TRA LE EROGAZIONI LIBERALI DA INDICARE NEL MODELLO 730/2021 TROVANO SPAZIO ANCHE LE EROGAZIONI LIBERALI, IN DENARO E IN NATURA, EFFETTUATE NELL’ANNO 2020 PER FINANZIARE GLI INTERVENTI DI CONTENIMENTO

News 24
/ Categories: Caf News 24, Detrazioni
TRA LE EROGAZIONI LIBERALI DA INDICARE NEL MODELLO 730/2021 TROVANO SPAZIO ANCHE LE EROGAZIONI LIBERALI, IN DENARO E IN NATURA, EFFETTUATE NELL’ANNO 2020 PER FINANZIARE GLI INTERVENTI DI CONTENIMENTO 3948 0

PER LE PERSONE FISICHE E GLI ENTI NON COMMERCIALI IL DECRETO CURA ITALIA HA RICONOSCIUTO UNA DETRAZIONE DALL’IMPOSTA SUL REDDITO PARI AL 30% DELL’IMPORTO DELLE EROGAZIONI IN DENARO O DEL VALORE DI QUELLE IN NATURA, FINO A UN MASSIMO DI 30.000 EURO.

Nel nuovo modello 730,  approdano le spese che danno diritto a una detrazione d’imposta o a una deduzione dal reddito complessivo del contribuente. Tra le tante, un posto significativo occupano da sempre le erogazioni liberali in denaro o in natura effettuate, a fronte delle quali si deve compilare il quadro E - Oneri e Spese.

La dichiarazione delle erogazioni fatte passa attraverso un’importante distinzione, in relazione alla quale si dovrà compilare la sezione I ovvero la sezione II del quadro E.

La differenza è legata al regime fiscale previsto per la singola detrazione, visto che l’erogazione può prevedere una detrazione d’imposta - nella misura del 19% o del 26% o del 30 (vedi il caso delle erogazioni liberali alle ONLUS o alle APS) o del 35% (come nel caso di erogazioni liberali alle OV) - ovvero una deduzione dal reddito complessivo (per esempio nella fattispecie di erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose).

Quest’anno, tra l’altro, il modello 730 accoglie nel quadro E importanti novità anche con riferimento all’istituto delle erogazioni liberarli: infatti, il contribuente dovrà dare evidenza delle elargizioni fatte per finanziare gli interventi di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, disposte durante la pandemia dal decreto Cura Italia e per le quali alle persone fisiche è riconosciuta una detrazione fiscale del 30%.

La norma ha previsto per l’anno 2020 una specifica agevolazione volta a favorire il regime delle erogazioni liberali, in denaro e in natura - queste ultime, ad esempio, legate alla donazione di apparecchiature per l’assistenza medica e ospedaliera - effettuate nel corso del 2020 da imprenditori o da persone fisiche durante l’emergenza.

Print
Rate this article:
2.4
Empty
Click + to add content