AREA RISERVATA - CAF MCL

IL CASO DELL’IMMOBILE ACQUISTATO PRIMA DELLA CONCLUSIONE DEI LAVORI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
IL CASO DELL’IMMOBILE ACQUISTATO PRIMA DELLA CONCLUSIONE DEI LAVORI 906 0

Decorrenza della detrazione nel caso di ristrutturazione dell’intero immobile

articolo di Stefano Ceci

Abbiamo avuto diversi casi relativi alla fruizione della detrazione del 50% con riferimento ad interventi di ristrutturazione, restauro e risanamento conservativo, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, le quali, provvedono all’alienazione o assegnazione dell’immobile entro 18 mesi dalla data di fine lavori.

In questi casi, l’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 28/E/2022, chiarisce che la detrazione è calcolata su di un ammontare forfettario pari al 25 per cento del prezzo di vendita o di assegnazione.

La particolare tipicità della situazione la si può ritrovare nel fatto che la detrazione è riconosciuta agli acquirenti in relazione alla quota di proprietà dell’immobile senza che abbia alcun rilievo il soggetto sostenitore della spesa, sappiamo infatti che ordinariamente, alla base della fruizione di qualsiasi detrazione, rileva la circostanza che il soggetto che vuole recuperare la spesa l’abbia sostenuta per intero, in questo specifico caso invece, è circostanza del tutto irrilevante, anche con riferimento ai tempi, infatti, come vedremo in seguito, la detrazione non sarà fruita in funzione del completamento della spesa , ma piuttosto del completamento dei lavori, il che significa che potrei aver acquistato un immobile in anni precedenti fruendo della detrazione solo in anni successivi.

Il prezzo su cui calcolare la detrazione comprende l’Iva, in quanto, si tratta di un onere addebitato all’acquirente unitamente al corrispettivo.

Occorre prestare grande attenzione alle specifiche norme del caso, in aggiunta, l’Agenzia precisa che il beneficio non dipende dalla totale assegnazione o vendita di tutte le unità immobiliari che costituiscono l’intero fabbricato, in quanto, ciascun beneficiario può fruire della detrazione in base al proprio atto di acquisto o assegnazione, perciò rileva l’ultimazione dei lavori, non la vendita di tutti gli immobili che ne fanno parte, il che ci porta a ritenere ad esempio, che a fronte di un atto di compravendita del 2019, fine lavori 2022 ed ultimazione della vendita degli immobili 2024, la detrazione possa competere , relativamente ai soli immobili compravenduti a quella data, a partire dal 2022.

Perciò nel caso in cui il rogito sia stato stipulato prima della fine dei lavori, rimane impregiudicata la possibilità di fruire della detrazione, ma come detto solo successivamente all’ultimazione dei lavori relativi all’intero stabile e non già del solo singolo appartamento.

Come riportato sopra, la detrazione potrà essere esercitata anche in epoca successiva all’acquisto dello specifico appartamento se acquistato in epoca precedente all’ultimazione dei lavori, in un caso come quello che stiamo ipotizzando la detrazione, sarà fruita nella dichiarazione relativa all’anno di ultimazione dell’intero immobile. Sarà necessario forzare in dichiarazione l’anno di sostenimento della spesa inserendo invece l’anno della fine dei lavori sull’intero immobile.

Print
Rate this article:
2.0

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

QUANDO PER UN CONDOMINIO IL 110% E’ AMMESSO PER IL 2023

Per il 110% dei condomini occhio alla data di adozione della delibera

CESSIONE CREDITI DOPO TANTE STRETTE UN ALLENTAMENTO!

Un meccanismo complesso ed articolato, franato dall’atavica paura che qualcuno ne approfitti, forse ad un punto di svolta.

IL CASO DELLA CILAS DEL 2022 REVOCATA

Attenzione alla CILAS revocata e ripresentata


L'approfondimento

I nuovi appuntamenti previsti dalla legge di bilancio possono rappresentare opportunità da cogliere

Tantissimi auguri di Buon Natale e Buon 2023 da parte della redazione di CAFNEWS24 ed un arrivederci al nove gennaio 2023

Anche la rinuncia postuma invalida l’accertamento dell’Agenzia

In aumento il peso sui cittadini relativo ai recuperi da parte delle PA

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021