AREA RISERVATA - CAF MCL

DEDALO DI NUOVI LIMITI E MODALITA’ PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
DEDALO DI NUOVI LIMITI E MODALITA’ PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE 636 0

Facciamo il punto successivamente all’entrata in vigore il giorno 17 febbraio delle nuove disposizioni relativamente alle cessioni di credito. (Parte 1)

articolo di cafnews24

Decine di date e scadenze hanno interessato il percorso di evoluzione delle norme relative alla cessione dei crediti, proviamo a fare il punto al momento attuale.   

Parlando di cessioni c’è un prima del 16 febbraio 2022 ed un dopo del 16 febbraio 2022.

Per le cessioni comunicate fino al 16 febbraio, è possibile effettuare una prima cessione a qualsiasi soggetto, più due ulteriori cessioni a soggetti “qualificati” (banche e intermediari finanziari).

Per le cessioni, invece comunicate dopo il 16 febbraio, non si potranno fare più di due cessioni a soggetti qualificati, mentre in caso di sconto in fattura è possibile effettuare una prima cessione a qualsiasi soggetto ed altre due a soggetti qualificati.

Questo ci porta ad asserire che dal 17 febbraio, sia che si tratti di cessioni che di sconti in fattura si possono fare al massimo due cessioni a soggetti qualificati.

Questo è uno dei passaggi salienti della circolare n. 19/E del 27 maggio 2022 nella quale l’Agenzia delle Entrate cerca di fare luce su una delle materie più controverse e rimaneggiate negli ultimi mesi ovvero quella dei bonus edilizi.

E’ sotto gli occhi di tutti il dedalo di proroghe, modifiche , integrazioni e marce indietro che hanno falcidiato il sistema delle cessioni nei primi 5 mesi del 2022, decreti la cui  etichettatura aveva il solo limite della fantasia …. “Sostegni ter”, “Milleproroghe”, “Energia”, ”Aiuti”, “Ucraina”.

Da qui il rischio di saltare qualche passaggio e di, commettere qualche errore che potrebbe essere pagato a caro prezzo.

I chiarimenti fissati dalla prassi dell’Agenzia sono tanti e spaziano dalla fruizione del Superbonus e degli altri bonus, all’obbligo di apposizione del visto di conformità, passando per la cessione dei bonus e per il quadro sanzionatorio.

Data la notevole mole delle norme richiamate lo faremo per step, focalizzando per ora l’attenzione sull’annosa questione delle cessioni.

Sulla cessione e sconto in fattura, le modifiche sono state davvero tante e tutte con l’unico fine di limitare la possibilità di cedere i crediti e conseguentemente di commettere illeciti.

Volendo sintetizzare va detto che:

  1. il contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo (c.d. “sconto in fattura”) viene anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi, il quale può recuperarlo sotto forma di credito d’imposta di importo pari alla detrazione spettante, cedibile dai medesimi ad altri soggetti compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari senza facoltà di successiva cessione, fatta salva la possibilità di due ulteriori cessioni solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari iscritti all'apposito albo, società appartenenti a un gruppo bancario iscritto all'albo ovvero imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia;

Il testo della circolare chiarisce che il credito risultante dallo sconto in fattura potrà essere liberamente ceduto a terzi solo una volta e senza la possibilità per chi lo riceve di fare un’ulteriore cessione, fatto salvo il caso di ulteriori due cessioni solo se fatte a banche od intermediari finanziari.

A questo principio generale, si aggiunge una nuova possibilità che decorre dal primo maggio 2022,  in deroga al principio in precedenza espresso e per non sovraccaricare le banche di una mola ingestibile di crediti è stata prevista la facoltà per le sole banche e alle società appartenenti a gruppi bancari di poter effettuare sempre cessioni a favore dei clienti professionali privati, che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa, ovvero con la banca capogruppo, senza facoltà di ulteriore cessione.

Perciò alla seconda cessione che ricordo poteva essere solo verso intermediari qualificati i quali potevano eventualmente fare un’ulteriore cessione sempre fra soggetti qualificati, si aggiunge un’ulteriore nuova possibilità, cioè per le banche cedere (senza però ulteriore possibilità di cessione da parte del privato) ai propri clienti privati con i quali intrattengano un rapporto di conto corrente, il predetto credito.

L’opzione può essere esercitata in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori. Per gli interventi soggetti alla detrazione del 110% gli stati di avanzamento dei lavori non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno stato di avanzamento deve riferirsi ad almeno il 30% del medesimo intervento.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

AVVIO GRADUALE DELLE DIVERSE NOVITA’ INTRODOTTE DAL DECRETO AIUTI E SOSTEGNI, LA PRIMA E’ LA LIMITAZIONE DEGLI UTILIZZI PARZIALI DEI CREDITI

Ancora lacci e lacciuoli che mirano a limitare l’utilizzo in compensazione dei crediti

UNA RIFLESSIONE SULLE CESSIONI SUCCESSIVE ALLA PRIMA E SUI SOGGETTI ABILITATI

L’obbligo di detenere un reddito imponibile ai fini della cessione del credito spetta solo al committente e non già al primo acquirente...

DEDALO DI NUOVI LIMITI E MODALITA’ PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE

Facciamo il punto successivamente all’entrata in vigore il giorno 17 febbraio delle nuove disposizioni relativamente alle cessioni di...

L'approfondimento

Dal 30 giugno scattano le sanzioni nel caso di indisponibilità ad accettare pagamenti in moneta elettronica a fronte sia di prestazioni di servizi che operazioni commerciali

Le accoglienti porte dell’agenzia delle entrate si aprono alle criptovalute ed a tutti i rapporti finanziari tenuti tramite criptovalute e comunque ogni altra grandezza diversa dalle monete aventi corso legale.

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021