AREA RISERVATA - CAF MCL

IL BONUS ACQUA POTABILE NEL MODELLO 730/23

Caf News 24
IL BONUS ACQUA POTABILE NEL MODELLO 730/23 5537 0

Viene premiata la razionalizzazione dell’uso delle riserve idriche

articolo di Stefano Ceci

Nel modello 730/23 trova posto un particolare bonus, quello noto come “bonus acqua potabile” la misura di sostegno consiste in un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per sistemi di filtraggio e mineralizzazione, nel 2022.

La motivazione alla base dell’agevolazione va oltre la razionalizzazione delle riserve idriche ed investe anche la riduzione del consumo ed utilizzo di contenitori di plastica.

L’agevolazione è correlata alle spese per l’acquisto di sistemi di:

  • depurazione,
  • mineralizzazione
  • filtraggio
  • raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare

ci si riferisce ad interventi, finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti pubblici.

L’agevolazione considera anche le spese sostenute per l’installazione dei relativi sistemi.

La misura interessa sia le persone fisiche, sia le società per gli immobili adibiti allo svolgimento delle attività, ma anche gli enti non commerciali.

L’importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è correlato all’immobile ove l’impianto viene installato, dunque nel caso di più immobili il credito è applicabile fino a concorrenza della misura massima per ciascun immobile, di converso nel caso di un solo immobile, con installati più impianti di depurazione e filtraggio, varrà comunque il limite previsto per la tipologia di utilizzatore che è quello di seguito riportato:

  • 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche
  • 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

L’ammontare delle spese agevolabili va comunicato all’Agenzia delle Entrate tra il 1° febbraio e il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento del costo tramite il servizio web.  

Attenzione al fatto che, la Legge di Bilancio 2022 ha prorogato al 2023 questa agevolazione inizialmente introdotta per il biennio 2021-2022, pertanto essa è presente anche nella dichiarazione 2023 redditi 2022.

Il bonus può essere utilizzato in compensazione tramite F24, oppure, per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo, anche nella dichiarazione dei redditi riferita all’anno della spesa e in quelle degli anni successivi fino al completo utilizzo del bonus.

Nel caso di utilizzo in dichiarazione il bonus acqua potabile va indicato nel Quadro G Crediti di imposta del Modello 730, codice 10.

Come si determina il credito.

Alle spese complessivamente sostenute si applica la percentuale prevista dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate che per l'anno 2022 è pari a 17,9005.

Nel caso si fruisse del credito d’imposta per più unità immobiliari, occorre compilare un rigo per ciascuna di esse.

Nel rigo G15 sono richiesti anche altri dati, vediamo cosa.

  • in colonna 3 Residuo 2021: indicare il credito d’imposta residuo che è riportato nel rigo 129 del prospetto di liquidazione (Mod. 730-3) del Mod. 730/2022, o quello indicato nel rigo RN47, colonna 46, del Mod. REDDITI PF 2022.
  • in colonna 4 Rata 2020: indicare il credito d’imposta utilizzato in compensazione nel modello F24 fino alla data di presentazione della dichiarazione.
Print
Rate this article:
3.1

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni

IL FRENO ALLA CESSIONE DEI CREDITI E’ STATO DAVVERO ALLENTATO?

La paura dell’uso distorto rischia di far saltare il giocattolo

DALLA COMMISSIONE FINANZE ALLA CAMERA UN IMPORTANTE IMPULSO AI BONUS EDILIZI

Forse vita breve per i blocchi alle cessioni o sconto in fattura


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *