AREA RISERVATA - CAF MCL

BONUS ANIMALI DOMESTICI

Caf News 24
BONUS ANIMALI DOMESTICI 1150 0

LA NUOVA MISURA A SOSTEGNO DELLE SPESE PER ANIMALI DA COMPAGNIA

articolo di Stefano Ceci

Oggi presento un nuovo bonus a sostegno delle spese di cura degli animali domestici.

Premetto che la misura del bonus è ancora da definire, con ogni probabilità il decreto attuativo vedrà la luce entro marzo 2024.

La misura sarà una cifra fissa, a titolo di contributo alle spese veterinarie, per interventi e farmaci acquistati per i nostri amici a 4 zampe (anche a due se per la casa scorrazzassero dei canguri), la misura si va ad aggiungere alla detrazione del 19% prevista per le spese veterinarie.

A garanzia dell’effettività della misura agevolativa serve ricordare che la Legge di Bilancio 2024 ha istituito un fondo presso il Ministero della Salute a valere per gli anni 2024 – 2026, il fondo ammonta ad 1 milione ripartito in 250.000 euro per ciascuno degli anni previsti. Il motivo della misura come è facilmente intuibile è che vi è un considerevole aumento degli animali da compagnia i quali spesso, anche in luogo di familiari, svolgono una funzione affettiva assai importante, quest’ultimo principio trova un’importante declinazione all’interno del provvedimento.

Infatti il bonus è riservato ai proprietari di animali domestici con più di 65 anni e con un ISEE inferiore a 16.215 euro annui.

Il contributo fisso, che considerata la dotazione complessiva, avrà sicuramente una portata limitata, si aggiunge all'agevolazione fiscale per le spese veterinarie da usufruire direttamente con la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Ai proprietari di quali animali sarà destinato il bonus?

A tutti i nostri amici a quattro zampe da compagnia intendendo per tali ogni animale tenuto, o destinato ad essere tenuto, dall’uomo, per compagnia o affezione, perciò MAI per fini produttivi o alimentari, compresi quelli che svolgono attività utili all’uomo, come il cane per disabili, gli animali da pet‐therapy, da riabilitazione e impiegati nella pubblicità.

Gli animali selvatici non sono considerati animali da compagnia.

Come riportato in precedenza il bonus che presento si va ad aggiungere alla preesistente detrazione del 19%, che ha un importo massimo di spesa fissato in 550 euro, al netto della franchigia di 129,11 euro. Nell’occasione ricordo che sono detraibili anche i medicinali veterinari acquistabili senza ricetta e quelli acquistabili presso i negozi specializzati (pet-shops), come antiparassitari e disinfestanti per uso esterno. Non sono invece detraibili le spese sostenute per i mangimi speciali, ancorché prescritti dal veterinario, poiché non possono essere considerati farmaci, ma prodotti appartenenti all'area alimentare.

Ricordo ancora che la detrazione viene riconosciuta alla persona che ha materialmente pagato la prestazione o i farmaci, a prescindere dal fatto che sia o meno il proprietario dell'animale. È sufficiente, per questo, avere la fattura che riporti i propri dati fiscali, o il semplice scontrino, sempre con il codice fiscale di chi sostiene la spesa, con la quantità e la natura dei medicinali acquistati. Per le spese dei farmaci e le prestazioni rese dai veterinari nelle strutture accreditate, come per le prestazioni sanitarie è ammesso anche il pagamento in contanti. Negli altri casi vanno utilizzati strumenti tracciabili come bonifici o carte di credito.

Print
Rate this article:
3.2

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *