AREA RISERVATA - CAF MCL

BONUS EDILIZI URGE FARE IL PUNTO SULLE SCADENZE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
BONUS EDILIZI URGE FARE IL PUNTO SULLE SCADENZE 2488 0
articolo di cafnews24

Se per il 110% è quasi certa maxi la proroga fino alla fine del 2023.  Più incerto sembra il destino degli altri bonus casa.   o la modifica di ecobonus tradizionale al 65%, bonus ristrutturazioni, sismabonus e bonus facciate.

Se, quindi, da una parte la conferma fino al 2023 del superbonus 110% sembra sicura, per tutte le altre agevolazioni per la casa è ancora tutto in alto mare.

Conseguentemente avendo davanti il calendario delle diverse scadenze, tenuto conto della complessità degli adempimenti per talune di queste possiamo affermare che il tempo a disposizione per chi intende sfruttare i diversi bonus edilizi secondo la formulazione attualmente in vigore è quindi veramente poco: tranne che per il superbonus 110%, per tutti gli altri la scadenza è fissata al 31 dicembre 2021.

Nessuna notizia, invece, sul futuro dello sconto in fattura e della cessione del credito: ad eccezione che per il superbonus 110%, la possibilità di “monetizzare” gli incentivi è prevista per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021.

SCHEMA RIASSUNTIVO PER IL 110%

Riassumere le diverse scadenze in pendenza delle diverse situazioni ed in considerazione dei diversi interventi legislativi, risulta piuttosto articolato.

TIPOLOGIA DI SOGGETTI

SCADENZA ADEMPIMENTI

Condomini per i lavori sulle parti comuni condominiali

31 dicembre 2022 (art. 119, comma 8-bis, D.L. 34/2020)

Persone fisiche proprietarie uniche o in comproprietà di edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate

31 dicembre 2022 se entro il 30 giugno 2022 vengono effettuati lavori per almeno il 60% dell'intervento complessivo (art. 119, comma 8-bis, D.L. 34/2020)

IACP ed enti assimiliati

  1. Super ecobonus 110%: 30 giugno 2023 art. 119, comma 3-bis, D.L. 34/2020)
  2. superbonus 110%: 31 dicembre 2023 se se entro il 30 giugno 2023 vengono effettuati lavori per almeno il 60% dell'intervento complessivo (art. 119, comma 8-bis, D.L. 34/2020)

Per tutti gli altri soggetti: persone fisiche per interventi su edifici unifamiliari, da cooperative di abitazione a proprietà indivisa, da Onlus, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale nonché da associazioni e società sportive dilettantistiche limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi

30 giugno 2022 (proroga stabilita dalla legge di Bilancio 2021, articolo 1, comma 66).

Per gli altri bonus le scadenze sono decisamente più compresse.

Al 31 dicembre 2021 sono previsti in scadenza:

  1. la detrazione IRPEF al 50% per il recupero del patrimonio edilizio, con limite di spesa a 96.000 euro;
  2. il sismabonus “ordinario” (anche acquisti) al 50-70-75-80-85%;
  3. l’ecobonus “ordinario” al 50-65-70-75%;
  4. il bonus unico 80-85% per gli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica;
  5. il bonus facciate del 90%;
  6. il bonus mobili del 50%;
  7. il bonus verde del 36%;
  8. la detrazione (IREF e IRES) del 50% per l’acquisto e l’installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici. Nelle spese ammissibili rientrano anche i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino a un massimo di 7 kW.

Scade alla fine del 31 dicembre 2021 anche il bonus idrico da 1.000 euro, previsto dall’art. 1, commi da 61 a 65 della legge di Bilancio 2021, riconosciuto alle persone fisiche per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d'acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

Basti al riguardo sapere che per tale intervento manca ancora il decreto attuativo. Le modalità per ottenere il bonus dovranno essere definite da un decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, che avrebbe dovuto essere emanato i primi giorni di marzo 2021.

Fissato invece al 31 dicembre 2022 il periodo di validità del credito d’imposta per l’acquisto di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E290 e miglioramento qualitativo delle acque per consumo umano erogate da acquedotti, previsto dall’art. 1, commi da 1087 a 1089 della legge di Bilancio 2021.

Il beneficio spetta nella misura del 50% delle spese sostenute, dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022, fino ad un ammontare complessivo non superiore a 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche e a 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

QUALI POTREBBERO ESSERE I NUOVI TERMINI DI SCADENZA MA SOPRATTUTTO SARANNO PER TUTTI  I BENEFICI ?

La legge di Bilancio 2022 si dovrebbe fornire indicazioni circa le sorti sia del superbonus 110% che degli altri bonus edilizi.

Con riferimento al 110% il Ministro dell'Economia e delle finanze, Daniele Franco, nella sua risposta del 26 maggio 2021 al question time alla Camera all'interrogazione n. 3-02301 del deputato Gianluca Rospi, ha dichiarato che il Governo prevede l'inserimento “nel disegno di legge di bilancio per il 2022 di una proroga per il 2023 tenendo conto di tutti i dati relativi alla sua applicazione nel 2021”.

Stessa posizione è stata espressa dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, rispondendo il 21 luglio 2021 alla Camera a un’interrogazione parlamentare dell’on. Cattaneo. Il Ministro, in particolare, ha confermato che il Governo provvederà in sede di legge di bilancio - dopo aver valutato i dati - alla proroga al 2023 del superbonus 110%. Ha poi aggiunto che in quella sede si analizzerà la possibilità di prorogare o di modificare i bonus esistenti.

Molto più incerto sembra il destino dello sconto in fattura e cessione del credito

Al momento quindi cessione del credito e sconto in fattura sono applicabili:

- per il superbonus, per le spese sostenute nel 2020, 2021 ed anche nel 2022 (D.L. 34/2020, art. 121, commi 1 e 7-bis);

- per gli altri bonus, per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021 (D.L. 34/2020, art. 121, comma 1).

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

LA CIRC. 28/E II^ PARTE INTERVIENE SUL VISTO DI CONFORMITA’ E BONUS EDILIZI

Chi rilascia il visto di conformità è tenuto a verificare la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai diversi professionisti

È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI

La mancata indicazione del CCNL di riferimento è sanabile

ANCORA NEWS PER LE CESSIONI ORA TORNANO IN PISTA LE PARTITE IVA

Un emendamento al decreto Aiuti, prevede la possibilità per le banche di cedere il credito a tutti i soggetti diversi da consumatori o utenti...

L'approfondimento

IL SALUTO DI CAFNEWS24 AI LETTORI

Termini di sospensione estiva degli adempimenti tributari, ma per cosa?

Nelle istruzioni operative Vengono tra le altre cose specificate le circostanze e condizioni che rendono inapplicabile la sanzione fissa (30 euro) e percentuale (4%)

ANCHE IL RIFIUTO DI UN’OFFERTA DI IMPIEGO DA PARTE DI UN DATORE DI LAVORO PRIVATO, SE DEFINITA CONGRUA, SARA’ FRA LE POSSIBILI CAUSE DI REVOCA DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Commenti

Di un fisco che scommettesse sui nostri fallimenti credo che nessuno ne sentisse il bisogno  

Pe il momento è scongiurata l’ipotesi di chiedere un contributo da parte dei CAF per la presentazione del modello ISEE

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021