AREA RISERVATA - CAF MCL

DOMANDE E RISPOSTE SULLE SPESE MEDICHE (3/3)

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello 730
DOMANDE E RISPOSTE SULLE SPESE MEDICHE (3/3) 3769 0

Le spese mediche rimangono il tallone d’Achille dell’assistenza fiscale

articolo di Stefano Ceci

Quante volte ci siamo interrogati sulla detrazione della spesa medica in funzione della titolarità della spesa, criterio che si complica con riferimento ai familiari a carico.

Se immaginassimo un’ideale graduatoria a difficoltà crescente avremmo una classifica più o meno così:

1° posto – la spesa sostenuta per un familiare non a carico

2° posto – spesa sostenuta per familiare defunto

3° posto - spesa sostenuta per familiare a carico

Ho visto persone ricorrere a vaticini, interrogando polveri sparse su ciotole consunte, alcuni si narra, vaghino raminghi in preda a visioni divinatorie.

Senza scomodare antichi e desueti riti profetici, proverei a dare qualche utile indicazione per provare ad uscire dall’impasse.

R. Le spese mediche e quelle di assistenza specifica per disabili e le spese sanitarie relative a patologie esenti sono, rispettivamente, oneri deducibili e oneri detraibili anche se sostenuti per i familiari non a carico, per la sola parte che non trova capienza nell’imposta da questi ultimi dovuta.

In questi casi si indicano nella dichiarazione del soggetto non a carico sia la quota di oneri che trova capienza nell’imposta lorda che quella che invece eccede, quest’ultimo dato andrà inserito nel 730/3 onde permettere il recupero dell’eccedenza al soggetto che ha sostenuto la spesa per recuperare la quota che non ha trovato capienza.

R. Poi c’è la questione delle spese sostenute per familiari defunti. In questi casi, gli eredi hanno diritto alla detrazione d’imposta oppure alla deduzione dal proprio reddito complessivo per le spese sanitarie del defunto sostenute dagli stessi dopo il decesso, quelle prima, ovviamente confluiranno nella dichiarazione del defunto, perché per il periodo che è rimasto in vita varranno le regole ordinarie (anche se solo per porzione d’anno)

Infine un utile ripasso della figura del familiare a carico.

Quella che potrebbe sembrare una discussione semplice, invece i più avvenuti sanno quanti tranelli nasconde.

Le casistiche relative ai familiari, sono le più disparate, si va dai figli maggiorenni occupati o non occupati, alla questione dei figli legittimi e dei figli naturali oppure di quelli riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati, come non dimenticare l’ex coniuge, per approdare infine alla questione degli altri familiari e quando possono essere considerati a carico.

Argomenti complessi che richiederebbero pagine e pagine di approfondimenti, provo a semplificarli.

R. Sono considerati fiscalmente a carico i seguenti familiari nell’ipotesi in cui abbiano prodotto redditi per un ammontare non superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili:

Per tali familiari non è prevista alcuna condizione e, pertanto, sono considerati a carico, anche se gli stessi non convivono con il contribuente o sono residenti all’estero.

Dal 2019 sono considerati fiscalmente a carico i figli di età non superiore a 24 anni che nel 2020 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 4.000 euro, al lordo degli oneri deducibili.

È stata eliminata ogni distinzione tra figli legittimi e figli naturali ed è stata, quindi, garantita la completa uguaglianza tra i figli nati nel matrimonio e fuori dal matrimonio mediante l’unificazione di tali due concetti, rilevando attualmente solo il rapporto di filiazione (D.Lgs. n. 154/2013).

Per questi altri familiari:

  • coniuge legalmente ed effettivamente separato;
  • discendenti dei figli;
  • genitori (compresi genitori naturali e quelli adottivi);
  • generi e nuore;
  • suocero e suocera;
  • fratelli e sorelle, anche unilaterali;
  • nonni e nonne, compresi quelli naturali,

è invece previsto che siano considerati a carico solo nell’ipotesi in cui convivano con il contribuente o ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità giudiziaria.

I rapporti di parentela, affinità o di coniugio, così come presupposti dalla norma, devono risultare da atti/situazioni formalmente e giuridicamente validi.

L’esclusivo rapporto affettivo fra due soggetti, in funzione del quale viene instaurata la convivenza, non costituisce elemento sufficiente, neppure nel caso in cui risulti dallo stato di famiglia.

Con la circolare 24 aprile 2015, n. 17/E, l’Agenzia delle Entrate ha evidenziato l’ordine da seguire per la fruizione della detrazione per familiari a carico:

  1. coniuge (art. 12, lettere a-b, TUIR);
  2. figlio (art. 12, lettera c, TUIR);
  3. altro familiare convivente o per il quale è versato un assegno alimentare non risultante da provvedimenti dell’autorità giudiziaria (art. 12, lettera d, TUIR).

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

LA CORTE DEI CONTI RILEVA L'USO MASSIVO DEI CAF E DEGLI INTERMEDIARI PER EVITARE ERRORI E SEMPLIFICARE IL PROCESSO.

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *