AREA RISERVATA - CAF MCL

LE NOVITA’ PER I FRONTALIERI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
LE NOVITA’ PER I FRONTALIERI 3442 0

I vecchi accordi sono del’74 i nuovi prevedono criteri di reciprocità

articolo di Stefano Ceci

Il nuovo accordo previsto per i lavoratori frontalieri si occupa di definire l’ambito soggettivo di applicazione e il criterio di tassazione, il metodo di imposizione, nonché le modalità con cui viene eliminata la doppia imposizione sui redditi in oggetto.

Una rivoluzione di tipo copernicano con l’obiettivo di riabilitare la Svizzera e porla fuori dal novero dei paesi Black List.

Questo processo di riorganizzazione prevede una differenza di trattamento tra i nuovi frontalieri e gli attuali frontalieri.

I “nuovi frontalieri”, sono coloro che entreranno nel mercato del lavoro come frontalieri a partire dalla data di entrata in vigore dell’Accordo, subendo la tassazione concorrente anche nello Stato di residenza, con eliminazione delle doppie imposizioni da parte di quest’ultimo. Questo a differenza dei “vecchi frontalieri” italiani, cioè lavoratori frontalieri residenti in Italia che alla data di entrata in vigore dell’Accordo lavorano oppure hanno lavorato per un datore di lavoro svizzero con decorrenza dal 31 dicembre 2018, invece, continueranno a essere assoggettati a imposizione esclusivamente in Svizzera.

Una prima determinante differenza la si coglie dai concetti espressi in queste prime righe, il principio di reciprocità.

Prima della riforma, il frontaliere era esclusivamente il lavoratore italiano che si trasferiva per lavoro in Svizzera, ora invece, lo sono, indifferentemente coloro che dall’Italia vanno in Svizzera ma anche coloro che fanno il percorso inverso!

Le altre novità sono:

  • il reddito da lavoro dipendente prestato all’estero in zona di frontiera o in altri paesi limitrofi al territorio nazionale, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, da lavoratori residenti in Italia concorre a formare il reddito complessivo per l’importo eccedente 10.000 euro, e non più 7.500 euro come stabilito in precedenza;

  • i contributi previdenziali per i prepensionamenti di categoria, che in base alle disposizioni contrattuali, sono a carico dei lavoratori frontalieri saranno interamente deducibili;

  • gli assegni familiari corrisposti a tutti i lavoratori frontalieri dagli enti di previdenza dello Stato in cui è prestata l’attività lavorativa saranno esclusi dalla base imponibile IRPEF;

  • in caso di disoccupazione, la NASpI italiana sarà calcolata in modo tale da essere equiparata a quella percepita dai lavoratori svizzeri per i primi tre mesi, a meno che quella italiana non sia di importo maggiore rispetto a quella svizzera;

dal 1° febbraio 2023 al 30 giugno 2023, nelle more dell’entrata in vigore della disciplina specifica in materia di telelavoro, si considereranno comunque frontalieri i soggetti che svolgano le proprie prestazioni lavorative nello Stato di residenza in modalità di telelavoro, nel limite del 40% del tempo di lavoro.

Un ultimo importante elemento di novità riguarda l’ambito soggettivo di applicazione, viene   definita “area di frontiera”:

  1. Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano e i cantoni svizzeri dei Grigioni, del Ticino e del Vallese.

Viene inoltre stabilito che per lavoratore “frontaliere” si si intende una persona fisica:

  1. fiscalmente residente nei comuni i cui territori ricadono, per intero o parzialmente, in una fascia di 20 km dal confine dell’altro Stato contraente;
  2. che svolge un’attività di lavoro dipendente nell’area di frontiera dell’altro Stato contraente per un datore di lavoro residente, una stabile organizzazione o una base fissa dell’altro Stato e che, in generale, ritorna quotidianamente nel proprio Stato di residenza.

Il Protocollo aggiuntivo all’Accordo prevede altresì che al frontaliere sia consentito, in linea di principio, di non rientrare quotidianamente al proprio domicilio nello Stato di residenza, per motivi professionali, per un massimo di 45 giorni all’anno, specificando che i giorni di ferie e di malattia non sono conteggiati nel precedente limite.

Print
Rate this article:
3.5

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *