AREA RISERVATA - CAF MCL

ANF MAGGIORATO PER COLF E BADANTI

Caf News 24
ANF MAGGIORATO PER COLF E BADANTI 2192 0
articolo di cafnews24

 Il decreto legge n. 79/2021, convertito con modificazioni dalla legge n. 112/2021, che ha introdotto l’assegno temporaneo come misura sperimentale dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, ha innalzato il valore mensile dell’ANF per il medesimo periodo per un valore di 37,50 euro per ciascun figlio per i nuclei familiari fino a due figli e di 55,00 euro per i nuclei familiari di almeno tre figli.

Tra i destinatari della misura vi sono anche i lavoratori domestici, per i quali l’INPS applicherà l’aumento in automatico al momento della liquidazione dell’importo spettante a seguito della presentazione della domanda ANF.

Si intendono per addetti ai servizi personali domestici i lavoratori di ambo i sessi che prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare, sia che si tratti di personale con qualifica specifica, sia che si tratti di personale adibito a mansioni generiche Sono pertanto lavoratori domestici coloro che prestano un’attività lavorativa continuativa per le necessità della vita familiare del datore di lavoro come ad esempio colf, assistenti familiari o baby sitter, governanti, camerieri, cuochi ecc..

Rientrano in questa categoria anche i lavoratori che prestano tali attività presso comunità religiose (conventi, seminari), presso caserme e comandi militari, nonché presso le comunità senza fini di lucro, come orfanotrofi e ricoveri per anziani, il cui fine è prevalentemente assistenziale.

La prestazione dei domestici, riconducibile al rapporto di lavoro della generalità dei lavoratori subordinati, deve:

  • avere continuità (cioè non essere puramente occasionale: art. 1 L. 339/58);
  • essere resa all'interno dell'abitazione del datore di lavoro;
  • rispondere a un bisogno personale del datore di lavoro, legato al funzionamento della vita familiare (e non dell'attività istituzionale e professionale).

L’assegno al Nucleo Familiare per i lavoratori domestici comunitari spetta per i familiari residenti in Italia o all’estero, mentre per i lavoratori domestici extracomunitari (esclusi quelli con contratto di lavoro stagionale) spetta l’ANF:

  • solo per i familiari residenti in Italia, nel caso in cui il paese di provenienza del lavoratore straniero non abbia stipulato con l’Italia una convenzione in materia di trattamenti di famiglia;
  • anche per i familiari residenti all’estero, nel caso in cui il paese di provenienza del lavoratore straniero abbia stipulato con l’Italia una convenzione in materia di trattamenti di famiglia;
  • anche per i familiari residenti all’estero, nel caso in cui il lavoratore straniero, anche se il suo paese non è convenzionato con l’Italia, abbia la residenza legale in Italia e sia stato assicurato nei regimi previdenziali di almeno due Stati membri.

Determinazione del reddito familiare

Concorrono a formare il reddito familiare:

  • i redditi assoggettabili all’IRPEF compresi quelli a tassazione separata (esempio: arretrati
  • anni precedenti; indennità sostitutiva di preavviso; liberalità di fine rapporto);
    • i redditi prodotti all’estero che, se prodotti in Italia, sarebbero stati assoggettati all’Irpef;
    • i redditi di qualsiasi natura anche quelli esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte a
  • titolo di imposta o a imposta sostitutiva;
    • il reddito dell’abitazione principale al lordo della deduzione prevista dalla legislazione
  • tributaria;
    • i redditi soggetti a imposta sostitutiva del 10%.
  • Non concorrono alla formazione del reddito:
    • il TFR e relative anticipazioni;
    • le rendite vitalizie INAIL;
    • le pensioni di guerra;
    • la CIG arretrata riferita ad anni precedenti a quello di erogazione;
    • gli indennizzi dello Stato a favore dei soggetti danneggiati a causa di complicanze, derivanti da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivat (Legge n. 210/1992).

I periodi di pagamento degli ANF vanno dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno seguente e il reddito di riferimento è l’ultimo fiscalmente accertato con modello fiscale (CU; 730; Unico)

Il reddito da considerare è quello riferito ai componenti del nucleo, come sopra individuato, al momento della domanda.

La domanda degli ANF dei lavoratori domestici si può presentare:

  • attraverso il servizio online dedicato;
  • tramite Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • tramite enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Per inviare la domanda Inps ANF lavoratori domestici, bisogna accedere al servizio online dell’Inps “Assegno al nucleo familiare lavoratori domestici”. L'assegno è pagato direttamente dall'INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall'interessato nel modello di domanda (bonifico presso l'Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021