AREA RISERVATA - CAF MCL

L’atto di recupero come strumento emergenziale

Caf News 24
/ Pubblicato in: Riscossioni
L’atto di recupero come strumento emergenziale 1475 0

Rispolverato l’atto di recupero per far fronte all’indebita fruizione di crediti erariali

articolo di cafnews24

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare ….  questo vecchio “refrain” da solo è foriero di un imminente cambiamento di clima, della volontà di cambiare a proprio favore le regole del gioco. E’ innegabile che la pioggia di notizie relative all’uso malevolo di alcuni provvedimento di sostegno a favore dei cittadini e le imprese, necessiti di un profondo cambio di paradigma nell’approccio alla verifica ed al recupero degli importi da parte degli organi preposti.

Come spesso accade, le nuove emergenze spesso si risolvono con i vecchi metodi, magari lasciati nel cassetto e caduti nel dimenticatoio, questo è il caso dell’atto di recupero, provvedimento dalle radici lontane e venuto prepotentemente alla ribalta in occasione dei recuperi per indebito utilizzo dei crediti.

Con l’articolo 1, comma 421, della Legge n. 311 del 2004, parallelamente alle ordinarie procedure di accertamento tributario venne introdotto nell’ordinamento tributario, l’atto di recupero come alternativa dell’avviso di accertamento. Il legislatore dell’epoca introdusse questo strumento quale possibile alternativa alla ordinaria procedura di accertamento ritenuta più lenta e macchinosa. Ed allora la spiccata propensione del provvedimento ad essere più celermente risolutivo rispetto alle soluzioni più tradizionali ne ha fatto lo strumento preferito per il recupero, ad esempio dei crediti d’imposta illegittimamente fruiti.

L’atto di recupero per come è stato pensato possiamo porlo a metà strada fra i controlli automatizzati 36 bis DPR 600/73 e gli avvisi di accertamento.

Nello specifico non concretizza una maggiore somma imponibile come accadrebbe per l’avviso di accertamento, ma nel definire l’importo di credito indebitamente utilizzato mutua la funzione recuperatoria di maggiori imposte propria dei controlli automatizzati.

Fatte queste considerazioni serve confrontarle anche con l’orientamento prevalente della giurisprudenza di legittimità, che ci porta a considerare l’atto di recupero, come una sorta di avviso di accertamento dall’ambito limitato, volutamente contingentato dal Legislatore al solo recupero dei crediti d'imposta e delle altre agevolazioni indebitamente percepite.

L’auspicio è che sia previsto il contraddittorio preventivo di cui all’articolo 5-ter, evento che ci permetterebbe di scongiurare gli “atti fotocopia” che potrebbero essere alimentati a dismisura dalla bramosia dell’algoritmo che verrà dedicato allo scopo.

Concludo asserendo che in questo momento di tutto abbiamo bisogno fuorchè dell’accertamento predittivo su vasta scala.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

CESSIONE INCAGLIATA VEDIAMO LA SOLUZIONE

Piccola guida per risolvere l’empasse delle cessioni bloccate

IMPORTANTE NOVITA’ SULLA SOLIDARIETA’ IN RELAZIONE ALLE RESPONSABILITA’ PER CESSIONE CREDITI

Il decreto aiuti ridisegna i limiti della responsabilità solidale nel caso di cessione fraudolenta di crediti

ANCORA SUL RAGGIUNGIMENTO DELLA SOGLIA DEL 30%

La Commissione consultiva per il monitoraggio dell’applicazione del D.M. 28/02/2017, n. 58 interviene con indicazioni precise …. ma...

L'approfondimento

Analisi termini per: spedizione, modifica ed integrazione dei modelli 730/22

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un’analisi della questione relativa al permanere del beneficio alla luce del recente giudicato da parte della Cassazione e dell’evoluzione normativa.

Commenti

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Nella Legge di Bilancio, al netto degli effetti legati agli esiti delle elezioni, potrebbe trovare spazio una nuova pace fiscale.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021