AREA RISERVATA - CAF MCL

GLI ERRORI DELL’F24 NEL CASO DI COMPENSAZIONE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
GLI ERRORI DELL’F24 NEL CASO DI COMPENSAZIONE 3928 0

Sanzioni e rimedi

articolo di Stefano Ceci

In questi giorni siamo tutti impegnati alla definizione dei controlli ex 36 ter, e la questione degli F24, dei loro abbinamenti, compensazioni od omissioni è sovente al centro di accese discussioni.

Il caso più frequente è quello della violazione nelle compensazioni, avevamo già trattato l’argomento ma vista l’attualità ci ritorno provando a dargli un taglio leggermente diverso.

IL primo aspetto è quello relativo alle sanzioni nel caso di compensazione integrale, che ricordo prevede specifiche sanzioni (senza che si applichino le penalità appositamente stabilite per altre fattispecie) a patto che, il modello F24 sia stato effettivamente stato presentato (seppure in ritardo). Provando ad essere più chiaro, nel caso di una compensazione tardiva avremo sanzioni specifiche solo nel caso in cui l’F24 sia stato effettivamente presentato perciò non avremo sanzionata ad esempio l’omesso pagamento, ma piuttosto la tardività dell’F24 (che è più mitigata).

Un esempio di questo assioma è il caso dell’F24 a zero, al quale si lega la sanzione di 100 euro riducibile a 50 nel caso di un ritardo non superiore a 5 giorni rispetto alla scadenza originaria.

In linea con quanto sopra, secondo la Risoluzione n. 36/E del 20/03/2017 (in continuità con il comunicato stampa del Ministero delle finanze del 04/02/1999, che si era espresso sul precedente art. 19, comma 4 del D.lgs. 241/1997), risulta senz’altro possibile procedere con il ravvedimento qualora il versamento con integrale compensazione delle somme venga effettuato in ritardo – con le riduzioni della sanzione di cui all’art. 13 del D.lgs. 472/1997, che dipendono dal momento in cui avviene la regolarizzazione. Inoltre, relativamente alla citata sanzione fissa per l’irregolarità, non vi sono limiti ad adempiere a quest’ultima parimenti mediante compensazione.

In merito alla sanzione in discorso, nel caso il contribuente voglia regolarizzare spontaneamente la propria violazione va comunque fatta attenzione alla differenza tra:

  • la sanzione applicabile,
  • la riduzione da ravvedimento.

Provo ad essere più chiaro, sempre rimanendo nell’esempio dell’F24 a zero, nel caso si proceda alla presentazione nei 5 giorni la sanzione è ridotta a 50 euro, in questo caso non sarà necessario procedere al ravvedimento operoso secondo i ben noti scaglioni temporali.

Ma ancor di più, la sanzione fissa di cui all’art 15, comma 2-bis del D.lgs. 471/1997, in quanto “speciale” rispetto a quella ordinariamente prevista per le omissioni/tardività nel versamento pari 30% ex art. 13 del D.lgs. 471/1997, va evidentemente applicata in luogo di quest’ultima se viene trasmesso un F24 con integrale compensazione anche tardivamente.

Questo comporta a completamento del ragionamento, che l’eventuale omessa presentazione del modello f24 a zero in compensazione, non sarà sanato con i 100 euro ma piuttosto determinerà una sanzione pari al 30% del tributo omesso.

Ciò in quanto non è sufficiente la sola volontà o meglio la possibilità, serve invece che il contribuente dimostri che, in presenza di somme a proprio credito sufficienti per provvedere con l’integrale compensazione del debito fiscale, vi era la volontà di procedere in tal senso, ma che non si è realizzata per mera dimenticanza , serve perciò, che sia riscontrabile una compensazione avvenuta senza debiti residui in capo al soggetto tenuto al versamento anche se, come abbiamo ipotizzato in ritardo.

Print
Rate this article:
4.0

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *