AREA RISERVATA - CAF MCL

FOCUS SULLA RIPRESA DELLE MISURE ESECUTIVE E CAUTELARI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Riscossioni
FOCUS SULLA RIPRESA DELLE MISURE ESECUTIVE E CAUTELARI 3135 0
articolo di cafnews24

Per effetto del termine della sospensione delle cartelle esattoriali avvenuta in data 31 agosto 2021 ,  le iscrizioni di ipoteca, fermi amministrativi e pignoramenti saranno avviati a partire dal 1° ottobre 2021 in quanto il contribuente ha tempo sino al 30 settembre 2021 per effettuare l’integrale pagamento o per chiedere la dilazione.

E’ importante conoscere i tempi dell’attivazione delle procedure che saranno differenti ed in funzione di quanto riportato indirizzare l’utenza alla soluzione delle relative problematiche.

Dal 1° settembre sono riprese le procedure cautelari (fermi amministrativi e ipoteche immobiliari) ed esecutive (pignoramenti ed espropriazioni di beni mobili ed immobili, pignoramenti presso terzi, compresi i pignoramenti dei conti correnti). Pertanto, l’Agente della riscossione potrà avviare entrambe le procedure oggetto di sospensione nei periodi precedenti.

È importante sottolineare che in determinati casi, le procedure esecutive e cautelari rimangono sospese per tutto il mese di settembre. Infatti, per quanto riguarda i pagamenti di tutte le entrate tributarie e non, derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito ed avvisi di accertamento in scadenza tra l’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i soggetti con residenza, sede legale o la sede operativa nei comuni della zona rossa di cui all’allegato 1 del D.P.C.M. 1° marzo 2020) e il 31 agosto 2021, le procedure esecutive e cautelari verranno avviate dal 1° ottobre 2021.

Perciò, fino al 30 settembre, il contribuente potrà effettuare il versamento integrale oppure presentare - entro lo stesso termine - istanza di rateizzazione.

Schema di ripresa delle procedure esecutive e cautelari:

1° settembre

Cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento scaduti prima dell’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i soggetti con residenza, sede legale o la sede operativa nei comuni della zona rossa di cui all’allegato 1 del D.P.C.M. 1° marzo 2020).

1° ottobre

Cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento in scadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 agosto 2021.

L’attività di notifica delle cartelle riprenderà in maniera graduale prima verranno notificate le cartelle più datate e via via quelle più recenti, tutto nell’arco di 24 mesi.

Pagamento di cartelle e avvisi e piani di dilazione

Quanto al pagamento delle somme portate dalle cartelle e avvisi, occorre distinguere vari periodi di scadenza.

Per cartelle ed avvisi scaduti prima dell’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa), il contribuente dovrà effettuare il versamento tempestivo delle somme dovute oppure richiedere ed ottenere un piano di rateizzazione per evitare l’avvio di procedure di recupero.

Per gli atti in scadenza nel periodo dall’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa) al 31 agosto 2021, il pagamento dovrà essere effettuato entro il 30 settembre 2021, ossia nel mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione.

Per i piani di dilazione, il pagamento delle rate in scadenza nel periodo di sospensione dall’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa) al 31 agosto 2021, dovrà essere effettuato entro il 30 settembre 2021, versando un numero di rate sufficiente ad evitare la decadenza dal piano, pari a 10 rate anche non consecutive (come previsto dal decreto Ristori - D.L. n. 137/2020). Mantengono invece l’originaria data di pagamento le rate con scadenza successiva al 31 agosto 2021.

Di seguito si riassumo le diverse possibilità e casistiche di pagamento dei ruoli :

Scaduti prima dell’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa)

  • versamento tempestivo delle somme dovute oppure
  • richiesta di un piano di rateizzazione per evitare l’avvio di procedure di recupero.

Scaduti tra l’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa) e il 31 agosto 2021

  • versamento entro il 30 settembre 2021

Piani di dilazione

(rate in scadenza nel periodo di sospensione dall’8 marzo 2020 o 21 febbraio 2020 per i comuni della zona rossa, al 31 agosto 2021)

  • versamento delle rate entro il 30 settembre 2021

Piani di dilazione

(con scadenza successiva al 31 agosto)

  • le rate mantengono l’originaria data di pagamento

Ci sono nuove possibilità per pagare le cartelle scadute

I contribuenti che non riescono ad effettuare il pagamento del dovuto in un’unica soluzione possono accedere al beneficio della rateizzazione del debito e avvalersi così delle agevolazioni introdotte dal decreto Ristori (D.L. n. 137/2020) fino al 31 dicembre 2021. Nel dettaglio:

- tolleranza fino a 10 rate

per le rateizzazioni attive all’8 marzo 2020 e per tutte le richieste che perverranno entro il 31 dicembre 2021, è prevista la possibilità di beneficiare di un periodo più lungo per la decadenza che si verificherà con il mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive (anziché le 5 ordinariamente previste). Cosicché in vista della scadenza di pagamento di fine settembre, è necessario prestare particolare attenzione al calcolo esatto delle rate non versate durante il periodo di sospensione (protrattosi per 18 mesi) e conseguentemente provvedere al saldo di quelle che consentono di non superare il limite consentito di 10 rate per rimanere in regola con la rateizzazione.

- presentazione più snella delle domande

per tutte le richieste presentate entro il 31 dicembre 2021, è stata elevata da 60 a 100.000 euro la soglia di debito per il quale basta una semplice domanda. Non sarà necessario dover presentare la documentazione di attestazione dello stato di difficoltà economica per ottenere l’ammissione automatica alla dilazione ordinaria fino a 6 anni (72 rate).

- nuova chance per i decaduti

chi era decaduto da una precedente rateizzazione (prima della fase emergenziale) potrà presentare una nuova richiesta di dilazione, senza dover versare le rate scadute. Stessa possibilità è concessa anche a coloro che al 31 dicembre 2019 erano decaduti dalle definizioni agevolate (le tre edizioni delle rottamazioni e il saldo e stralcio) che possono richiedere la rateizzazione delle somme ancora dovute.

l pagamento dovrà avvenire utilizzando i bollettini contenuti nella “Comunicazione delle somme dovute”, già in possesso del contribuente e relative all’originaria scadenza di maggio 2020.

Il versamento potrà essere effettuato:

  1. presso la propria banca;
  2. agli sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill;
  3. mediante l’internet banking;
  4. presso gli Uffici postali;
  5. nei tabaccai aderenti a Banca 5 Spa
  6. tramite i circuiti Sisal e Lottomatica;
  7. direttamente sul portale www.agenziadelleentrateriscossione.gov.it;
  8. tramite l’App Equiclick mediante la piattaforma PagoPa.

Il pagamento potrà avvenire anche direttamente allo sportello, previo appuntamento da prenotare sul sito nella sezione “Trova lo sportello e prenota”.

Inoltre, è possibile effettuare il versamento mediante compensazione con i crediti commerciali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili (c.d. crediti certificati) maturati per somministrazioni, forniture, appalti e servizi nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Rottamazione ter con nuove scadenze

La legge n. 106/2021, di conversione del decreto Sostegni bis, ha dettato nuove scadenze per recuperare il versamento delle rate scadute nel 2020 e quelle in scadenza nel 2021.

Entro il 31 luglio dovevano essere versate le rate scadute il 28 febbraio 2020 (rottamazione ter) e 31 marzo 2020 (saldo e stralcio), mentre entro il 31 agosto la sola rata scaduta il 31 maggio 2020 della rottamazione ter.

Le altre scadenze sono così fissate:

  1. entro il 30 settembre 2021 per la rata scaduta il 31 luglio 2020 (rottamazione ter e saldo e stralcio);
  2. entro il 31 ottobre 2021 per la rata scaduta il 30 novembre 2020 (rottamazione ter);
  3. entro il 30 novembre 2021 per le rate in scadenza nel 2021.

In caso di pagamenti oltre i termini o per importi parziali, verranno meno i benefici della definizione agevolata ed i versamenti già effettuati saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute, che torneranno ad essere considerate per il loro importo pieno.

Il versamento dovrà essere effettuato utilizzando i bollettini riferiti all’originaria scadenza di maggio 2020 contenuti nella “Comunicazione delle somme dovute” già in possesso dei contribuenti o recuperabile sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it.

SCADENZA ORIGINARIA

NUOVO TERMINE VERSAMENTO

31 luglio 2020

30 settembre 2021 (*)

30 novembre 2020

31 ottobre 2021 (*)

28 febbraio 2021

31 marzo 2021

31 maggio 2021

31 luglio 2021

30 novembre 2021 (*)

(*) Per ogni scadenza è prevista la possibilità di effettuare il pagamento avvalendosi dei 5 giorni di tolleranza aggiuntivi

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

LA CIRC. 28/E II^ PARTE INTERVIENE SUL VISTO DI CONFORMITA’ E BONUS EDILIZI

Chi rilascia il visto di conformità è tenuto a verificare la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai diversi professionisti

È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI

La mancata indicazione del CCNL di riferimento è sanabile

ANCORA NEWS PER LE CESSIONI ORA TORNANO IN PISTA LE PARTITE IVA

Un emendamento al decreto Aiuti, prevede la possibilità per le banche di cedere il credito a tutti i soggetti diversi da consumatori o utenti...

L'approfondimento

IL SALUTO DI CAFNEWS24 AI LETTORI

Termini di sospensione estiva degli adempimenti tributari, ma per cosa?

Nelle istruzioni operative Vengono tra le altre cose specificate le circostanze e condizioni che rendono inapplicabile la sanzione fissa (30 euro) e percentuale (4%)

ANCHE IL RIFIUTO DI UN’OFFERTA DI IMPIEGO DA PARTE DI UN DATORE DI LAVORO PRIVATO, SE DEFINITA CONGRUA, SARA’ FRA LE POSSIBILI CAUSE DI REVOCA DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021