AREA RISERVATA - CAF MCL

È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI

Caf News 24
/ Pubblicato in: Bonus Edilizi
È ONERE DEL COMMITTENTE DEI LAVORI VERIFICARE L’INDICAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI 679 0

La mancata indicazione del CCNL di riferimento è sanabile

articolo di cafnews24

Con la circolare 19/E del 27 maggio 2022, sono state fornite ulteriori indicazioni in relazione alle misure antifrode relativamente ai bonus e ai superbonus. In particolare il paragrafo 8, tratta del nuovo obbligo d’indicazione - sia nell’atto di affidamento dei lavori che nelle relative fatture - dei contratti collettivi di lavoro applicati.

Fermo restando il rispetto della verifica della congruità dell’incidenza della manodopera impiegata nella realizzazione dei lavori edili (decreto del ministro del Lavoro e delle politiche sociali 25 giugno 2021, n. 143) comportante l’obbligo per il committente (pubblico o privato) di richiedere all’impresa affidataria l’attestazione di congruità, prima di procedere al saldo finale dei lavori, nonché dell’obbligo di verifica dell’idoneità tecnico professionale (articolo 26, comma 1, lettera a), del Dlgs 81/2008), occorrerà procedere all’indicazione del contratto collettivo applicato nell’atto di affidamento dei lavori, oltre che nelle relative fatture emesse.

E’ preciso obbligo del committente richiedere e successivamente verificare, l’inserimento dell’indicazione dei contratti collettivi.

Il venir meno a tale obbligo e l’eventuale omessa indicazione di quanto prescritto determina il mancato riconoscimento dei benefici fiscali previsti.

Si ricorda che tale obbligo vige con riferimento ai lavori edili di valore complessivo superiore a 70mila euro. Lavori complessivi, questo significa che il parametrò andrà verificato con riferimento all’intero delle attività e non già alla sola parte edile, perciò considerando ad esempio anche i materiali.

Importante sapere un ulteriore aspetto e cioè che tale obbligo ed il relativo riferimento in termini di valore vige anche nel caso in cui il contratto di affidamento dei lavori venga stipulato tramite un general contractor, oppure i lavori edili vengano eseguiti attraverso un rapporto di subappalto.

E’ comunque bene sapere, che anche nella sventurata ipotesi che il lavoro fosse di valore complessivo superiore a 70.000,00 euro e che sia nell’atto di affidamento che nella fattura non fosse stato riportato il CCNL applicato non tutto è perduto. Sarà in questo caso necessario che il committente, acquisisca e disponga di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dall’impresa, che attesti quale sia il contratto collettivo applicato nell’esecuzione dei lavori edili relativi alla fattura medesima. Tale dichiarazione dovrà essere esibita dal contribuente ai soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità, nonché, su richiesta, agli uffici dell’amministrazione finanziaria.

Print
Rate this article:
No rating

Speciali

Assegno Unico Universale

REMINDER: IL 30 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER AVER RICONOSCIUTI GLI ARRETRATI RELATIVI ALL’ASSEGNO UNICO DAL MESE DI MARZO

Accorgimenti per aver garantiti gli arretrati dal mese di marzo 2022, nel caso si trasmetta entro il termine del 30 giugno la richiesta di Assegno Unico Universale

INPS COMUNICA LA DISPONIBILITA’ DI TRE NUOVE FUNZIONI PER CORREGGERE OD INTEGRARE LE DOMANDE

Con il messaggio n. 1962/2022 del 09 maggio, l’Inps mette a disposizione, nella procedura online, tre possibilità per correggere od...

INPS CON IL MESSAGGIO DEL 20 APRILE UN FOCUS SU CRITERI DI SPETTANZA

L’Inps fornisce importanti chiarimenti su talune particolari questioni: genitori separati, nuclei numerosi e figli che nel frattempo sono...

Bonus Edilizi

CESSIONE INCAGLIATA VEDIAMO LA SOLUZIONE

Piccola guida per risolvere l’empasse delle cessioni bloccate

IMPORTANTE NOVITA’ SULLA SOLIDARIETA’ IN RELAZIONE ALLE RESPONSABILITA’ PER CESSIONE CREDITI

Il decreto aiuti ridisegna i limiti della responsabilità solidale nel caso di cessione fraudolenta di crediti

ANCORA SUL RAGGIUNGIMENTO DELLA SOGLIA DEL 30%

La Commissione consultiva per il monitoraggio dell’applicazione del D.M. 28/02/2017, n. 58 interviene con indicazioni precise …. ma...

L'approfondimento

Analisi termini per: spedizione, modifica ed integrazione dei modelli 730/22

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un’analisi della questione relativa al permanere del beneficio alla luce del recente giudicato da parte della Cassazione e dell’evoluzione normativa.

Commenti

Una sentenza della Suprema Corte incide sulla determinazione delle sanzioni per tardiva registrazione dei contratti di affitto

Un emendamento al Decreto “ Aiuti bis” prevede l’elevazione del limite di impignorabilita’ delle pensioni

Modello semplificato per installazione pannelli fotovoltaici

Nella Legge di Bilancio, al netto degli effetti legati agli esiti delle elezioni, potrebbe trovare spazio una nuova pace fiscale.

Modello 730

Le possibili cause della mancanza della precompilata nel cassetto fiscale dei contribuenti

L’Agenzia delle Entrate sospende l’invio delle comunicazioni di irregolarità e delle lettere su compliance dall’ultima settimana di luglio fino alla seconda settimana di settembre

Modelli 730 e precompilate da rifare, una comunicazione del Presidente dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti denuncia una situazione inaccettabile

La dichiarazione modello 730/2022 precompilata sarà a disposizione nell’area riservata dei contribuenti dal 23 maggio

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

Un breve reminder delle attività connesse all’assistenza fiscale, ogni cittadino dovrebbe mettere in pratica prima di recarsi al CAF

CafNews24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Roma Il 20/10/2021 con n. 167/2021