AREA RISERVATA - CAF MCL

COME REGOLARIZZARE LA PERDITA DEL BENEFICIO PRIMA CASA (1)

Caf News 24
/ Pubblicato in: Speciali
COME REGOLARIZZARE LA PERDITA DEL BENEFICIO PRIMA CASA (1) 2577 0

Un’utile guida per limitare (od evitare) i danni relativi al mancato riconoscimento dell’agevolazione

articolo di CAF News 24

E’ a tutti noto che il trasferimento di beni immobili, diversi da quelli definiti “di lusso” (categorie catastali A1, A8 e A9), è soggetto ad aliquote agevolate sia agli effetti dell’imposta di registro (2% anziché 9%) sia agli effetti dell’IVA (4% anziché 10%), ma a precise condizioni, cioè quelle riconducibili alla “prima casa”.

Vediamo ora quali sono le 3 specifiche condizioni cui deve soggiacere l’immobile:

  1. ubicazione dell’immobile nel comune di residenza dell’acquirente o in quello di esercizio dell’attività;
  2. mancanza di altro immobile nel comune dove si trova l’immobile da acquistare (dichiarazione da rendere nell’atto di acquisto);
  3. mancanza nel territorio dello Stato di altro immobile acquistato con le agevolazioni “prima casa” (dichiarazione da rendere nell’atto di acquisto).

Se una o più dichiarazioni rispetto a quelle sopra proposte, venissero a mancare all’interno dell’atto di acquisto dell’immobile “prima casa”, l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la possibilità che, con atto integrativo, successivo al rogito, il contribuente possa rendere le dichiarazioni previste ed erroneamente omesse in atto, per fruire del regime di favore (risposta a interpello 18 settembre 2020, n. 384).

Approfondiamo le specifiche condizioni:

ubicazione dell’immobile, la norma stabilisce che questo deve essere ubicato nel territorio del Comune in cui l’acquirente ha o stabilisca entro 18 mesi dall’acquisto la propria residenza.

La dichiarazione di voler stabilire la residenza nel comune ove è ubicato l’immobile acquistato deve essere resa, a pena di decadenza, dall’acquirente nell’atto di acquisto.

L’agevolazione spetta anche se al momento dell’alienazione l’acquirente è titolare di altro immobile, anche ubicato nello stesso Comune, acquistato con i benefici “prima casa”, a condizione che tale immobile sia alienato entro 1 anno dalla data dell’atto di compravendita relativa al nuovo immobile.

Quando viene prevista la decadenza dalle agevolazioni?

1) in caso di dichiarazione mendace, circa le condizioni previste per l’applicazione del beneficio;

2) in caso di mancata vendita entro 1 anno dell’immobile già posseduto e acquistato con i benefici prima casa;

3) in caso di trasferimento per atto a titolo oneroso o gratuito degli immobili acquistati con i benefici prima del decorso del termine di 5 anni dalla data del loro acquisto.

In caso di cessione infraquinquennale la decadenza non si applica se il contribuente, entro 1 anno dall’alienazione dell’immobile acquistato con i benefici, proceda all’acquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale.

A tali fini, “assume rilievo sia l’acquisto della proprietà di un’abitazione da destinare ad abitazione principale, sia la realizzazione di una nuova abitazione su un terreno di proprietà” mentre la decadenza trova invece applicazione nell’ipotesi di acquisto della sola nuda proprietà.

Nell’ipotesi in cui venga determinata la decadenza del beneficio, l’Agenzia delle Entrate presso cui sono stati registrati i relativi atti:

  1. recupera, nei confronti degli acquirenti, la differenza fra l’imposta calcolata in base all’aliquota applicabile in assenza di agevolazioni e quella risultante dall’applicazione dell’aliquota agevolata, oltre agli interessi;
  2. applica la sanzione amministrativa del 30% della differenza medesima.

Nel caso ipotesi di decadenza dell’agevolazione, non tutto potrebbe risultare perduto, il contribuente infatti, a certe condizioni e in determinate ipotesi, ha la possibilità di regolarizzare la violazione evitando il pagamento della sanzione o beneficiando dell’applicazione di una sanzione ridotta, in base alle norme sul ravvedimento operoso.


Nel prossimo articolo vedremo di comprendere meglio come si realizza tale mitigazione ed a quali condizioni.

Print
Rate this article:
No rating

CAF News 24
Contact author
Altri articoli di CAF News 24

CAF News 24

CAFNEWS24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma il 20/10/2021 con n. 167/2021

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *