AREA RISERVATA - CAF MCL

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SNELLISCE LA PROCEDURA PER L’ATTESTAZIONE DEGLI AFFITTI A CANONE CONCORDATO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Detrazioni
IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SNELLISCE LA PROCEDURA PER L’ATTESTAZIONE DEGLI AFFITTI A CANONE CONCORDATO 1469 0

L’attestazione degli affitti a canone concordato sarà valida per tutti i contratti stipulati dopo il suo rilascio

articolo di CAF News 24

Il decreto Semplificazioni impatta sulla validità dell’attestazione degli affitti a canone concordato, di cui all’ex D.M. 16 gennaio 2017.

La novità è di quelle che lasciano il segno, l’attestazione di cui al richiamato DM 16/01/17 rimarrà valida per tutti i contratti stipulati a canone concordato, così come introdotti dalla legge n. 431/1998, che si susseguiranno dopo il suo primo rilascio e fino a quando non dovessero modificarsi le caratteristiche dell’immobile, o dell’accordo territoriale del Comune a cui questa si riferisce.

Ricordo che i contratti a canone concordato, previsti dalla L.431/98, nascono per calmierare il mercato delle locazioni di tipo abitativo. Il canone è appunto “concordato” con le organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori maggiormente rappresentative a livello nazionale, in cambio di agevolazioni fiscali in capo ai proprietari e detrazioni specifiche anche per gli inquilini.

Affinché l’asseverazione porti i suoi effetti sarà necessario che:

- le parti si facciano assistere, nella definizione del canone effettivo, dalle rispettive organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori;

- in alternativa le parti devono chiedere a un’organizzazione firmataria dell’accordo di attestare, in base alle modalità previste dall’accordo territoriale, la rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all’accordo stesso.

Tale attestazione, come già indicato nella risoluzione n. 31/E del 2018 dell’Agenzia delle Entrate, costituisce elemento essenziale ai fini del riconoscimento delle agevolazioni e risulta obbligatoria per fruire anche della riduzione dell’aliquota ai fini IMU, ovviamente sempre con riferimento ai contratti redatti sulla base di accordi territoriali che abbiano recepito il D.M. 16 gennaio 2017.

Di fatto, l’attestazione assolve al compito di “bollinare” il contratto stipulato, garantendo che lo stesso oltre ad esprimere un canone nell’alveo di quelli definibili calmierati, sia anche conforme per tutti gli altri elementi che lo caratterizzano, agli accordi territoriali.

Vediamo ora di comprendere la novità:

prima dell’intervento del Decreto Semplificazioni la validità dell’attestazione seguiva la durata del contratto, questo significava che nel caso di ulteriore contratto di fitto ancorché riferito al medesimo immobile e anche laddove le condizioni fossero rimaste immutate, sarebbe comunque stato necessario fare una nuova attestazione! Con il sostenimento di oneri per veder garantito l’accesso alle agevolazioni previste.

Ricordo, che basterà il rilascio dell’attestazione da parte di almeno una delle organizzazioni firmatarie degli accordi territoriali, si aggiunge che nessun altro soggetto ha la delega diretta all’attestazione, perciò nemmeno professionisti oppure agenti immobiliari.  

Ora, invece, e qui è la novità, l’attestazione rimarrà valida al persistere delle caratteristiche dell’immobile (perciò anche nel caso di successive locazioni) o dell’accordo territoriale.

Rimane in piedi un solo dubbio e cioè se l’importo del canone cambiasse sia necessario fare una nuova bollinatura, chiarisco che la variazione di canone per non produrre effetti, dovrebbe intervenire all’interno del “range” previsto dall’accordo territoriale è di tutta evidenza che l’adozione di un canone fuori dall’alveo dell’accordo territoriale determinerebbe il venir meno del primo degli obiettivi e cioè che il canone sia si concordato, ma come tale soprattutto calmierato.

Appare, infine, utile segnalare anche che l’attestato non sconta alcun tributo in quanto viene considerato, ai sensi dell’art. 11 comma 7 del DPR 131/86, come allegato da non assoggettare autonomamente ad imposta di registro mentre, ai fini dell’imposta di bollo, essendo un documento necessario per certificare la spettanza delle agevolazioni fiscali, è esentato ai sensi dell’art. 5 della Tabella allegata al DPR 26 ottobre 1972 n. 642.

Print
Rate this article:
1.0

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

QUANDO PER UN CONDOMINIO IL 110% E’ AMMESSO PER IL 2023

Per il 110% dei condomini occhio alla data di adozione della delibera

CESSIONE CREDITI DOPO TANTE STRETTE UN ALLENTAMENTO!

Un meccanismo complesso ed articolato, franato dall’atavica paura che qualcuno ne approfitti, forse ad un punto di svolta.

IL CASO DELLA CILAS DEL 2022 REVOCATA

Attenzione alla CILAS revocata e ripresentata


L'approfondimento

I nuovi appuntamenti previsti dalla legge di bilancio possono rappresentare opportunità da cogliere

Tantissimi auguri di Buon Natale e Buon 2023 da parte della redazione di CAFNEWS24 ed un arrivederci al nove gennaio 2023

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

In aumento il peso sui cittadini relativo ai recuperi da parte delle PA

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021