 2 del mese di ottobre, cosa ci aspetta?

Dal momento che il CAF ha l'obbligo di verificare che i dati indicati nel modello 730 siano conformi ai documenti esibiti dal contribuente (relativi a oneri deducibili e detrazioni d'imposta spettanti, alle ritenute, agli importi dovuti a titolo di saldo o di acconto oppure ai rimborsi) viene rilasciato per ogni dichiarazione un visto di conformità.

Nel caso il visto si riveli infedele, cioè i documenti siano difformi rispetto a quanto inserito nel modello 730, il CAF sarà tenuto al pagamento di una somma pari al 30% della maggiore imposta, sempre che il visto infedele non sia stato indotto dalla condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente.

Ricordo infine che, nel caso l'infedeltà del visto non sia già stata contestata, il CAF potrà trasmettere una dichiarazione rettificativa del contribuente ovvero, se il contribuente non intende presentare la nuova dichiarazione, possono trasmettere una comunicazione dei dati relativi alla rettifica; in tal caso la somma dovuta a titolo di sanzione è ridotta applicando le disposizioni sul ravvedimento operoso.

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *