AREA RISERVATA - CAF MCL

IL VIAGGIO NEI CARDINI DELLA RIFORMA TRIBUTARIA, FACCIAMO PROPOSTE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
IL VIAGGIO NEI CARDINI DELLA RIFORMA TRIBUTARIA, FACCIAMO PROPOSTE 2583 0

Il primo mattone, il rispetto dello Statuto dei diritti del contribuente

articolo di Stefano Ceci

Ieri abbiamo accolto il disagio del Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate, allorquando davanti al parlamento è chiamato a dar conto della fiscalità italiana. Oggi proseguiamo nel nostro viaggio, commentando i cardini essenziali di una riforma spesso auspicata, molte volte avviata, ma mai, conclusa.

Un contributo vogliamo darlo valutandola per aree.

Il primo ambito di intervento deve necessariamente interessare il rapporto cittadino istituzioni. Serve ricostruire dalle fondamenta questo principio di partecipazione alla cosa pubblica. Il primo vulnus, risiede nella percezione che i cittadini hanno degli effetti delle pratiche elusive od evasive, l’errore risiede nella convinzione, che l’ambito nel quale certi reati si consumano e determinano i loro effetti sia esclusivamente quello personale, manca infatti la percezione di una dimensione collettiva della fiscalità.

Va detto che il disegno di riforma intercetta questa debolezza, infatti, ha fra i suoi punti la revisione dello Statuto dei diritti del contribuente.

Come in altri ambiti si ritiene che non serva necessariamente un intervento di riscrittura o revisione, quello che occorre è sicuramente promuoverne l’applicazione; quante volte nei rapporti con l’Agenzia delle entrate come CAF, abbiamo invocato il rispetto dei cardini dello statuto, la risposta? Come potrete ben immaginare …. Il nulla cosmico!

Perché riscriverlo? Lo Statuto (L.212/2000) contiene alcuni principi fondamentali, quali la chiarezza delle norme tributarie e degli atti, ma soprattutto la tutela dell'affidamento e della buona fede per i contribuenti (cosa ancora più importante).

Serve invece renderla una legge generale tributaria di pari dignità, ad esempio col TUIR. 

Occorre semmai, intervenire rafforzando l’obbligo di motivazione degli atti impositivi e valorizzare il principio del legittimo affidamento del contribuente; occorre razionalizzare la disciplina degli interpelli e potenziare l’istituto dell’autotutela, come primo ed essenziale atto deflattivo del contenzioso tributario.

Troppo spesso gli uffici non prendono in esame i contenuti dell’autotutela, inducendo così all’inevitabile attivazione del contenzioso. Quante volte ho ascoltato, “nel dubbio che valuti il giudice !”,  tutela perciò, sia dei funzionari dell’Agenzia ma anche rispetto nei confronti dei cittadini.

Introdurre infine una disciplina generale delle invalidità degli atti impositivi, mitigando gli effetti della tutela, che spesso sfocia nel sopruso, dell’interesse superiore alla garanzia del bene collettivo, che pone su piani diversi cittadini ed istituzioni e, di rimando veicolare i medesimi principi all’interno delle procedure del contenzioso tributario.

La nostra certezza è che per stimolare la crescita, serve passare ad una migliore efficienza della struttura delle imposte e, al contempo, ridurre il carico fiscale.

Questo deve necessariamente passare per la revisione del rapporto cittadino fisco, il più volte sbandierato principio del fisco amico, non può essere rimesso a inconsapevoli congiunzioni astrali, ma piuttosto essere figlio di una politica che riporti al centro la persona e le sue legittime esigenze, infine lo stato come garante dei diritti di tutti.

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *