AREA RISERVATA - CAF MCL

le condizioni per il sisma bonus entro il 31 dicembre 2022

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
le condizioni per il sisma bonus entro il 31 dicembre 2022 470 0

La coesistenza delle condizioni è ipotesi ardua.

articolo di CAF News 24

La possibilità di fruire del Sisma Bonus entro iI 31 dicembre 2022 è legata a specifiche condizioni previste dall’art. 18, comma 4 – ter del 36/22.

La ricorrenza delle condizioni consente di fruire della maggiore detrazione pur stipulando l’atto di acquisto entro la fine dell’anno.
 
Vediamo quali sono:
deve essere stato stipulato e registrato un contratto preliminare; 
Il promissario acquirente deve aver corrisposto uno o più acconti mediante il meccanismo dello sconto in fattura; quindi, il relativo credito d’imposta deve essere effettivamente maturato; 
i lavori strutturali devono essere stati ultimati comunque entro il 30 giugno 2022 
detta condizione deve essere attestata dal professionista tecnico all’uopo incaricato 
sempre entro il 30 giugno deve essere stato effettuato il collaudo ottenendo l’attestazione del collaudatore statico volta ad asseverare il raggiungimento della riduzione del rischio sismico. 
il fabbricato deve essere almeno accatastato nella categoria F4, vale a dire in corso di definizione. 

La categoria F4 identifica le unità incomplete non definite nella consistenza e nella destinazione d’uso. È il caso, ad esempio, di un fabbricato che era in fase di costruzione i cui lavori sono ultimati (l'immobile, dunque, risulta esistente e costruito) ma per il quale occorre definire ancora la costituzione dei vani. 

Riassumendo, per beneficiare del Sisma bonus acquisti, deve esserci stato un fabbricato preesistente, non necessariamente ad uso abitativo, oggetto di demolizione totale e ricostruzione. L’intervento deve riguardare procedure autorizzatorie con relativo titolo edilizio rilasciato dopo il 1° gennaio 2017. L’edificio deve essere ubicato in zona sismica 1, 2 o 3. 

L’agevolazione spetta anche quando il fabbricato ricostruito contenga un numero maggiore di unità immobiliari rispetto alla situazione preesistente, in questi casi l’agevolazione deve essere determinata sul numero delle unità immobiliari “post” intervento, ossia alla fine della costruzione. 

La vendita dell’immobile deve essere effettuata entro il termine di 30 mesi dalla conclusione dei lavori. L’atto di trasferimento avrebbe dovuto essere stipulato entro il 30 giugno scorso, oppure entro il 31 dicembre 2022, in presenza delle condizioni sopra indicate dal punto a) al punto f). 
Dall’analisi delle condizioni stesse pare verosimile che la proroga, troverà applicazione solo in pochi casi in quanto è difficile che le condizioni siano tutte contestualmente presenti, infatti non ne basterà una o più di una, la proroga è infatti rimessa alla ricorrenza di tutte le condizioni elencate. 
 
Sarà necessario che nell’atto definitivo di compravendita sia dichiarato dall’impresa che non intende fruire direttamente per sé del beneficio della detrazione, solo così il beneficio potrà essere utilizzato dall’acquirente dell’unità immobiliare.
Importante che nell’atto sia attestato da parte dell’impresa venditrice, che si è verificato il presupposto costituito dall’ultimazione dei lavori riguardante l’intero fabbricato al cui interno insiste l’unità immobiliare oggetto di cessione. In caso contrario, la possibilità di far valere concretamente l’agevolazione deve essere differita all’anno d’imposta nel quale viene attestata l’ultimazione dei lavori dell’intero edificio. 
In questo senso si è espressa l’Agenzia delle Entrate con l’interpello 5/20, in assenza perciò si determina un “congelamento” dell’agevolazione fino all’anno in cui saranno ultimati i lavori relativi all’intero edificio. 

Trattandosi di un’agevolazione fondata esclusivamente sul prezzo di acquisto, non sussiste l’obbligo di effettuare il pagamento con bonifico parlante, né deve essere attestata la congruità del prezzo di acquisto. 

Per i rogiti stipulati entro il 31 dicembre 2021, la detrazione può essere fatta valere in cinque quote annuali di pari importo. Invece, per i rogiti stipulati nell’anno 2022, anche nell’ipotesi di proroga, il beneficio può essere fatto valere in quattro quote annuali di pari importo. Invece, per il Sisma bonus acquisti, la cui detrazione risulta ridotta all’85 o 75 per cento, il beneficio deve essere in ogni caso suddiviso in cinque quote annuali, anche laddove l’atto di acquisto dovesse essere stipulato nell’anno 2022 o successivamente fino al 31 dicembre 2024.

Print
Rate this article:
3.0

Speciali

Assegno Unico Universale

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

Bonus Edilizi

IL CASO DELL’IMMOBILE ACQUISTATO PRIMA DELLA CONCLUSIONE DEI LAVORI

Decorrenza della detrazione nel caso di ristrutturazione dell’intero immobile

IN GAZZETTA LE NOVITA’ DEL DECRETO AIUTI QUATER

I cambiamenti: detrazioni bonus, utilizzo crediti ed edifici

LA CORREZIONE DEGLI ERRORI DELLE COMUNICAZIONI DI CESSIONE/SCONTO SONO SEMPRE POSSIBILI?

GLI ERRORI SOSTANZIALI IMPONGONO ATTENTE VALUTAZIONI IN RELAZIONE ALLA POSSIBILITA’ DI CORREGGERLI


L'approfondimento

Modalità di calcolo e versamento con l’eterno dilemma del ricalcolo

Scadenza contributi INPS Gestione Separata ed Artigiani e Commercianti

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Commenti

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021