AREA RISERVATA - CAF MCL

L’ACCETTAZIONE DELL’EREDITA’, EFFETTI SUI DEBITI TRIBUTARI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
L’ACCETTAZIONE DELL’EREDITA’, EFFETTI SUI DEBITI TRIBUTARI 3070 0

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

articolo di Stefano Ceci

Nel mese di ottobre ho avuto la necessità di approfondire le procedure relative ad un accertamento notificato agli eredi per un’eredità accettata.

Non nascondo che la questione è stata decisamente complessa e trovare una possibile via d’uscita non è stato facile.

A supporto di situazioni come questa c’è ora un’importante sentenza della Cassazione, la n.37064/22 (dep. Sez.V del 19/12/22).

    

Vediamo l’importante principio stabilito dai giudici di Cassazione, l'apertura della successione non comporta l'acquisto della qualità di erede in favore dei successibili “ex lege” o “ex testamento”, ma soltanto l'acquisto della qualità di chiamato alla eredità: soltanto ove avvenga l'accettazione, anche tacita, il chiamato si considera erede.

Questo è un principio fondamentale, infatti, non essendo prevista alcuna presunzione di accettazione dell’eredità, la circostanza dovrà presumersi nell’accettazione di fatto consistente nei comportamenti concludenti dei chiamati oppure per accettazione espressa.

Invece nel caso di rinuncia, in virtù di quanto prevede l’articolo 521 del Codice civile, la responsabilità per accertamenti nei confronti del de cuius viene impedita retroattivamente - cioè a far data dall'apertura della successione; il che equivale ad affermare che condizione imprescindibile affinché possa sostenersi l’obbligazione del chiamato a rispondere di tali debiti è che questi abbia accettato (e, quindi, acquistato) l'eredità.

Detto più semplicemente, il chiamato all’eredità che poi rinuncia , non potrà essere considerato responsabile dei debiti del de cuius neppure per il periodo precedente la rinuncia, proprio perché non potrà in alcun caso essere annoverato fra i soggetti che possono intervenire nella successione , dunque l’istituto della rinuncia opera retroattivamente.

Partendo da questo principio la Suprema Corte ha escluso che la «notifica di un avviso di accertamento al chiamato all'eredità, che, non avendo ancora accettato l'eredità, perciò ancora legittimato a rinunciarvi, possa avere l'effetto di precludergli questa possibilità che gli è riconosciuta direttamente dalla legge».

L’unica possibilità riconosciuta all’Agenzia delle Entrate sarà intimare al successibile un termine perentorio onde accettare o rinunciare all’eredità, onde fronteggiare lo stato di incertezza derivante dal protratto stato di delazione ereditaria, nonché di far nominare un curatore all’eredità giacente; mentre, una volta intervenuta la rinuncia, sussiste pur sempre il diritto di impugnarla in presenza dei presupposti ex art. 524 cod. pen.

Perciò, nel caso in cui fosse notificato agli eredi un accertamento in pendenza dei termini per succedere al de cuius, si sappia che fintanto che non si è accettata l’eredità, l’accertamento non sarà opponibile agli eredi e che laddove l’agente abbia esercitato un’azione di recupero questa sarà nulla in quanto l’accertamento è nullo anche in assenza di ricorso tributario.

Print
Rate this article:
4.0

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *