AREA RISERVATA - CAF MCL

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI 718 0

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

articolo di cafnews24

Capita sovente che ci si interroghi sulla corretta rappresentazione in fattura delle spese da parte dei soggetti esecutori dei lavori.

Al netto delle considerazioni relative all’asseverazione sulla congruità dei prezzi che non deve certamente trovare riscontro nella fattura, c’è un altro aspetto spesso sottovalutato, cioè, l’impresa ha piena autonomia nella decisione del margine di reddito che intende maturare su ogni prestazione di servizio che cede ai propri committenti; dunque, non si può intervenire sulla quantificazione delle prestazioni.

Questo significa che il prezzo richiesto da ogni imprenditore non è sindacabile e, salvo che non ci sia una norma espressa, non c’è alcun obbligo di indicare in fattura tutte o alcune delle componenti di costo considerate nella formazione dell’onere da addebitare al committente.

Basti al riguardo rammentare, che quando il legislatore lo ha voluto, la norma (come nel passato) ha previsto che nella fattura emergesse il costo del personale, pena la perdita del diritto della detrazione (art. 1, comma 19, legge n. 244/2007); sempre questo preciso obbligo fu poi abrogato a decorrere dal 2011 (art. 7, comma 2, lettera r, D.L. n. 70/2011).

Vediamo alcuni casi di riaddebito delle spese e gli effetti che queste determinano ai fini iva e delle II.DD.

GLI ONERI FINANZIARI: quelli pagati dall’impresa che riconosce lo sconto in fattura al proprio committente per lo “sconto finanziario” connesso con la cessione del credito.

Occorre ai fini di una corretta rappresentazione analizzarne la natura, questo significa che se saranno addebitati in modo specifico dall’impresa al proprio committente, perderanno la natura di oneri finanziari, diventando corrispettivo.

Gli oneri finanziari sono tali solo nella misura in cui , sono pro quelli applicati dall’intermediario finanziario applicando un tasso di sconto finanziario sull’ammontare del credito acquistato, a questo punto è semplice comprendere come perderanno tale natura se riaddebitati dalla ditta esecutrice al committente, secondo un principio di ribaltamento della spesa diventeranno, come scritto in precedenza, corrispettivo a tutti gli effetti e saranno come tali assoggettati ad iva a differenza degli interessi passivi.

Tale precisazione occorre per salvarne la detraibilità, perché se invece fossero evidenziati in fattura si perderebbe su di essi la possibilità di essere oggetto di sconto in fattura ovvero di cessione del credito corrispondente.

Oneri amministrativi anticipati per il rilascio di visto di conformità e ASSEVERAZIONE: diverso è il caso degli oneri relativi al visto di conformità e all’asseverazione per la congruità dei costi anticipati dal fornitore.

In queste ipotesi, potrebbe verificarsi che l’impresa esecutrice ribalti a sua volta i costi sostenuti per queste prestazioni professionali. In questo caso sarà utile fare una precisazione:

  • se le fatture dei professionisti saranno direttamente intestate al committente, il riaddebito in fattura dovrà essere effettuato senza l’applicazione dell’IVA ai sensi dell’art. 15, comma 1, n. 3) del D.P.R. n. 633/1972, “somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate" (Agenzia delle Entrate, risposta a interpello n. 623 del 2021).

Tale evidenza Iva, perché si tratterebbe solamente di una anticipazione finanziaria di spese sostenute direttamente dal proprio committente. Quanto detto vale anche nelle ipotesi in cui tali spese fossero anticipate da una rete d’imprese ovvero da un general contractor.

Con riferimento alla detrazione , diversamente dagli oneri finanziari, le spese per il visto o l’asseverazione anche se riaddebitate non perdono la loro natura e, come tali, risulterà cedibile il corrispondente credito d’imposta come anche, in linea di massima, potrà essere esercitato il diritto all’opzione per lo sconto in fattura.

Print
Rate this article:
5.0

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021