AREA RISERVATA - CAF MCL

CON L’ANNO NUOVO FISCO VECCHIO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Riscossioni
CON L’ANNO NUOVO FISCO VECCHIO 3475 0

IL FISCO TORNA AD ESSERE SEVERO CON I DEBITORI ERARIALI

articolo di CAF News 24

Il 2022 si apre con un fisco decisamente più severo nei confronti dei debitori, vengono infatti a mancare le protezioni concesse per l'emergenza COVID-19, ciò significa che si torna alla decadenza dai nuovi piani di rateizzazione delle cartelle nel momento in cui non siano pagate 5 rate anche non consecutive terminano quindi gli effetti della cosiddetta decadenza maggiorata a 10 rate e di quella super maggiorata a 18 rate, agevolazioni queste, concesse rispettivamente a coloro che avevano chiesto dilazioni durante la pandemia ed ai contribuenti con rateizzazioni già in essere prima dell'emergenza coronavirus.

Ma non basta,  saltano inoltre anche le facilitazioni stabilite per ottenere una dilazione, a partire dal 1 gennaio torna il tetto massimo di 60.000 euro di somme iscritte a ruolo per ottenere una rateizzazione automatica ovvero senza che il contribuente debba documentare la situazione di temporanea e obiettiva difficoltà, ricordiamo che il limite appena citato fino al 31 dicembre 2021 era stato elevato a 100.000 euro per venire incontro ai contribuenti colpiti dalla crisi economica indotta dalle restrizioni stabilite per contenere l'emergenza sanitaria.

Viene anche eliminata la possibilità di ottenere una nuova dilazione senza saldare le rate scadute nel caso di piani per i quali era già intervenuta la decadenza prima dell'otto marzo 2020, anche questa agevolazione esauriva i propri effetti lo scorso 31 dicembre e coloro che ne hanno usufruito beneficiano anche della decadenza lunga dei piani a 10 rate insolute non consecutive.

Ricapitolando, da gennaio tornano in vigore le precedenti disposizioni, perciò:

  1. la dilazione verrà concessa al contribuente che dichiara di versare in temporanea situazione di obiettiva difficoltà senza la necessità di documentare la sussistenza di tale requisito, in questi casi sarà possibile ripartire il pagamento del ruolo fino a un massimo di 72 rate per somme fino a 60.000 euro, per importi superiori occorrerà dimostrare i requisiti;
  2. torna attiva la decadenza del piano di rateazione al mancato pagamento nel corso del periodo di rateizzazione di 5 rate anche non consecutive;
  3. una volta decaduto il debitore perde i benefici della dilazione e l'intero importo iscritto a ruolo ancora dovuto è immediatamente ed automaticamente riscuotibile in un'unica soluzione;
  4. lo stesso importo potrà essere nuovamente rateizzato se all'atto della presentazione della richiesta, saranno integralmente saldate tutte le rate scadute, in questo caso il nuovo piano di reazione potrà essere partito nel numero massimo di rate non ancora scadute alla data della nuova concessione.
Print
Rate this article:
No rating

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CEDOLARE SECCA, FONDO GARANZIA PRIMA CASA ED ABBANDONO SUPERBONUS

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *