AREA RISERVATA - CAF MCL

I RISCHI CONNESSI AL RICICLAGGIO SONO IL VERO LIMITE ALLA FRUIZIONE DEL SUPERBONUS

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
I RISCHI CONNESSI AL RICICLAGGIO SONO IL VERO LIMITE ALLA FRUIZIONE DEL SUPERBONUS 2449 0

Le banche iniziano a rovesciare addosso ai professionisti le responsabilità sull’adeguata verifica

articolo di Stefano Ceci

In altri momenti, si è ricordato che le recenti iniziative del governo si muovono in due precise direzioni, per un verso, il blocco o comunque forte limitazione della cessione o sconto dei crediti da bonus edilizi, accompagnato dal tentativo di rivedere le procedure finanziarie correlate in relazione ai rischi legati al riciclaggio, cercando di alleggerirne le responsabilità, il tutto per evitare il blocco totale del sistema.

Si registra il tentativo più o meno consapevole, da parte degli istituti bancari, di riversare nei confronti dei CAF e per essi dei Responsabili dell’Assistenza Fiscale, con riferimento alla pratica professionale personale, gli obblighi di certificazione delle procedure di adeguata verifica e controllo ai fini dell’antiriciclaggio.

Tale procedura pare ulteriormente fallace, laddove la si riconduce all’apposizione del visto di conformità.

Serve rilevare che il visto di conformità, attiene ad una specifica verifica documentale sull’intera pratica, si ricorda che per precise disposizioni di legge il visto non implica valutazioni di congruità o di effettività dei lavori, ma piuttosto la verifica dell’esistenza delle relazioni di congruità e la presenza dell’intero impianto documentale così come definito dalle norme. Come ben sappiamo il visto implica valutazioni esclusivamente in ordine alla commisurazione del credito d’imposta, per alcune cessioni sappiamo anche che il visto non è considerato obbligatorio.

Dunque tale attività deve essere considerata sicuramente avulsa dai processi di apposizione del visto, e rimessa ad una prestazione professionale, che si ritiene debba essere attribuita a soggetti che avrebbero modo di verificare tutti gli elementi alla base della più volte richiamata verifica, che di seguito proveremo a definire con maggiore compiutezza.

Nel ragionare sulle procedure in atto, serve ricordare che il riciclaggio prima che un reato; è purtroppo un fenomeno assai diffuso, e si realizza nel momento in cui denaro di fonte illecita viene inserito nel circuito legale, pare pleonastico rammentare che la malavita non ricicla se stessa, cioè non ricicla gli introiti illeciti nel mercato illegale, è invece intenta a “ripulirlo” inserendolo in circuiti leciti.

Da qui l’esigenza di monitorare la provenienza dei flussi finanziari, il loro utilizzo ed i soggetti coinvolti nelle singole operazioni.

La formula sembra chiara, ma il suo svolgersi, tutt’altro che semplice.

La principale delle fasi di cui si compone la pratica dell’antiriciclaggio, è nota come: Adeguata verifica della clientela e segnalazione di operazioni sospette (art.35 del D.Lgs 231/07).

Prevista dal D.Lgs. 231/07, impone l’adeguata verifica della clientela e la segnalazione di operazioni sospette.

Ma chi sono i soggetti per legge assoggettati a tali adempimenti?

  1. tutti gli intermediari finanziari, i liberi professionisti contabili e legali, gli agenti immobiliari, il settore del gaming, le case d’asta e da gioco, i commercianti in oro e preziosi. Purtroppo, non ancora le imprese commerciali ed industriali con un certo fatturato e con attività sensibili. Come dire, che si è preferito colpire i soggetti addetti alla veicolazione dei capitali e non già coloro che fattivamente li utilizzano.

  1. Le società cessionarie di crediti, e iscritte negli elenchi Bankitalia.

Non basta, per analizzare quale potrebbe essere il nostro ruolo nel complesso ganglo della verifica delle operazioni sospette, serve comprendere quali potrebbero essere le condotte utili a stanare i capitali illeciti mediante questi processi di verifica e controllo.

Abbiamo detto che la malavita ha come obiettivo ripulire le somme da questa acquisite a titolo illegale, e lo fa reinserendole in circuiti “puliti”.

Le attività di riciclaggio sono prevalentemente fatturazioni per lavori mai eseguiti, ed utilizzate al fine di ottenere per il tramite di soggetti economici compiacenti, denaro “legale” tramite la contribuzione dello Stato.

Questi possono essere i passaggi del controllo “antiriciclaggio.

1. verifica dell’emissione della fattura, che in ogni caso potrà subire una valutazione di congruità da parte di un professionista contabile;

2. la negoziazione diretta da parte del fornitore, se il cliente pagherà direttamente a lui, passerà per il sistema bancario con bonifico, da questa verifica sono escluse quelle di modesto importo (e, più raramente), saldate in contanti;

3. la cessione a un intermediario sarà ovviamente considerata da quest’ultimo a fronte di un profilo di rischio di credito e, perché no, anche di riciclaggio che sono già obbligatori per legge e per disposizioni di vigilanza della Banca d’Italia.

Alla luce dei tre punti appena elencati, e di quanto finora riportato, è evidente che attribuire al CAF compiti di antiriciclaggio è destituito di fondamento, così come coinvolgere il Responsabile dell’Assistenza Fiscale perché avrebbe apposto il visto di conformità. Il professionista incaricato dovrebbe poter attuare tutti i processi di verifica e conoscenza prima elencati, che vanno dalla mera acquisizione dei dati identificativi dei diversi soggetti coinvolti, fino ad arrivare alla puntuale ricostruzione delle finalità economiche perseguite ed alla rilevazione/segnalazione di operazioni ritenute sospette. Basti al riguardo pensare alla complessità delle attività atte all’identificazione del Titolare Effettivo.

Per tale adempimento sono previste per la clientela del professionista specifici obblighi di informazione sotto la loro responsabilità.

Concludendo, e nelle more dell’auspicato alleggerimento delle procedure e delle responsabilità, si ritiene che non sia possibile coinvolgere il CAF e che parimenti abbia poco senso coinvolgere il RAF, per il solo fatto di aver apposto il visto di conformità che, abbiamo visto, attiene a funzioni assolutamente diverse da quelle di cui si discute.

Abbiamo scritto che quello dell’antiriciclaggio è un controllo obbligatorio nei confronti della propria clientela. Vale per le banche ed allo stesso modo varrà per il professionista il cui cliente è il soggetto che ha eseguito i lavori. Al professionista sarà obbligatorio verificare la congruità delle attività riportate in fattura così come l’effettività dei lavori stessi. 

Per questo, ai nostri assistiti, va chiarito che hanno la soluzione in casa, basterà perciò far riferimento al professionista del soggetto esecutore dei lavori per poter legittimamente reclamare la più volte richiamata certificazione.

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *