AREA RISERVATA - CAF MCL

COUNT DOWN PER LE CRIPTOATTIVITA’

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
COUNT DOWN PER LE CRIPTOATTIVITA’ 2915 0

RIVALUTAZIONE FISSATA AL 02 OTTOBRE PER RIVALUTARE LE CRIPTOVALUTE

articolo di Stefano Ceci

Nei recenti corsi di aggiornamento abbiamo affrontato la questione delle criptoattività chiarendo che finalmente hanno trovato una regola per la messa a regime della relativa fiscalità.

Cripto valute, blockchain, bitcoin, sono anglicismi finanziari che pervadono il nostro lessico quotidiano.

A quanti di voi, pazienti lettori, sarà capitato di imbattersi in qualche conoscente divenuto improvvisamente esperto della finanza delocalizzata.  Le voci si rincorrono incontrollate decantando miracolistici investimenti che hanno fruttato guadagni inaspettati ed imprevedibili.

Per l’occasione vi do un consiglio, provate a scorgere l’accigliatura ammiccante del vostro esperto interlocutore, vedrete che prima o poi calerà la maschera asserendo fieramente che ciò che più di ogni altra cosa l’ha appagato è stata, la possibilità di glissare la “voyeuristica” inclinazione  dell’Agenzia delle Entrate.

Quella stringa di bit ha significato, nell’improvvido immaginario del nostro amico, molto di più di un investimento, quel “wallet” che custodiva gelosamente le sue monete virtuali liberamente accessibili e trasferibili in qualsiasi momento, anche la possibilità di accedere al Valhalla dei guadagni sfrenati al riparo dallo sguardo indagatore del fisco.

Se mai stata vera “pacchia” non saprei, però l’Agenzia delle Entrate dal 2016 a oggi sta elaborando delle risposte alle varie questioni che stanno emergendo. Per prima cosa il legislatore si è preoccupato (data la natura volatile delle valute)  di porre norme in materia di antiriciclaggio per poi, con La legge di Bilancio 2023 (art. 1, commi 126-147, legge n. 197/2022) introdurre importanti modifiche alla disciplina di tassazione delle cripto-attività, allo scopo di rendere la normativa fiscale coerente con l’evoluzione delle diverse tipologie di cripto-attività presenti nel sistema delle criptovalute.

Dal punto di vista fiscale le questioni sono assai diverse ed interessano diversi ambiti, l’IVA ad esempio nella misura in cui la cessione è considerata attività di servizi, più in generale serve tenerne conto in relazione al fatto che rappresentano valute spendibili alla stregua del denaro avente corso legale.

Per semplificare l’approccio mi limiterò a valutarne gli effetti ai soli fini irpef, per far questo serve definire il momento in cui operare la valutazione del controvalore, fissando il momento in cui sarà necessario determinarne la misura al fine di poter valutare l’entità della plusvalenza correlata a quella della precedente valutazione.

Questo processo partito nel 2016, trova una prima definizione nella legge di bilancio 2023.

Vediamo in maniera assai sommaria i 3 punti principali su cui si basa la nuova legge sulle criptovalute.

  1. le plusvalenze sono determinate come differenza tra il corrispettivo percepito e il costo o il valore di acquisto sono tassabili con aliquota del 26%, soltanto se nel periodo d’imposta raggiungono complessivamente il valore di 2.000 euro (in luogo dei precedenti 51.645,69 euro detenuti in criptovalute);
  2. lo scambio di criptoattività aventi le medesime caratteristiche e funzioni non è rilevante ai fini fiscali;
  3. le minusvalenze relative a operazioni aventi ad oggetto criptoattività possono essere portate in deduzione negli anni (ma non oltre il quarto) dalle plusvalenze, a condizione che siano indicate nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta nel quale le minusvalenze sono state realizzate;

Quanto sopra ci fa comprendere, che la sola detenzione delle criptovalute non genera base imponibile, allo stesso modo di come non si tassa il solo scambio di criptovalute.

Semplificando ancora il concetto, potrei dire che le criptovalute vengono ad essere valutate nel momento in cui si trasformano cioè quando passano da essere un valore virtuale ad uno reale. Questo accade perché le vendiamo oppure perché le utilizziamo per pagare un bene od una prestazione.

Ad esempio, potrei acquistare un immobile cedendo dei bitcoin aventi valore pari a quello dell’immobile, procedura non realizzabile mediante la cessione (solo per fare esemplificare) di titoli azionari, da questo si comprende la natura di valuta a tutti gli effetti delle criptovalute.

Va dunque fissato il momento in cui nasce il presupposto alla tassazione, andremo perciò a colpire la plusvalenza che si determina nel momento in cui la criptovaluta si trasforma, cioè passa, dall’essere una semplice stringa ad un controvalore commisurabile in valuta corrente.

Saltando a piè pari altre questioni legate alle criptovalute (solo perché non è argomento del presente articolo) approdiamo al provvedimento in scadenza il 02 ottobre (perché il 30 settembre cade di sabato).

La legge di bilancio 2023 ha previsto per i contribuenti che, alla data del 1° gennaio 2023, detenessero cripto-attività la possibilità rideterminare il loro costo o valore di acquisto, a condizione che il costo o valore sia assoggettato a un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi stabilita nella misura del 14%.

La misura è interessante, perché se è vero che la plusvalenza è soggetta all’imposta sostitutiva del 26% e che la plusvalenza è data dalla differenza fra il prezzo di acquisto e quello di realizzo, viene ora data la possibilità a tutti i detentori di criptovalute di riallineare i valori di acquisto delle criptoattività mediante una rivalutazione assoggettata ad imposta sostitutiva del 14%, sterilizzando dunque ben il 12% dell’imposta sulla plusvalenza, a quel punto il valore di partenza su cui calcolare la plusvalenza che eventualmente si realizzerà non sarà più quello originario ma quello rideterminato .

Print
Rate this article:
No rating

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *