AREA RISERVATA - CAF MCL

BONUS ACQUA POTABILE ANNO 2022

Caf News 24
BONUS ACQUA POTABILE ANNO 2022 3086 0

Visti i limiti dei fondi quasi un Click day!

articolo di Stefano Ceci

Dal 1° febbraio alla scadenza del 28 febbraio 2023 è possibile richiedere il bonus acqua potabile per le sole spese sostenute nel corso dell’anno 2022.

Per trasmettere la domanda sarà necessario inserire i dati all’interno del servizio on line previsto sul portale dell’Agenzia delle Entrate (AREA: Servizi/Agevolazioni/Credito d’imposta per il miglioramento dell’acqua potabile), in alternativa, per l’inoltro dell’istanza, ci si potrà rivolgere ad un Intermediario telematico.  

Il beneficio consiste in un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute nel 2022, per:

  1. impianti di filtraggio
  2. impianti di mineralizzazione
  3. impianti di raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica ad uso alimentare.

In fase di inserimento della domanda sarà importante avere copia della fattura relativa alla tipologia d’impianto, dalla quale si possa evincere preliminarmente la tipologia d’installazione, ed il codice fiscale del beneficiario del lavoro, che dovrà coincidere con il richiedente il credito d’imposta.

Si ricorda che il pagamento della fattura dovrà essere stato effettuato con strumenti tracciabili. Entro 10 giorni dall’invio della richiesta il sistema invia una ricevuta che ne attesta la presa in carico, oppure lo scarto con l’indicazione delle relative motivazioni.

Nel caso venisse accordato il credito d’imposta, come si potrà utilizzare?

Fermo restando che in ordine alla misura dell’agevolazione sarà necessario attendere la conferma da parte dell’Agenzia, il credito potrà essere utilizzato in compensazione tramite modello F24 utilizzando il codice tributo 6975 , le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo possono utilizzarlo anche nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento delle spese agevolabili e in quelle successive( REDDITI/24 e succ.).

Esistono ovviamente dei limiti cui commisurare la spesa, 1.000,00 (mille/00) euro per ogni immobile posseduto da persone fisiche, mentre nel caso di immobile adibito ad attività commerciale il limite viene elevato ad euro 5.000,00 (cinquemila/00).

Vi sono dei limiti, il bonus non potrà eccedere il 50% delle spese complessivamente sostenute, ma soprattutto il vero limite è rappresentato dalle risorse disponibili che per l’anno 20’23 sono fissate in 5 milioni di euro, ad esempio lo scorso anno solo il 30,7 % delle domande è stato soddisfatto. 

  

Gli esiti dell’anno 2023 saranno resi noti con un apposito provvedimento da pubblicarsi entro il 31 marzo 2023, questo, in considerazione del fatto che il termine per le domande è fissato al 28 febbraio 2023.

La possibilità di accedere al credito d’imposta sempre fino a un massimo del 50 per cento dei costi sostenuti è stata confermata anche per il 2023, l’istanza dovrà essere presentata nel 2024 nei medesimi termini, cioè dal 1° febbraio al 28 febbraio.

Occorre però sapere che le risorse disponibili saranno di gran lunga inferiori, infatti ci si attesta su di 1,5 milioni di euro.

Print
Rate this article:
3.0

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO E UNIVERSALE 2024 PER FIGLI A CARICO: PERCHE’ E’ IMPORTANTE PRESENTARE L’ISEE

AGGIORNARE L’ISEE ENTRO IL 29 FEBBRAIO, PER EVITARE DI RICEVERE L’IMPORTO MINIMO

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE...

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Come calcolare l’imposta con uno sguardo alle poche ma interessanti novità.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

CONTINUA IL PROCESSO DI SEMPLIFICAZIONE, ORA CON IL DECRETO “ADEMPIMENTI” L’AGENZIA INTERVIENE SU ADEMPIMENTI E SEMPLIFICAZIONI.

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

DOPO ANNI DI INCERTEZZE OPERATIVE E PARENTESI LEGATE ALLA PANDEMIA VI E’ ORA LA CERTEZZA DELLA GENERALIZZATA OPZIONE PER IL 730 SENZA SOSTITUTO 

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *