AREA RISERVATA - CAF MCL

ATTENZIONE ALLE NUOVE REGOLE PER IL TRATTAMENTO INTEGRATIVO

Caf News 24
/ Pubblicato in: Modello redditi
ATTENZIONE ALLE NUOVE REGOLE PER IL TRATTAMENTO INTEGRATIVO 3882 0

Nel modello 730/23 per il trattamento integrativo di 1.200 euro, occorre tener conto delle nuove regole, valide dal 1° gennaio 2022

articolo di Stefano Ceci

Il trattamento integrativo, è un bonus pari a 1.200 euro annui, che si aggiunge alla retribuzione netta del dipendente o percettore di reddito assimilato.

Si tratta di un beneficio aggiuntivo, di cui si fa carico lo Stato, ma spetta al datore di lavoro anticiparlo per un importo mensile pari a 100 euro.

Da ciò si può facilmente concludere che le somme liquidate al dipendente non saranno imponibili ai fini irpef e le relative addizioni comunali e regionali.

Pur se in vigore già dallo scorso anno, nel 2022, ha subito importanti modifiche di cui sarà necessario tenere conto in fase di compilazione del modello 730/23.

L’agevolazione spetta ai lavoratori dipendenti e ad alcune tipologie di redditi assimilati a lavoro dipendente. Conseguentemente, non interessa i pensionati.

Dall’anno 2022, per aver diritto al trattamento integrativo, il contribuente deve essere titolare per l’anno in esame, di un reddito complessivo non superiore a 15.000 euro oppure a 28.000 euro, in questo caso solo al verificarsi di una specifica situazione di incapienza dell’imposta lorda rispetto alla fruizione di specifiche detrazioni d’imposta.

Per comprendere il funzionamento del beneficio occorre tener conto di una specifica condizione.

Sarà necessario verificare che la somma delle detrazioni per:

  1. carichi di famiglia,
  2. redditi da lavoro dipendente, assimilati e da pensione,
  3. mutui agrari e immobiliari per acquisto della prima casa limitatamente agli oneri sostenuti in dipendenza di prestiti o mutui contratti fino al 31 dicembre 2021,
  4. erogazioni liberali,
  5. spese sanitarie,
  6. per le rate per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici e da altre disposizioni normative,

il tutto riferito a spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 deve essere di ammontare superiore all’imposta lorda.

Al verificarsi di tale condizione, il trattamento integrativo è riconosciuto per un ammontare, comunque non superiore a 1.200 euro, determinato in misura pari alla differenza tra la somma delle detrazioni ivi elencate e l’imposta lorda.

Gli adempimenti per il sostituto d’imposta, consistono nel riconoscere, in via automatica, il trattamento integrativo spettante ripartendone il relativo ammontare sulle retribuzioni erogate a decorrere dal 1° gennaio 2022 e verificare in sede di conguaglio la spettanza dello stesso.

L’erogazione del credito non è quindi subordinata alla presentazione di un’esplicita richiesta da parte del beneficiario: il contribuente ottiene il beneficio dal proprio sostituto d’imposta se quest’ultimo, sulla base dei dati reddituali a propria disposizione, presume la sussistenza delle condizioni richieste dalla legge in capo al contribuente/sostituito d’imposta.

Vediamo ora cosa cambia in relazione allo specifico beneficio nel modello 730/23.

Il CAF Chi deve ricalcolare l’ammontare del trattamento integrativo tenendo conto di tutti i redditi dichiarati e lo indica nel prospetto di liquidazione, modello 730-3, che rilascia al dichiarante dopo avere effettuato il calcolo delle imposte.

Ciò determina che se il datore di lavoro non ha erogato, in tutto o in parte, l’operatore del CAF MCL riconosce l’ammontare spettante, nella dichiarazione ed eventualmente conguaglia sia a credito che a debito il beneficio.

Print
Rate this article:
4.4

Stefano Ceci
Contact author
Altri articoli di Stefano Ceci

Stefano Ceci

Dottore Commercialista iscritto all’ordine di Roma, Iscritto al Registro dei Revisori Contabili dal 1985 titolare di uno studio tributario e di consulenza aziendale. Componente Commissione area Tecnico Fiscale Consulta Nazionale dei CAF. Responsabile dell’Assistenza Fiscale del CAF MCL srl. Responsabile Ufficio Formazione CAF MCL srl. Ha maturato notevole esperienza nella gestione ed organizzazione degli Enti No Profit, componente del Tavolo Tecnico Legislativo in seno al Forum Nazionale del Terzo Settore, relatore alla Commissione Bilancio del Senato per le proposte di modifica Dlgs 117/17 , Componente Ufficio di Segreteria Fondi PNRR UE 2021-27 Forum Nazionale del Terzo Settore, collaborazioni con le commissioni terzo settore dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Roma ed Arezzo _ consulente amministrativo progetti ex/L. 383/00, consulente scientifico Commissione Riforma Terzo Settore – collaborazione con testate giornalistiche : CAF NEWS24 , Edizioni Traguardi Sociali, nel 2022 ha pubblicato: La Riforma del Terzo Settore – manuale pratico per le Associazioni di Promozione Sociale”

Contact author

x

Speciali

Assegno Unico Universale

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, DUE IMPORTANTI NOVITA’ DI SETTEMBRE

DUE NUOVE CIRCOLARI DELL’INPS, SPIEGANO LE NOVITÀ RELATIVE AL PAGAMENTO DELL’ASSEGNO UNICO PER I FIGLI, SIA PER CHI GIÀ LO RICEVE CHE PER I NEO GENITORI

ENTRO IL 28 FEBBRAIO VA PRESENTATA LA DSU AGGIORNATA PER CONTINUARE A BENEFICIARE DELL’ASSEGNO UNICO

Le sedi dovranno promuovere l’adempimento ISEE per l’assegno unico 2023

LE NOVITA’ DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI SULL’ASSEGNO UNICO

Le nuove regole di determinazione dell’importo avranno decorrenza da marzo 2022, potrebbe essere necessario il ricalcolo.


Bonus Edilizi

BONUS VERDE PER SISTEMAZIONE TERRAZZI E GIARDINI

COME UTILIZZARLO AL MEGLIO NEL 2024

LA SORTE DELL’IMMOBILE COMPRAVENDUTO OGGETTO DI SUPERBONUS

OCCHIO AL REGOLAMENTO DEI CONTI

COL DECRETO CESSIONI VIENE PREVISTA LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE SE 4 O 10 RATE

Solo per le spese sostenute nel 2022 la possibilità di limitare gli effetti dei blocchi alle cessioni


L'approfondimento

Commenti

Confrontiamoci con il secondo acconto IMU consapevoli delle nuove possibilità di esonero IMU

Sotto la supervisione di un adulto si può fare e varia in funzione dell’età del minore

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Modello 730

IL 30 NOVEMBRE RAPPRESENTA LA DATA DI SCADENZA PER L'INVIO DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2023, UN OBBLIGO CHE COINVOLGE NON SOLO I TITOLARI DI PARTITA IVA MA ANCHE I LAVORATORI DIPENDENTI E I PENSIONATI CHE NON HANNO ANCORA PRESENTATO IL MODELLO 730.

IL SECONDO ACCONTO OPZIONI PER IL RICALCOLO

IL TERMINE PER LA SPEDIZIONE DEI MODELLI 730 E’ ALLE PORTE

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021

Se vuoi essere sempre aggiornato su scadenze, agevolazioni e novità fiscali

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • *
  • *
  • *
  • Ho letto e compreso la privacy policy del sito
  • *