AREA RISERVATA - CAF MCL

DOMANDE E RISPOSTE SULL’IMU ( 1/6)

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
DOMANDE E RISPOSTE SULL’IMU ( 1/6) 3101 0

L’ESENZIONE DELL’ABITAZIONE PRINCIPALE

articolo di Stefano Ceci

Chi pensava di poter tirare il fiato, dovrà necessariamente riporre non; pinne, fucile ed occhiali ma piuttosto racchette, sci e scarponi per l’incombente adempimento del saldo IMU.

Con il 18 dicembre alle porte (il 16 cade di sabato), ho pensato potesse essere utile raccogliere alcuni quesiti e di riproporre quelli più interessanti in questo articolo su CAFNEWS24.

C’è anche chi mi ha chiesto cosa significhi IMU …. ma se questa domanda la cestiniamo spero saranno pochi quelli che rimarranno a bocca asciutta.

Venendo invece a domande più biricchine, la prima, quella più frequente e sui cui esiti si è discusso tantissimo è il concetto di abitazione principale, con le questioni legate alla ipotesi dei due coniugi non separati, che risiedono in immobili diversi.

L’abitazione principale è l’unità immobiliare in cui “il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente” (art. 1, comma 741, lettera b).

La definizione che ci restituisce la norma è piuttosto restrittiva al punto che sulla scia di questo principio erano stati assoggettati ad IMU, numerosi immobili ove risultasse risiedere uno o più dei componenti il nucleo familiare che non fosse quello ove “fisicamente” risiedeva l’intero nucleo familiare, così come risultasse dai registri anagrafici. 

Ma ecco, che lo scorso anno arriva il colpo di scena, la Corte Costituzionale, con pronuncia n. 209 del 13 ottobre 2022, dichiara l’illegittimità costituzionale della norma nella parte in cui richiede che, ai fini dell’esenzione, la dimora abituale e la residenza anagrafica sono riferiti ai componenti del nucleo familiare.

La Corte con una sentenza favorevole ai cittadini arriva ad interpretare che: “per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente”.

La sentenza scardina il principio che i coniugi ancorché non effettivamente separati non possono risiedere in immobili diversi ancorché situati nello stesso comune od in comuni diversi.

Indubbiamente passa una tesi che fino a quel momento era stata (logicamente) avversata dai comuni, i quali rispetto a tale principio non saranno parte passiva, ma hanno il compito di adoperarsi per accertare che quanto dichiarato dai coniugi non risponde al vero e cioè, che entrambi hanno dimora abituale (e quindi principale) nello stesso immobile, in tali casi l’esenzione spetterà per il solo immobile occupato.

E’ il caso di ricordare una seconda importante eccezione, la locazione parziale dell’abitazione principale, cioè quella nella quale il possessore dimori abitualmente e risieda anagraficamente, non determina la perdita delle agevolazioni fiscali (CTR Abruzzo, 25 gennaio 2022, n. 8).

Print
Rate this article:
4.2

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *