AREA RISERVATA - CAF MCL

LIMITE ALLE LOCAZIONI BREVI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello 730
LIMITE ALLE LOCAZIONI BREVI 739 0

Dal periodo d’imposta 2021, opera il limite delle quattro abitazioni nel corso di un anno che possono essere destinate a locazione breve, dopo si entra nell’ambito dell’attività d’impresa

articolo di cafnews24

Qualcuno potrebbe dire ”è finita la pacchia!” infatti la piena operatività dal 2021 dell’articolo 1, comma 595 della legge 178/2020 (legge di bilancio 2021) consente la locazione breve nell’arco di un anno ad un numero massimo di quattro abitazioni per ciascun contribuente.

Conseguenza di questo assunto normativo è che “solo per le locazioni brevi”, l’utilizzo di un’ulteriore abitazione con il medesimo regime, si configura come attività d’impresa (art.2082 del C.C.) e dunque soggetta ad apertura della partita iva. 

La norma va analizzata da un punto di vista operativo, per prima cosa, si ripete, la sola locazione “breve” (ex articolo 4 del Dl 50/2017) di un numero di unità abitative superiore a quattro genera gli obblighi di cui sopra, questo significa pure, che un contribuente che avesse concesso in locazione 6 immobili con contratti di locazione “4+4” non sarebbe di converso interessato dal provvedimento e dunque il reddito fondiario effettivo non sarebbe attratto nel regime d’impresa rimanendo nel quadro B e potrebbe rimanere soggetto a cedolare secca. 

Invece, per rimanere in ambito di quadri della dichiarazione Redditi, nel caso di locazione breve e più di 4 immobili per annualità il reddito confluirebbe nei quadri RG oppure RF ( se regime ordinario).

Per dirla tutta, i problemi non finiscono qui, infatti ci sarà da gestire una serie di questioni operative tutt’altro che irrisorie, che investono la sfera delle opzioni e non secondario anche l’aspetto previdenziale.

Opzioni determinanti, spesso rimesse a condizioni di mercato che prevedono in taluni cointesti geografici la “necessità” di ricorrere a locazioni brevi, in quanto non vi è richiesta di contratti di locazione di tipo “ordinario”.

Con il risultato che il nostro sfortunato utente si troverà nelle condizioni di accedere o recedere dai diversi regimi fiscali in funzione della numerosità degli immobili che potrà locare ed alle condizioni che il mercato permetterà.

Si pensi alla problematica legata al passaggio del cespite dalla sfera personale a quella imprenditoriale, in quanto se è pur vero che si passerebbe da persona fisica a ditta individuale, vi sono comunque difficoltà legate all’attivazione di una partita iva, all’iscrizione al registro delle Imprese ed alle numerose “gabelle” che questa mutazione si trascina con se, crediamo poi, sarebbe ancor più complessa una trasformazione regressiva cioè da partita iva a codice fiscale. Per non parlare delle plusvalenze nel caso di cessione dell’immobile nel frattempo attratto nella sfera imprenditoriale.

Da ultimo per quel che riguarda la sfera “tributaria” c’è da dire che, paradossalmente, questo regime finirebbe col diventare addirittura più conveniente rispetto a quello della cedolare secca (21%) che al contrario tassa integralmente il reddito prodotto.

Il codice Ateco individuato per questo tipo di attività potrebbe essere il seguente: 55.20.51 «Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence».

L’apertura della partita Iva potrebbe poi aprire il “fronte previdenziale“,  con altri aspetti assolutamente controversi, basti pensare ad una recente pronuncia della Cassazione (ordinanza n. 29913, depositata il 25 ottobre 2021) che ha previsto, ai fini di un’iscrizione nella gestione commercianti, che l’attività di mera riscossione dei canoni di locazione non costituirebbe, di fatto, ai fini previdenziali attività d’impresa.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021