AREA RISERVATA - CAF MCL

LA CEDOLARE SECCA APRE AD ALTRE TIPOLOGIE DI DESTINATARI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
LA CEDOLARE SECCA APRE AD ALTRE TIPOLOGIE DI DESTINATARI 489 0

Le recenti novità in relazione alle locazioni brevi aprono alla possibilità di applicare il regime della cedolare secca anche alle sublocazioni ed ai comodatari

articolo di cafnews24

Dall’analisi della portata delle recenti novità relative alle locazioni brevi ed alla previsione di assoggettamento alla cedolare secca, possiamo asserire che esistono due contesti nei quali opera il regime sostitutivo della cedolare secca, il primo, quello che da sempre conosciamo ed applichiamo che sarà utilizzabile esclusivamente dal proprietario o comunque un soggetto che vanti un diritto reale sull’immobile locato a terzi ed un secondo che potremmo definire “speciale” perché riferito non già all’esercizio di diritti reali, i quali competono al proprietario ma piuttosto di diritti definiti “obbligatori” ad esempio l’ipotesi analizzata nella risoluzione 381/e del 2008, cioè il caso di un comodatario che successivamente cedesse in godimento a terzi l’utilizzo dell’immobile di cui esso stesso aveva il mero godimento. Tale operazione non risulta essere atta a trasferire la titolarità del reddito dal comodante, proprietario dell’unità immobiliare, al comodatario.

Tale interpretazione è logicamente in linea con le regole che disciplinano i redditi fondiari, secondo le quali i redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, per il periodo d’imposta in cui si è verificato il possesso, anche in caso di applicazione del regime sostitutivo della cedolare secca i canoni di locazione concorrono alla formazione della base imponibile, indipendentemente dalla loro effettiva percezione.

Questo ci porta ad asserire con assoluta e granitica certezza che solo il trasferimento del diritto reale consente il contestuale trasferimento della titolarità del reddito “fondiario” assoggettabile al regime sostitutivo; perciò, verrebbe ad escludersi l’applicazione delle imposte sul reddito all’ipotesi di cessione in godimento da parte del comodatario o la stessa sublocazione, in quanto non vi è nei due casi appena descritti una “traslazione” del diritto di proprietà.

Questo ci porta alla conclusione, che nel caso il comodatario cedesse in locazione il bene , ai sensi dell’art.26 del TUIR, si realizza una vera e propria scissione fra il beneficiario del corrispettivo, cioè il comodatario, e il titolare del reddito ai fini delle imposte, che resta comunque il comodante, tutto questo pur non avendo alcun beneficio dalla locazione che si ripete nell’esempio appena condotto rimane ad esclusivo appannaggio del comodante, lasciando in base a questa scissione tributaria l’onere impositivo in capo invece al proprietario che non avrebbe incassato neppure un euro dalla locazione.

Nell’estendere il regime sostitutivo della cedolare secca alle locazioni brevi, l’articolo 4 del Decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 ha invece previsto che il regime sostitutivo possa applicarsi anche ai corrispettivi lordi derivanti dai contratti di sublocazione e dai contratti a titolo oneroso conclusi dal comodatario e aventi ad oggetto il godimento dell'immobile da parte di terzi, in deroga rispetto alle regole ordinarie, cioè quelle che abbiamo appena ricordato.

Attenzione però, la specifica deroga é limitata ai soli contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni, ivi inclusi quelli che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali, stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, solo in questo specifico caso si realizzerà l’effettivo trasferimento della titolarità del reddito “fondiario” in capo al comodatario che abbia concesso in locazione l’immobile non di sua proprietà.  Da qui la deroga, che lo considera debente d’imposta al pari del titolare del diritto reale connesso all’immobile.

Un’eccezione questa che potrebbe tornare utile e da valutare in relazione agli effetti della disposizione che limita il regime fiscale della cedolare secca, secondo una presunzione assoluta di imprenditorialità, al caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo d’imposta.

Alla luce dell’eccezione appena richiamata, il proprietario di un numero di immobili superiore a quattro, per superare la presunzione di imprenditorialità, potrebbe concedere in comodato a dei familiari i cespiti che a loro volta potrebbero cedere in locazione per periodi brevi assoggettandoli a cedolare secca, traslando così in base al principio appena richiamato la tassazione in capo al comodatario ma soprattutto superare la presunzione assoluta di imprenditorialità ai danni del titolare di diritti reali sugli stessi immobili.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

AVVIO GRADUALE DELLE DIVERSE NOVITA’ INTRODOTTE DAL DECRETO AIUTI E SOSTEGNI, LA PRIMA E’ LA LIMITAZIONE DEGLI UTILIZZI PARZIALI DEI CREDITI

Ancora lacci e lacciuoli che mirano a limitare l’utilizzo in compensazione dei crediti

UNA RIFLESSIONE SULLE CESSIONI SUCCESSIVE ALLA PRIMA E SUI SOGGETTI ABILITATI

L’obbligo di detenere un reddito imponibile ai fini della cessione del credito spetta solo al committente e non già al primo acquirente...

DEDALO DI NUOVI LIMITI E MODALITA’ PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE

Facciamo il punto successivamente all’entrata in vigore il giorno 17 febbraio delle nuove disposizioni relativamente alle cessioni di...

L'approfondimento

Dal 30 giugno scattano le sanzioni nel caso di indisponibilità ad accettare pagamenti in moneta elettronica a fronte sia di prestazioni di servizi che operazioni commerciali

Le accoglienti porte dell’agenzia delle entrate si aprono alle criptovalute ed a tutti i rapporti finanziari tenuti tramite criptovalute e comunque ogni altra grandezza diversa dalle monete aventi corso legale.

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021