AREA RISERVATA - CAF MCL

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE 727 0

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al medesimo intervento

articolo di cafnews24

Numerosi quesiti presentati, ci hanno imposto un approfondimento delle norme e dei comportamenti che riguardano l’ipotesi di un utilizzo “promiscuo” delle detrazioni relativamente ad un medesimo lavoro.

Nello specifico ci era stato chiesto se nell’ambito dello stesso intervento cui facevano riferimento diverse fatture potesse trovare spazio un diverso utilizzo del credito in funzione di una pianificazione fiscale, specificatamente attribuendo a taluni documenti di spesa la natura di detrazione in dichiarazione ad altri di cessione chiarendo che alcuni di questi erano stati già oggetto di sconto in fattura.

L’analisi di questa ipotesi piuttosto “variegata” e sicuramente “border line” è stata l’occasione per riprendere in mano una vecchia prassi dell’agenzia, specificatamente l’interpello 910/284-2020 dell’Agenzia delle Entrate Regione Marche.

Ultima premessa, sappiamo che la prassi altri non obbliga, che l’Agenzia delle Entrate e non già il contribuente, il quale può in termini assoluti assumere anche comportamenti diametralmente opposti a quelli “consigliati” dall’Agenzia, ben sapendo che entrambi potranno in seconda istanza, rivolgersi ad un organo “teoricamente super partes”, il giudice tributario, in questo contesto opportunamente equiparabile al “VAR” di calcistica memoria, non mi esprimo invece (come per il VAR) su quanto le sue determinazioni siano scevre da condizionamenti.

Fatte queste premesse, affrontiamo la questione, lo facciamo esaminando un primo provvedimento legislativo l’art.121 del DL 34/2020, che sancisce la possibilità per i contribuenti della cessione di un credito d'imposta “pari alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari” questo in alternativa all’uso diretto in dichiarazione.

Secondo l’Agenzia è proprio in queste poche righe il senso della risposta, ribadendo che, nella formulazione dell'articolo 121, il legislatore, disciplinando l'utilizzo alternativo alla detrazione spettante (sconto in fattura o cessione del credito), non ha, invero, previsto la possibilità di un utilizzo "promiscuo" della stessa (parte direttamente e parte tramite cessione); tale eventualità non e stata, peraltro, neppure prevista nel Provvedimento del Direttore dell'Agenzia (n. 283847/2020 sopra richiamato) attuativo degli articoli 119 e 121 del Decreto Rilancio, a conferma di ciò, si legge nel corpo dell’interpello, c’è che al paragrafo 7 della Circolare n. 24/E dell'8 agosto 2020 viene precisato: “Ai sensi dell'articolo 121 del Decreto Rilancio, i soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per gli interventi elencati al paragrafo 7.2 possono optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante in sede di dichiarazione dei  redditi relativa all'anno di riferimento delle spese, alternativamente, con uno sconto da calcolarsi sul prezzo praticato dal fornitore oppure con la cessione di un credito corrispondente al credito spettante. “

La stessa circolare osserva l’agenzia, prefigura una sola ipotesi di utilizzo che potremmo a ragione definire “promiscuo” e cioè la quota di prezzo non scontato che potrà, a scelta del contribuente essere fruito come detrazione nella propria dichiarazione dei redditi oppure ceduto sempre per la parte rimasta a carico.

Concludendo è di tutta evidenza che la somma che il contribuente sarà chiamato a gestire dovrà essere considerata per intero e con riferimento all’anno di sostentamento della stessa, da ciò consegue, che non è data possibilità di diversificare l’utilizzo dei crediti scaturenti da ogni singolo documento in funzione delle proprie esigenze, ma piuttosto c’è la necessità di assumere un comportamento coerente con l’intero importo del lavoro, fatta salva l’unica ipotesi, di sconto in fattura e per la sola parte rimasta a carico del contribuente rispetto alla quale sono fatte salve le due possibilità di utilizzo in detrazione o cessione, ovviamente l’utilizzo dell’una esclude l’altra possibilità.

Vi sono poi altre situazioni che al di fuori di quella rappresentata ci inducono a ritenere impossibile la cessione parziale del credito, al riguardo vi rimando a:

  1. Caf News 24 del 06 aprile 2022 ore 09:00 / Pubblicato in: Bonus Edilizi.
  2. Caf News 24 del 02 maggio 2022 ore 09:00 / Pubblicato in: Bonus Edilizi
Print
Rate this article:
3.0

Speciali

Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od integrare le domande già presentate.

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

L’Assegno Unico Universale stenta a partire

l'Inps evidenzia quante siano ancora poche le richieste trasmesse, importante sollecitare i cittadini a presentare le domande

Bonus Edilizi

IMPORTANTE CHIARIMENTO DEL DIRETTORE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVAMENTE AL FRAZIONAMENTO DEI CREDITI IN CESSIONE

Troverà posto nella prossima prassi dell’Agenzia delle Entrate un importante chiarimento da parte del Direttore dell’Agenzia delle Entrate relativamente alla cessione frazionata dei bonus edilizi.

ANCORA SULLA IMPOSSIBILITA’ DI PROCEDERE AD UNA CESSIONE PARZIALE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che non è rimessa al contribuente la facoltà di optare per un diverso trattamento delle spese relative al...

CHIARIMENTO SULL’INSERIMENTO DELLE DIVERSE COMPONENTI IN FATTURA NEL CASO DI BONUS EDILIZI

In relazione allo sconto o cessione, in relazione al visto di conformità nascono dubbi circa l’inserimento delle voci di spesa in fattura.

L'approfondimento

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Anche per l’anno 2022 i redditi dominicali ed agrari non concorrono alla base imponibile irpef, ma a quali condizioni?

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

Commenti

Un recente interpello all’Agenzia delle Entrate, permette di chiarire a chi spetta l'obbligo di presentazione della successione a prescindere dalla qualità di erede, testamentario o legittimo.

IMU scadenze immutate e qualche dubbio in più nell’attesa che si compia la revisione del sistema

Concessi trenta giorni in più solo per il pagamento in un’unica soluzione degli avvisi bonari

La giurisprudenza tributaria fa breccia nella presunzione prevista all’art. 26 co.2 del TUIR nel caso di immobile cointestato e concesso in locazione da uno solo dei proprietari.

Prende il via la sanzione per la mancata accettazione del pagamento elettronico da parte dei titolari di partita iva

Il TAR della Campania introduce un principio foriero di ulteriori contrasti fra gli ex coniugi

Modello 730

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

L’agenzia le prova tutte per rendere sempre più appetibile la precompilata, ma non gioca sul miglioramento del servizio, l’unica freccia al suo arco sono le ancestrali paure del contribuente
L’Agenzia delle Entrate chiarisce gli effetti della trasmissione tardiva della dichiarazione
La riforma delle aliquote IRPEF 2022 denota la volontà, da parte del legislatore, rispetto al passato, di premiare non solo i redditi di fascia medio-bassa

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021