AREA RISERVATA - CAF MCL

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Assegno unico
INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE 856 0

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

articolo di cafnews24

Accedendo tramite SPID, ai dati relativi alla propria domanda, il sito dell’INPS mette a disposizione tre strumenti utili a correggere alcune anomalie.

In alcuni casi le correzioni produrranno effetti immediati in altri casi no, vediamo quali sono e come funzionano.

  1. Funzionalità : MODIFICA LA DOMANDA
  2. Funzionalità : VISUALIZZAZIONE DEI PAGAMENTI
  3. Funzionalità: Evidenza delle posizioni con anomalie o incompletezze

Nella sezione del sito “Consulta e gestisci le domande che hai presentato”, c’è ora il pulsante “Modifica” . Chiariamo che non sarà possibile modificare indiscriminatamente tutti i campi della domanda ma solamente alcune specifiche condizioni, infatti, attivando il pulsante sarà possibile variare i valori di alcuni campi delle schede figlio, modificando quelli già presenti e sono specificatamente 7 aree di informazioni:

  1. variazione o inserimento della condizione di disabilità del figlio;
  2. variazioni della dichiarazione relativa alla frequenza scolastica/corso di formazione per il figlio maggiorenne (18-21 anni);
  3. modifiche attinenti all’eventuale separazione/coniugio dei genitori;
  4. il codice fiscale dell’altro genitore (a condizione che questi non abbia già fornito la propria modalità di pagamento e non abbia già percepito un pagamento);
  5. i criteri di ripartizione dell’assegno tra i due genitori sulla base di apposito provvedimento del giudice o dell’accordo tra i genitori;
  6. spettanza delle maggiorazioni previste dagli articoli 4 e 5 del decreto legislativo n. 230/2021;
  7. variazioni attinenti alle modalità di pagamento prescelte dal richiedente e dall’eventuale altro genitore.

IMPORTANTE: ciascuno degli inserimenti elencati se valorizzato abilita la modifica dell’assegno solo a decorrere dal momento dell’inserimento non genera perciò il diritto a percepire arretrati o conguagli, la sola eccezione ammessa è quella relativa alla condizione di disabilità del figlio/a, infatti in questo caso (a differenza degli altri) è richiesta la data di decorrenza della variazione per disabilità.

La seconda funzione attivata è utile per la verifica dei pagamenti ricevuti; infatti, è stato aggiunto un ulteriore pulsante chiamato “Pagamenti”, con il quale sarà possibile visualizzare la lista dei pagamenti disposti a favore dell’assistito suddivisi per competenza mensile con la specifica modalità di pagamento utilizzata.

L’ultima funzione che andiamo a presentare è quella dedicata all’evidenza delle posizioni con anomalie o incompletezze, sicuramente molto importante ed utile.

Nella sezione già in precedenza richiamata “Consulta e gestisci le domande che hai presentato”, è stato inserito oltre al pulsante modifica di cui si è scritto prima anche  il campo “Evidenze” con lo scopo di consentire all’utente che ha inserito la domanda di prendere conoscenza delle possibili criticità emerse durante la fase istruttoria da parte dell’Istituto e che ne impediscono il completamento, situazione questa che sterilizzerebbe la corresponsione dell’assegno ma fino ad oggi senza possibilità per colui che ne soffriva gli effetti di poterne aver contezza.

Nel caso di segnalazione di anomalia, la domanda potrà essere sbloccata solo dopo che il richiedente la prestazione sia intervenuto sulla pratica fornendo le informazioni richieste che fino a quel momento ne avevano impedito l’evasione.

Tipicamente, fornire ulteriore documentazione a supporto oppure dichiarare la permanenza di uno specifico requisito.

Nell’ipotesi (tutt’altro che rara) in cui le criticità siano più di due, la lista completa delle situazioni che impediscono il completamento dell’istruttoria può essere visualizzata accedendo al dettaglio della domanda, selezionando il pulsante “Evidenze”.

Le evidenze possono riferirsi ad una molteplicità di situazioni che solo indicativamente possono riferirsi:

  1. alla modalità di pagamento prescelta dal cittadino
  2. alla necessità di ulteriore documentazione da allegare per comprovare requisiti specifici che permettono il diritto e/o determinano la misura dell’assegno
  3. alla necessità di integrare i requisiti (di studio, tirocini, ecc.) per i figli diventati nel frattempo maggiorenni dopo la presentazione della domanda
  4. alla discordanza della condizione di disabilità con quanto invece rilevato nella DSU.

Print
Rate this article:
2.5

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021