AREA RISERVATA - CAF MCL

DOVE COLLOCARE I CREDITI D’IMPOSTA ANTI COVID 19

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
DOVE COLLOCARE I CREDITI D’IMPOSTA ANTI COVID 19 9806 0

articolo di CAF News 24

Nel quadro RU del modello Redditi 2021 è prevista anche l’indicazione dei crediti d’imposta istituiti nel corso del 2020 per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Obiettivo: avere un elenco complessivo dei crediti d’imposta di cui le imprese hanno usufruito, anche per agevolare le attività di controllo dei bonus spettanti e del loro utilizzo o trasferimento. I crediti d’imposta istituiti per fronteggiare l’emergenza Covid-19 devono essere dichiarati nella sezione I del quadro RU del modello Redditi indicando i seguenti codici credito:

  • Codice credito H8: per il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda;
  • Codice credito H9: per il credito d’imposta per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione;
  • Codice credito I1: per il credito d’imposta per botteghe e negozi;
  • Codice credito I2: per il credito d’imposta riconosciuto agli investitori per i conferimenti in denaro per l’aumento del capitale sociale deliberato ed eseguito entro il 31 dicembre 2020;
  • Codice credito I3: per i crediti d’imposta a favore delle società per l’aumento del capitale sociale a pagamento deliberato ed eseguito entro il 30 giugno 2020;Codice credito I4: per i crediti d’imposta per i costi di costituzione o trasformazione in società benefit, di cui all’art. 1, commi 376 e seguenti della legge n. 208/2015, che nell’esercizio di un’attività economica, oltre allo scopo di dividerne gli utili, perseguono una o più finalità di beneficio comune e operano in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse;
  • Codice credito I5: per il credito d’imposta per le rimanenze di magazzino riconosciuto ai soggetti esercenti attività d’impresa operanti nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria (settore tessile, moda e accessori);
  • Codice credito I6: per il credito d’imposta per le spese di adeguamento degli ambienti di lavoro;
  • Codice credito I7: per il credito d’imposta per il recupero dei buoni vacanza;
  • Codice credito I8: per il credito d’imposta a favore delle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al ROC per l’acquisizione di servizi digitali;
  • Codice credito I9: per il credito d’imposta per gli investimenti in campagne pubblicitarie affidate a leghe e società sportive;
  • Codice credito L7: per il credito d’imposta riconosciuto alle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al registro degli operatori di comunicazione.

Per ciascuna agevolazione deve essere compilato un apposito modulo nel quale vanno esposti il codice identificativo del credito vantato nonché i dati previsti nei righi da RU2 a RU12.

Si evidenzia che la sezione contiene le informazioni relative a tutti i crediti d’imposta da indicare, con la conseguenza che alcuni righi e/o colonne possono essere compilati solamente con riferimento a taluni crediti d’imposta.

La sezione va compilata dai soggetti che maturano il diritto al beneficio. In caso di cessione totale o parziale del credito, ove consentita, le istruzioni precisano i casi in cui i cessionari del credito d’imposta invece non devono compilare il quadro RU.

I cessionari invece non devono compilare il quadro RU. Questi ultimi sono tenuti a riportare il credito d’imposta nel modello soltanto se utilizzano il credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda oppure il credito d’imposta per le spese di sanificazione e per l’acquisto di dispositivi di protezione ricevuto nel periodo d’imposta oggetto della dichiarazione in diminuzione delle imposte sui redditi e/o relative addizionali; in tal caso, indicano l’importo utilizzato a scomputo dell’imposta dovuta nel quadro RS, rigo RS450.

Print
Rate this article:
3.3

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *