AREA RISERVATA - CAF MCL

DISSERTAZIONI SULL’IPOTESI DI CONCORSO IN VIOLAZIONE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
DISSERTAZIONI SULL’IPOTESI DI CONCORSO IN VIOLAZIONE 1098 0

Il decreto Aiuti-bis limita l’ipotesi di concorso in violazione ai soli casi di dolo o colpa grave, considerazioni

articolo di Stefano Ceci

L’ipotesi di concorso in violazione è stato (ed è saldamente ancora) lo spauracchio dei diversi attori dei cicli operativi relativi alle pratiche di cessione crediti da bonus edilizi.

Indubbiamente la modifica dell’art.121 del DL 34/20 conferisce alla fattispecie delittuosa perimetri meno sfocati ma sicuramente non mitiga i timori degli operatori.

Proviamo a dissertare su due aspetti, il primo: il concorso nella violazione ed il secondo: il dolo o la colpa grave, sono questi i due elementi che se abbinati fanno scattare le responsabilità patrimoniali e penali riferite all’operazione.

In materia tributaria si ha il concorso nella violazione, quando più persone concorrono in una violazione, in questo caso, ciascuna di esse soggiace alla sanzione per questa disposta. Tuttavia, quando la violazione consiste nell’omissione di un comportamento cui sono obbligati in solido più soggetti, è irrogata una sola sanzione e il pagamento eseguito da uno dei responsabili libera tutti gli altri, salvo il diritto di regresso.

Venendo al secondo concetto, l’Agenzia chiarisce che si considera dolosa, ai sensi dell’articolo 5, comma 4, del d.lgs. n. 472 del 1997, la violazione attuata con l’intento di pregiudicare la determinazione dell’imponibile o dell’imposta ovvero diretta ad ostacolare l’attività amministrativa di accertamento. Dalla lettura della circolare un aspetto risulta dirimente e cioè la volontà, dunque nell’atto volontariamente compiuto deve essere ravvisata la circostanza dolosa, diverso sarebbe il caso se la violazione si perpetrasse sempre con la partecipazione del soggetto, ma dove i comportamenti da questo tenuti non fossero connotati del requisito della volontà di arrecare nocumento al sistema erariale.

A questo principio della volontà deve correlarsi l’altro quello della colpa grave, si rileva la colpa grave quando l’imperizia o la negligenza del comportamento sono indiscutibili e non è possibile dubitare ragionevolmente del significato e della portata della norma violata e, di conseguenza, risulta evidente la macroscopica inosservanza di elementari obblighi tributari.

Da questo si evince che vengono posti sullo stesso piano la volontà manifesta alla realizzazione della violazione e l’imperizia, laddove fosse correlata al mancato rispetto di norme macroscopicamente evidenti e che il comportamento tenuto porterebbe ad una loro chiara contravvenzione.

Insomma, rileva il comportamento in violazione di obblighi tributari elementari.

Si potrebbero fare degli esempi, c’è dolo nel caso in cui il cessionario è stato messo nelle condizioni di sapere che il credito sia inesistente, dunque vi è la volontà di raggiungere i benefici fiscali pur sapendo che questi non spetterebbero in questo caso vi sarebbe anche il concorso alla violazione.

Vi sarà di converso, colpa grave nel caso in cui il cessionario operi anche in assenza di documentazione probatoria.

Su questi aspetti l’Agenzia a dire il vero apre anche uno spiraglio alla valutazione delle capacità professionale del cessionario, anche per questo vi è la volontà di circoscrivere i soggetti legittimati all’acquisizione dei crediti tributari, proprio per avere garanzie di un livello di professionalità idoneo a poter rivendicare non solo la volontà ma la colpa grave, la quale si è detto nasce dal mancato rispetto di norme definibili “elementari” ma non per questo nella disponibilità di qualsiasi soggetto.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno...

Bonus Edilizi

DALLA COMMISSIONE FINANZE ALLA CAMERA UN IMPORTANTE IMPULSO AI BONUS EDILIZI

Forse vita breve per i blocchi alle cessioni o sconto in fattura

SI STA AVVICINANDO LA SCADENZA DEL 31 MARZO PER LA TRASMISSIONE DELLE COMUNICAZIONI DI CESSIONE

Per chi non riesce a trasmettere la comunicazione di cessione del credito entro la data del 31 marzo sarà possibile la remissione in bonis ?

SI STUDIANO NOVITA’ PER TROVARE UNA SCAPPATOIA DAL BLOCCO DELLE CESSIONI

Le modifiche potrebbero arrivare al termine dell'iter parlamentare della legge di conversione del decreto 11/2023.


L'approfondimento

La solita proroga in zona cesarini, per consentire di valutarne l’accesso ad un maggiore numero di soggetti e fornire utili chiarimenti

Il ruolo degli operatori della fiscalità nei processi applicativi delle disposizioni contenute nella delega fiscale

Il futuro dell’Irpef sui redditi di lavoro dipendente fra revisione, semplificazione e flat tax

Un soggetto privo di codice fiscale e non residente in Italia, vuole prendere in locazione un immobile. Come ci comportiamo? Può farlo?

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

L’INPS con Circolare 29/2023 ha fornito le istruzioni per ottenere la CU 2023. I CAF intermediari per offrire questo servizio ai pensionati.

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021