AREA RISERVATA - CAF MCL

COMUNICAZIONE PREVENTIVA LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
COMUNICAZIONE PREVENTIVA LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI 5856 0

Le Faq contenute nella nota 109/22 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro emanata di concerto col Ministero del Lavoro chiariscono che ai fini della comunicazione rileva ad esempio la natura intellettuale della prestazione

articolo di CAF News 24

:    Con le Faq contenute nella nota 109/2022, L’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce  chiarimenti sull’applicabilità dell’obbligo di comunicazione preventiva, relativamente all’avvio dell’attività dei lavoratori autonomi occasionali.

Si ricorda che tale adempimento è entrato in vigore a far data dal 21 dicembre 2021 così come stabilito dall’articolo 13 del Decreto Fisco-Lavoro (Dl 146/2021).

Il primo aspetto chiarito attiene alle condizioni soggettive del committente, che sarà fatto destinatario della comunicazione, esclusivamente se opera nella qualità di imprenditore.

Questa circostanza fa comprendere che saranno esonerati dall’adempimento tutti quei committenti, tipicamente operanti nell’ambito del Terzo settore, nonché le associazioni e società sportive dilettantistiche (Asd e Ssd) e le fondazioni Its, che svolgono esclusivamente attività non commerciale.

Al riguardo occorre fare una puntualizzazione, se è vero che la prestazione occasionale non va comunicata preventivamente nell’ambito di un’attività no profit, si ritiene che se l’Ente, si avvalesse della prestazione occasionale del lavoratore autonomo nella realizzazione di attività imprenditoriali ancorché marginali rispetto alle attività istituzionale il richiamato adempimento sarebbe invece obbligatorio.

La medesima eccezione non rileva invece per gli enti pubblici (articolo 1, comma 2, del Dlgs 165/2001), purché non economici, le comunicazioni non sono dovute a prescindere dall’impiego dei lavoratori occasionali in attività d’impresa svolta in via non prevalente. Ugualmente sono esonerati gli studi professionali che non sono organizzati in forma d’impresa.

Si ricorda che la comunicazione sarà obbligatoria anche con riferimento ad una condizione temporale  

DECORRENZA DEL RAPPORTO

MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA COMUNICAZIONE

Rapporti iniziati a

Decorrere dal

21/12/2021

e cessati all’11/01/2022

Entro il 18/01/2022 (compreso)

Rapporti di lavoro in

essere alla data

dell’11/01/2022 ed ancora non cessati

Entro il 18/01/2022 (compreso)

Rapporti avviati dal

12/01/2022

La comunicazione va effettuata prima dell’inizio della

prestazione di lavoro autonomo occasionale

eventualmente risultate dalla lettera d’incarico 

Le attività ispettive potranno essere indirizzate alla riqualificazione dei rapporti occasionali in lavoro subordinato, soprattutto con riferimento alle causali indicate nella lettera di incarico ed alla numerosità delle stesse nel medesimo ambito lavorativo.

Nella comunicazione che in questa prima fase dovrà essere inviata via mail od sms alla sede dell’Ispettorato del Lavoro competente per territorio, dovranno essere indicati oltre alle generalità complete del lavoratore autonomo, anche: il luogo della prestazione, la sintetica descrizione dell’attività svolta, la data di inizio e la presumibile durata, l’ammontare del compenso pattuito.

Eventuali modifiche ai dati trasmessi dovranno essere comunicate con le medesime modalità e gli stessi termini preventivi.

In ordine a violazioni dell’obbligo od inesatte indicazioni vengono previste sanzioni da 500 a 2.500,00 euro da comminare con riferimento a ciascuna posizione affetta da omissioni o criticità.

In relazione all’obbligo i comunicazione preventiva, si rileva una importante specificazione, e cioè che si deve entrare nel merito della natura intellettuale o meno della prestazione richiesta, da ciò deriva che se la prestazione è di natura prettamente intellettuale, le comunicazioni non saranno dovute, valga a solo titolo di esempio, la figura dei relatori a dei congressi, i correttori di bozze, i docenti e redattori.

Inoltre, non sono previste comunicazioni per i lavoratori dello spettacolo che applicano regole specifiche con l’articolo 6 del Cps 708/1947.

Un’ultima indicazione, tra i mancati esoneri soggettivi vale la pena indicare che la modalità di erogazione a distanza della prestazione, ad esempio nel caso di una prestazione resa da remoto, non costituisce causa di esonero dall’obbligo.

Print
Rate this article:
5.0

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

LA CORTE DEI CONTI RILEVA L'USO MASSIVO DEI CAF E DEGLI INTERMEDIARI PER EVITARE ERRORI E SEMPLIFICARE IL PROCESSO.

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *