AREA RISERVATA - CAF MCL

ilMANOVRA DI BILANCIO CON INTERVENTI “MORBIDI” SU CARTELLE ED AVVISI BONARI

Caf News 24
ilMANOVRA DI BILANCIO CON INTERVENTI “MORBIDI” SU CARTELLE ED AVVISI BONARI 757 0

Disattese le aspettative per un condono (parte 2)

articolo di Stefano Ceci

Ieri abbiamo trattato degli avvisi bonari e di come il provvedimento impatta su questi, sia che vi siano in corso precedenti dilazioni o che non siano ancora alla data del 31 dicembre 2022, scaduti i termini per definire la pretesa erariale.

Abbiamo accennato ad una definizione delle violazioni di tipo formale, forse è il caso in questa sede di approfondirne la portata.

Per prima cosa, ritengo sia saggio definire il perimetro degli errori formali, sono definiti tali, quelli che non impattano sulla determinazione delle imposte siano esse dirette che indirette.

Vi è una soglia temporale entro la quale ricondurre le predette violazioni, ed è il 31 ottobre 2022.

Le violazioni saranno sanabili mediante il versamento di una somma di 200 euro per ciascun periodo d’imposta.

Il versamento della somma in sanatoria dovrà essere eseguito in due rate di pari importo, da versare entro il 31 marzo 2023 e il 31 marzo 2024.

Non saranno sanabili le omesse presentazioni delle dichiarazioni dei redditi od iva anche laddove da queste non emergesse alcuna imposta.

Allo stesso modo non saranno sanabili le violazioni già contestate in atti divenuti definitivi alla data di entrata in vigore della legge di Bilancio, mentre le violazioni formali commesse fino al 31 ottobre 2022, rilevate con un PVC, vedranno la proroga di due anni per la legittima notifica dei relativi atti di contestazione.

Merita infine opportuna menzione un ulteriore aspetto del provvedimento, definito un “ravvedimento speciale”, ovvero la possibilità di sanare le violazioni sostanziali delle dichiarazioni relative al periodo in corso d’imposta al 31 dicembre 2021 e precedenti.

Primo aspetto, la regolarizzazione sarà possibile solo la violazione non sia già contestata.

Importante (soprattutto per noi) sapere che non sarà possibile sanare l’atto di liquidazione, di accertamento o di recupero, di contestazione e di irrogazione delle sanzioni se già contestato anche se fosse relativo al controllo formale su base documentale, disciplinato dall’art. 36-ter del D.P.R. n. 600/1973.

In sostanza, con esclusivo riferimento ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate, le violazioni diverse da quelle definibili tramite la definizione degli avvisi bonari e delle irregolarità formali potranno essere regolarizzate con il pagamento di un diciottesimo del minimo edittale delle sanzioni previste dalla legge.

(es: sanzione 30% regolarizzazione = 1,6% / dichiarazione infedele 90% regolarizzazione = 5%)

Il versamento delle somme dovute potrà essere effettuato in 8 rate trimestrali di pari importo con scadenza della prima rata il 31 marzo 2023, sulle rate successive saranno dovuti gli interessi nella misura del tasso legale.

Per chiudere la partita col fisco non basterà versare quanto dovuto, ma sarà anche necessario rimuovere la specifica irregolarità, ad esempio presentando una specifica dichiarazione integrativa.

Come ampiamente prevedibile, il mancato o parziale pagamento di quanto dovuto determinerà la decadenza dell’agevolazione e la liquidazione delle somme a titolo di sanzione nella misura piena oltre alla decadenza del beneficio della dilazione.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

QUANDO PER UN CONDOMINIO IL 110% E’ AMMESSO PER IL 2023

Per il 110% dei condomini occhio alla data di adozione della delibera

CESSIONE CREDITI DOPO TANTE STRETTE UN ALLENTAMENTO!

Un meccanismo complesso ed articolato, franato dall’atavica paura che qualcuno ne approfitti, forse ad un punto di svolta.

IL CASO DELLA CILAS DEL 2022 REVOCATA

Attenzione alla CILAS revocata e ripresentata


L'approfondimento

I nuovi appuntamenti previsti dalla legge di bilancio possono rappresentare opportunità da cogliere

Tantissimi auguri di Buon Natale e Buon 2023 da parte della redazione di CAFNEWS24 ed un arrivederci al nove gennaio 2023

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

In aumento il peso sui cittadini relativo ai recuperi da parte delle PA

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021