AREA RISERVATA - CAF MCL

COMPLIANCE TRIBUTARIA ULTIMO TRENO PER DEFINIRE PENDENZE TRIBUTARIE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
COMPLIANCE TRIBUTARIA ULTIMO TRENO PER DEFINIRE PENDENZE TRIBUTARIE 1005 0

Spesso disattesa, la compliance tributaria soprattutto se riferita a violazioni ed omissioni del quadro RW è da considerarsi atto di clemenza tributaria da cogliere al volo

articolo di cafnews24

Continua il processo di compliance tributaria relativamente al quadro RW, ora tocca all’anno d’imposta 2018. I conti con l’erario possono essere sanati presentando una dichiarazione integrativa e versando le imposte aumentate delle sole sanzioni ridotte per effetto del ravvedimento operoso sempre possibile nel caso di compliance.

L’istituto della compliance è stato introdotto dall’art.1 commi 634 e seguenti della Legge di stabilità 2015 (L.190/14).

L’istituto della compliance è sovente sottovalutato dal contribuente e dalle sedi CAF cui si rivolge. Intanto va rilevato che è un’eccezione al principio che vuole le sanzioni non più ravvedibili nel caso in cui l’Agenzia delle Entrate ci “ faccia tana” , insomma viene concessa un’ultima opportunità prima che l’ufficio intraprenda il normale percorso teso al recupero delle imposte.

Con questo atto di clemenza fiscale, l’Agenzia scommette sul nostro senso di responsabilità civile auspicando per un verso la stimolazione di un (quasi) autonomo processo di riallineamento tributario oppure la giustificazione circa il disallineamento con i dati in possesso dell’Ufficio.

L’esperienza nel settore mi ha insegnato che le situazioni maggiormente interessate da questo spontaneismo sono quelle riconducibili al monitoraggio fiscale delle attività detenute all’estero (art.4 dl 167/90). In questi ambiti l’attività dell’Agenzia è sicuramente sostenuta, soprattutto nell’incrocio con i dati proveniente dalle amministrazioni fiscali estere per effetto di convenzioni che di fatto hanno totalmente azzerato il segreto bancario e non solo, in quanto all’anagrafe tributaria affluiscono non solamente i dati riferibili alle consistenze bancarie presso istituti di credito esteri ma anche dati afferenti i beni immobili detenuti nei paesi esteri. 

Questo scambio è previsto dal Common Reporting Standard (CRS), strumento elaborato dall’OCSE secondo il quale, dal periodo d’imposta 2016, ha avuto inizio lo scambio di informazioni anche a livello extra-UE.

Per questo ed in virtù della richiamata normativa sovranazionale , l’Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento n. 40601 del 08/02/2022 con il quale ha dettato le modalità con cui vengono messe a disposizione dei contribuenti “attenzionati” , anche grazie al supporto di strumenti informatici, le informazioni relative al periodo d’imposta 2018.

Nello specifico, oggetto delle lettere di compliance per le attività estere sono le informazioni derivanti dal confronto tra i dati ricevuti dalle autorità estere e i dati dichiarati nei modelli reddituali nostrani.

Vengono scambiati dati identificativi dei titolari di conto e, nel caso il titolare sia un ente o una società, anche i dati identificativi della persona o delle persone che ne esercitano il controllo.

Una volta “beccati” i contribuenti saranno messi nelle condizioni di regolarizzare in maniera autonoma le violazioni poste in essere, ma come ?

  1. Presentando una dichiarazione integrativa, che si ricorda è utile a sostituire il modello afflitto dalle violazioni già presentato;
  2. Versando le imposte che scaturiscono dall’integrativa, aumentate degli interessi e delle sanzioni ridotte per effetto del ravvedimento operoso.

Ricordo che essendo l’RW qualificato come quadro della dichiarazione dei redditi, per l’anno d’imposta 2018 se redditi 2019 fosse stato comunque presentato anche se sprovvisto del quadro RW, il ravvedimento sarà sempre possibile perché non si configura omissione di dichiarazione.

Aderendo alla compliance perciò ed applicando la riduzione da ravvedimento operoso , sarà comunque applicata la sanzione proporzionale prevista che va dal 3% al 15% dell’importo delle attività estere non segnalate in dichiarazione, raddoppiata se l’investimento o l’attività finanziaria sono in un paradiso fiscale.

Ovviamente, laddove dopo aver verificato anche nel cassetto fiscale tutti i dati riportati nella compliance tributaria, il contribuente ritenesse di poter validamente giustificare gli scostamenti fra ciò che si fosse dichiarato e ciò che l’Agenzia reclama perché segnalato da intermediari finanziari dello stato estero, si potranno fornire le opportune informazioni tramite il canale Civis, va da se che nel caso di omessa presentazione tale possibilità pur se in astratto possibile, sarà una possibilità più difficilmente perseguibile.

Perciò se ai vostri sportelli si presenteranno contribuenti con lettere di compliance, soprattutto se riferite ad attività detenute all’estero consiglio di verificare con attenzione la posizione e nel caso in cui l’Agenzia avesse correttamente fornito le informazioni il consiglio è di procedere con celerità alla definizione agevolata della pendenza tributaria perché è l’ultimo treno per poter fruire di una consistente mitigazione delle sanzioni di per se già pesanti perché proporzionali al volume di attività detenute all’estero e non monitorate.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

LA CIRC. 28/E II^ PARTE INTERVIENE SUL VISTO DI CONFORMITA’ E BONUS EDILIZI

Chi rilascia il visto di conformità è tenuto a verificare la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai diversi professionisti

È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI

La mancata indicazione del CCNL di riferimento è sanabile

ANCORA NEWS PER LE CESSIONI ORA TORNANO IN PISTA LE PARTITE IVA

Un emendamento al decreto Aiuti, prevede la possibilità per le banche di cedere il credito a tutti i soggetti diversi da consumatori o utenti...

L'approfondimento

IL SALUTO DI CAFNEWS24 AI LETTORI

Termini di sospensione estiva degli adempimenti tributari, ma per cosa?

Nelle istruzioni operative Vengono tra le altre cose specificate le circostanze e condizioni che rendono inapplicabile la sanzione fissa (30 euro) e percentuale (4%)

ANCHE IL RIFIUTO DI UN’OFFERTA DI IMPIEGO DA PARTE DI UN DATORE DI LAVORO PRIVATO, SE DEFINITA CONGRUA, SARA’ FRA LE POSSIBILI CAUSE DI REVOCA DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021