AREA RISERVATA - CAF MCL

DETRAIBILITA’ DELLE SPESE PER PROFESSIONISTI NELL’AMBITO DEI BONUS EDILIZI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
DETRAIBILITA’ DELLE SPESE PER PROFESSIONISTI NELL’AMBITO DEI BONUS EDILIZI 5709 0

Sono in continua evoluzione le norme ed i limiti imposti ai bonus edilizi, spesso si sottovaluta l’impatto degli oneri riferibili alle prestazioni professionali. Il punto su quali sono ed in che misura concorrono alla detrazione

articolo di CAF News 24

Quante volte ci si è interrogati sulla detraibilità delle spese per professionisti di cui, a vario titolo, si ha necessità nell'’ambito di un intervento di bonus edilizio.

Questo aspetto è importante, tenendo conto che in linea generale, se una spesa è detraibile può anche essere oggetto di cessione del credito o sconto in fattura.

Analizziamo perciò le diverse ipotesi:

Asseverazione  

Si ricorda che l’asseverazione sarà quella tecnica e potrà interessare sia le caratteristiche del lavoro che la congruità dei prezzi.

La spesa è senz’altro detraibile. Deve però essere, a sua volta, congrua, come ricorda la circolare 30/E/2020 (risposta 5.2.2), sulla base dei criteri fissati dal decreto del ministro della Giustizia del 17 giugno 2016.

Inoltre, la spesa per l’asseverazione – unita alle altre spese professionali – non deve superare il limite massimo di spesa agevolata indicato dalla legge né quello fissato dal Dm Requisiti (destinato a essere sostituito, quando sarà pienamente operativo, dal Dm Mite di prossima emanazione).

Visto di conformità

È chiaramente detraibile anche la spesa sostenuta per il visto di conformità, con una precisazione che potrebbe sembrare inutile ma è opportuno farla lo stesso: la detraibilità della spesa per il visto, dal momento che esistono circostanze esimenti, è rimessa alla sua obbligatorietà , perciò sarà detraibile solo se prevista dalla norma e non già a prescindere ad esempio nei casi di bonus minori realizzati in ambito di edilizia libera o per la non libera nell’ambito della franchigia dei 10.000,00 euro.

Telefisco 2022 è intervenuto su di una particolare circostanza e cioè della concomitanza del Visto per detrazione con altri visti all’interno della stessa dichiarazione , in questo caso per essere ceduto il relativo credito sarà necessario che il professionista fatturi scorporando il visto per il bonus o superbonus distinguendone l’importo da quello apposto in ossequio a disposizioni diverse.

Altre spese professionali

La circolare 7/E/2021 cita, ad esempio, tra le spese detraibili al 50% «la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse comunque richieste dal tipo di lavori», anche se pagate prima dell’avvio del cantiere (pag. 332). Ancora più ampia l’elencazione dettata per il bonus facciate (pag. 360), dove si parla di «prestazioni professionali connesse, comunque richieste dal tipo di lavori (ad esempio, l’effettuazione di perizie e sopralluoghi, il rilascio dell’attestato di prestazione energetica, le spese per la direzione lavori e il coordinamento per la sicurezza)».

Importante: da non considerare nel novero delle spese sopra riportate quelle di consulenza fiscale anche se specificatamente riferite al bonus, quelle eventualmente sostenute per sanare abusi edilizi o simili.

Compenso all’amministratore di condominio

È acclarato che il compenso all’amministratore di condominio anche se correlato alla gestione della pratica, in analogia con le consulenze fiscali, non è detraibile, «non trattandosi di un costo caratterizzato da un’immediata correlazione con gli interventi che danno diritto alla detrazione, in quanto gli adempimenti amministrativi rientrano tra gli ordinari obblighi posti a carico dell’amministratore da imputare alle spese generali di condominio (circolare 30/E/2020, rispo. 4.4.1).

Diverso è il caso della direzione dei lavori pagata eventualmente ad un professionista che sia anche l’amministratore del condominio, il compenso in questo caso viene erogato non nella funzione di amministratore ma in quella di direttore del cantiere.

Compenso al general contractor

Spesso chiedono se il compenso previsto per l’intermediario, per la banca o le poste ( i general contractor) sia da considerarsi detraibile.

La spesa segue la regola delle consulenze prima evidenziata e dunque non sarà detraibile in quanto non connessa con la realizzazione dei lavori, così come, per i medesimi motivi non lo sono gli oneri finanziari per la cessione del credito che spesso sono “ribaltati” sul contribuente.

Va però chiarita una possibilità che invece ribalta “parzialmente” quanto prima riportato e cioè il caso in cui il contractor sia anche il soggetto che realizza l’intervento. E’ evidente che in questo specifico caso, le spese liquidate al contractor nella funzione di impresa realizzatrice dell’intervento saranno direttamente computabili nella detrazione / cessione, così come, nel caso in cui sempre il contractor, ribalti sull’utente finale gli oneri sostenuti, per l’asseverazione tecnica, l’asseverazione di congruità dei prezzi ed eventualmente anche il visto di conformità o comunque limitatamente a quella fra le spese appena elencate sia stata ribaltata.

La misura della detrazione della spesa, segue la percentuale di detrazione prevista per lo specifico intervento.

Print
Rate this article:
3.0

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *